Mini Golf One Button Style

Il minigolf (quello "vero") è una di quelle attività capaci di riportare chiunque ad uno stato mentale pre-adolescenziale (un po' come il videogame...), appassionando ogni volta che viene avvicinato in virtù dei suoi percorsi colorati e fantasiosi e della facilità con cui può essere giocato anche da chi non ha mai preso un putter in mano;
Sarà forse per questo che si presta così bene ad essere convertito in ambito videoludico...

Questo Mini Golf O.B.S. rispetta appieno tutte le caratteristiche sopracitate, presentando 18 buche piacevolmente varie per composizione e forma, con un'impostazione che ricorda il Mini Golf della Bally per la visuale perfettamente dall'alto, mentre per la varietà dei percorsi mutua alcune buone idee da mostri sacri del genere quali il mitico Zany Golf.
Ma ciò che rende assolutamente particolare questo game è il sistema di controllo:
Nell'osservanza delle regole della competizione per la quale questo gioco è stato creato, tutto, dai menu all'azione in-game, viene gestito tramite un unico pulsante!


Questa peculiarità ha ovviamente delle notevoli ripercussioni sul gameplay, ed è uno dei motivi per cui ho preferito catalogare questo game come Arcade piuttosto che come Simulazione:
La sola selezione della direzione di tiro rappresenta una sfida a sè, in quanto dovremo riuscire a fermare la freccia che rotea attorno alla nostra pallina nella posizione migliore per andare in buca, e fatto questo toccherà alla barra della forza di tiro essere fermata così per non spedire la pallina in orbita e al tempo stesso non ritrovarcela a 2 cm. dalla posizione di partenza.
A questo c'è ovviamente da aggiungere la difficoltà crescente (o, come dice l'autore:"[...]ever increasing bastarditiy") insita nel design dei percorsi, vario quanto basta per non far scemare l'interesse man mano che ci avvicinamo alla fatidica 18^ buca grazie anche all'aggiunta di particolarità che vanno dai classici mulini a vento fino ai treni...

Graficamente ci troviamo di fronte ad un ottimo prodotto, che compensa la semplicità derivante dalla visuale dall'alto con delle buone textures di erba, sabbia, rocce, mattoni e quant'altro, ombreggiate quel tanto che basta a dare la giusta profondità al tutto; inoltre si notano alcune finezze come la dissolvenza del fumo alla 7^ buca, la trasparenza che ci permette di continuare a seguire la pallina anche in zone coperte alla vista o la scia lasciata dalla sfera durante la sua corsa.

L'audio è assolutamente minimale, con solamente qualche effetto che emerge dal silenzio totale.


Infine per quel che concerne la giocabilità, oltre a quanto già detto poco sopra, c'è da segnalare la presenza delle classiche tre modalità Solo Play (con premi per le prestazioni migliori in ogni buca), Tournament (fino a 19 giocatori) e Practice, di tre livelli di difficoltà selezionabili in base al personaggio scelto ad inizio partita e di un'unica nota dolente: la risposta della pallina al contatto con gli ostacoli non è sempre perfetta, ed in particolare lanciando non troppo angolato contro un muretto curvo o comunque non perpendicolare, può capitare che la sfera torni dritta verso di voi ignorando 2 o 3 leggi della fisica a caso; ad ogni modo non si tratta assolutamente di qualcosa che possa inficiare un game immediato, divertente e dal gusto vagamente retrò come Mini Golf One Button Style.

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
                _____         
__ _ ___ |___ / __ _
/ _` | / __| |_ \ / _` |
| (_| | \__ \ ___) | | (_| |
\__, | |___/ |____/ \__, |
|___/ |___/
Enter the code depicted in ASCII art style.