Prosegue il nostro viaggio alla scoperta degli 80 titoli in concorso all'IFComp 2017!
Continuiamo ad esaminare i titoli brevi, indicati come inferiori ai 30 minuti. 
 
 
---------------
 
 
Étude Circulár 
Adam Black
 
Un po’ poesia circolare, che inizia dove finisce; un po’ trollaggio puro, un po’ ermetismo fine a se stesso. 
È una lettura che può stimolare qualche riflessione, ma che per i miei gusti ha troppe pretese e quasi nessuna interattività. 
Mi sembra che non aggiunga nulla al genere e che potesse anche essere scritta senza scomodare Twine. 
 
 
 
---------
 
 
Deshaun Steven's Ship Log 
Marie L. Vibbert
 
Deshaun has spent his adult years - all five of them - working on a space cruise ship, setting light and sound cues for untalented Lido deck performers. Waking up hung-over on New Year's Day, he vows that this year his life will change. He doesn't know how correct he will be.
 
Breve gioco scritto in Twine, ironico e sarcastico, che ci fa impersonare un tipo un po’ sfigato e senza grandi pretese, che mi ha ricordato per certi aspetti il Drugo. Costui sbarca il lunario come tecnico del suono a bordo di una nave spaziale da crociera, destinata ad incontrare una razza aliena (ma anche questo, come tutto il resto nella sua vita, senza troppo clamore). Sovrappeso, senza prospettive lavorative, e senza ragazza (ma -ovviamente- con una ex problematica). 
Nel poco tempo che ci viene concesso dovremmo affrontare (con esiti più o meno imprevedibili) quattro problemi esistenziali del nostro povero inetto, che vanno dal suo sovrappeso fino alla sua ex fidanzata.
Quattro possibili finali, in base al grado di successo, tutti indiscutibilmente sfigati. 
 
Il gioco vanta una struttura abbastanza complessa e interattiva, tanto da meritarsi anche una seconda partita per approfondire meglio le possibilità che offre.
Interessanti alcuni sporadici enigmi linguistici, in cui (per conversare con gli alieni) il gioco ci chiede di eliminare le parole superflue dai nostri discorsi.
 
Il punto forte del gioco resta comunque la scrittura, abbastanza arguta e pungente da sostenere l’esperienza.
 
 
 
----------
 
 
Nyna Lives 
Sarah Rhiannon Nowack 
 
The life of a witch's cat is no stroll in the park. It's more like a stroll through monster-infested woods, over temperamental streams, and across festering swamps. But you can handle it, right?
Hurry home, your mistress awaits...
 
Questo gioco scritto in Twine ci mette nei panni di un gatto speciale, il famiglio di una strega, da lei incaricato di raccogliere un fiore (l’ultimo della stagione) che servrà come ingrediente per una pozione magica.
Nyna Lives dovrebbe essere il primo capitolo di una storia più lunga.
 
È una storia molto lineare, parzialmente camuffata da CYOA, dove però ogni scelta ha spesso solo due alternative secche: una ci uccide, l’altra ci fa avanzare (... e meno male che siamo un gatto dalle nove vite!).
Oltretutto queste scelte devono essere compiute sostanzialmente alla cieca, senza poter usare nessun tipo di strategia, annullando quindi ogni barlume di gameplay.
La scrittura è buona, anche se troppo prolissa.
Non sufficientemente interessante.
 
 
 
-----------
 
 
a partial list of things for which i am grateful 
Devon Guinn 
 
Generatore casuale che produce liste di cose per le quali l’autore è grato.
Sinceramente ho difficoltà a comprendere titoli di questo tipo, tanto più quando il loro contenuto mi appare poco poetico o poco suggestivo, come in questo caso.
Difficile trovare una vera utilità o un significato. Insufficiente.