La storia parla del giovane contadino Diermot, ingaggiato per una battuta di caccia, che si trova senza volere in mezzo alla battaglia tra bene e male, con lo scopo di riportare la pace nel ridente villaggio di Turnvale.
A lui si affiancherà un personaggio fin dall'inizio che potrete comandare e dare ordini, come una sorta di secondo protagonista.
Quest'avventura, ambientata nel medioevo e uscita nel 1992, fu un'innovazione soprattutto per l'introduzione di un nuovo sistema di gioco chiamato Virtual Theatre.
L'innovazione consisteva nel fatto che ogni personaggio si muove in maniera autonoma, facendosi in tutti i sensi gli affari propri e questa, che è di certo una grossa innovazione, aumenta la difficoltà del gioco (trovare uno dei personaggi a volte diventa un'impresa).

L'interfaccia a mio parere un pò anomala e scomoda da utilizzare è ben lontana dallo SCUMM o per riferirci alla Revolution Software, ai titoli che verranno negli anni a venire (Beneath a Steel Sky - già recensito su queste pagine, ndr - e Broken Sword ad esempio).
E' inoltre da sottolineare che molte azioni possono arricchire la storia ma a volte sono inutili per lo svolgimento del gioco.

Come in molti altri giochi per sbloccare alcune azioni, occorre aver osservato tutto l'osservabile e parlato di tutto il parlabile.
Nel villaggio, prima di cominciare ad agire, giratevi tutte le locazioni e cercate di memorizzarne il percorso: se per caso non riuscite più a raggiungere una locazione in cui siete già stati potete ordinare a Ratpouch di raggiungerla: voi lo seguirete ed il gioco è fatto!
Ci sono più modi di portare a termine uno specifico compito. A voi scoprire i metodi alternativi!

Cosa intendo? Mi spiego. L'interfaccia e la trama fanno scadere molto il gioco. La storia non è molto complessa né articolata e gli enigmi sono molto facili. La grafica però risolleva un pò la valutazione e il sonoro non è dei peggiori. Nel complesso direi che la Revolution Software poteva solo fare meglio. E lo ha fatto con Beneath a Steel Sky.

Nota bene: Il gioco è stato rilasciato come Freeware dalla Revolution Software nel 2003.
Nel sito ufficiale sono disponibili anche le versioni in inglese, francese e tedesco.

Cito dal sito ufficiale:
Simply unzip to a directory and run the "lure.exe".
Although Lure of the Temptress is over 10 years old, compatibility is pretty good and you should find it runs ok. If it doesn't, we don't know why.
Important! When the game first begins, move the cursor to the menu at the top of the screen and RESTART the game. This bypasses the copy protection system.
Have fun!