Beneath a Steel Sky

Beneath a steel sky nasce da un breve fumetto di Dave Gibbons (compreso nella confezione originale), che ha poi collaborato con la Revolution Software per l'ambientazione dell'avventura (Union City).

Il protagonista risponde al nome di Robert, il cui padre ha collaborato al progetto di creazione di una intelligenza artificiale - LINC - riuscita così bene (o così male) da ereditare dall'uomo il desiderio di dominio. LINC elimina i suoi creatori, prende il controllo di Union City e costringe il piccolo Robert e sua madre alla fuga verso un'altra città, Hobart.
Sfortunatamente (o fatalmente) l'elicottero che li trasporta precipita. Robert sopravvive all'incidente e cresce sotto la tutela degli abitanti delle terre selvagge che gli danno un cognome, Foster. In questo periodo, il nostro eroe fa la conoscenza di Joey, un robot dal freddo sarcasmo che gli sarà più volte utile nella sua vita.
Robert Foster diviene un uomo, ma le sue sventure non sono terminate; viene cercato e catturato da un elicottero della sicurezza di Union City (controllata, come tutta la città, da LINC). Anche questa volta, l'elicottero precipita "misteriosamente" alle porte della città. Da qui, dovrete aiutare Robert a sfuggire dalla sicurezza ed a scoprire il mistero che si cela dietro questa storia.


L'aspetto migliore del gioco è sicuramente l'atmosfera: i disegni di Dave Gibbons, accompagnati dalle buone musiche, contribuiscono in modo decisivo a creare una delle migliori ambientazioni cyberpunk/fantascientifiche che io abbia mai vissuto in un videogame, riecheggiando vagamente il capolavoro di Ridley Scott, Blade Runner.
Tecnicamente, la Revolution Software adottò lo stesso motore grafico di Lure of the temptress, il Virtual Theatre, la cui caratteristica principale consiste nel fatto che i personaggi di Union City "vivono" e compiono azioni indipendetemente dal vostro intervento. Questo ha permesso di concetrare molti enigmi sull'osservazione e il ragionamento, il secondo aspetto migliore del gioco.
Altro aspetto ben riuscito è la caratterizzazione di LINC, con cui dovrete interagire attraverso dei terminali disposti nella città e perfino mediante una pseudo-realtà virtuale dove le azioni compiute hanno effetti reali su Union City.
L'unica pecca è che si può morire, per cui vi consiglio di salvare abbastanza frequentemente. Premetto che non ho mai gradito molto le avventure grafiche "stile Sierra", in cui è possibile morire e/o finire in vicoli ciechi; ovviamente, si tratta di un personalissimo punto di vista.

In conclusione, Beneath a steel sky è un must per gli amanti del genere, specie se appassionati anche di ambientazione cyberpunk/futuristica o post-apocalittica.
Un ottimo modo per spendere il vostro tempo libero.

 

Altro Anonimo scrive:20/09/2014 - 15:47

p.s. il link "sito ufficiale" porta ad un 404 not found. LINC ci guarda...

Ragfox scrive:20/09/2014 - 21:34

Grazie, ho fatto in modo che il link punti direttamente al sito della Revolution.

Altro Anonimo scrive:20/09/2014 - 15:43

beh, dai, i punti in cui puoi morire in questo gioco sono molti meno rispetto a quelli di altre avventure. I punti meno "onesti" sono nelle gallerie sotterranee, lì sei "obbligato" a morire almeno 1/2 volte prima di capire come proseguire... ma l'animazione del mostro è così bella (per il 1994!) che perdono gli autori! Inoltre in questo gioco, almeno per quanto ho visto io, è impossibile finire in un vicolo cieco (in giochi più vecchi capitava di distruggere per sbaglio un oggetto fondamentale o dimenticare di raccoglierlo e non poter più tornare indietro).

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
   ___     __      __     _     
( _ ) / /_ / /_ | |__
/ _ \ | '_ \ | '_ \ | '_ \
| (_) | | (_) | | (_) | | |_) |
\___/ \___/ \___/ |_.__/
Enter the code depicted in ASCII art style.