Cavequest (1985)

Bentornati avventurieri!Preparate i fazzoletti, o valorosi, perché dopo questo articolo ci fermiamo per qualche settimana, ma non temete, abbiamo in serbo per voi sorprese mirabolanti!
Tanto per cominciare, il nostro Staff, dopo aver passato al setaccio ogni angolo del "Dark Web", ha rintracciato (e stalkerato) l'autore scomparso di
Caverns of Zoarre, il mitico Thomas Hanlin III. Sappiate che ho parlato personalmente con Tom, sembrerebbe in buona salute (almeno fisicamente), ma non si occupa più di videogiochi. Chissà se il vecchio Tom, attore (al massimo un generico) di un'epoca unica e irripetibile della storia dei videogiochi, ci concederà un'intervista: intanto voi pensate a cosa vorreste chiedergli e ... sì, gli ho già chiesto del "Freen"!
Inoltre sono ormai pronti i nuovi articoli del Digital Antiquarian, con la sapiente traduzione del nostro The Ancient One e, forse, ripartiremo proprio con quelli.
Intanto non resta che leggerci la nuova recensione del CRPG Addict, alle prese con
Cavequest e, colpo di scena, non è un plagio di DND!
 
Di seguito la commovente lista dei giochi trattati in questo nuovo ciclo di recensioni del CRPG Addict:
 
Cavequest (1985)
 
Buona lettura!
 

Festuceto

Cavequest
Lightwave Consultants (Sviluppatore); pubblicato come shareware
Pubblicato nel 1985 per DOS
Data inizio: 27 Luglio 2010
Data fine: 14 Marzo 2016
Ore totali: 3
Caricamenti: 2
Difficoltà: Moderata (3/5)
Punteggio finale: 12
Posizionamento in classifica al momento del post: 16/212 (8%)
Nell'ultimo paio di anni, ho avuto diverse opportunità di rivisitare titoli che avevo trattato troppo in fretta durante il mio primo anno di blog. Diversi di essi erano stati oggetto di una serie di post di “recupero titoli arretrati” che feci nel 2010 dopo aver compreso che alla lista di Wikipedia mancavano tonnellate di giochi e  qualcuno mi aveva indirizzato verso MobyGames. Poiché all’epoca ero ansioso di rimettermi in pari velocemente, trattai quei giochi “alla meglio” (per usare un eufemismo). Non assegnai loro un numero ufficiale, non gli diedi un voto sulla mia scala GIMLET, non li giocai troppo a lungo, e nel caso di DND e di Caverns of Zoarre non realizzai nemmeno che potevano essere completati. Da allora ho rimediato con The Wizard's Castle, DND, e Caverns of Zoarre, e nei prossimi anni farò lo stesso con Amulet of Yendor e Leygref's Castle.
 
Cavequest è un’eccezione. La prima volta che l’ho giocato avevo capito tutto. Si tratta di un GDR shareware piuttosto primitivo, che già nel 1985 sembrava un po’ datato. Il mio post di Luglio 2010 se ne occupa in modo adeguato, credo, lasciandomi solo un motivo per rivisitare qui il gioco: dargli un numero e un voto ufficiali. Questo però significa doverlo rigiocare abbastanza da ricordarmi come funzionava. Per questo non credo che qui troverete molto di più di quanto non avessi già scritto nel post ufficiale; ed è per questo che ve lo offro come “post bonus”, fra due post più sostanziosi: nessuno dovrebbe aspettare tre giorni per leggerlo.
 
Il gioco è un’offerta shareware della Lightwave Consultants con sede a Tampa in Florida. La società aveva pubblicato anche un word processor, un indirizzario, e una “sistema esperto di intelligenza artificiale”. Lo sviluppatore di questi programmi (sospetto fosse uno solo) si definisce “io” per tutta la documentazione, e infatti non riesco a dargli un nome. In più non riesco a trovare prova che egli abbia prodotto altri giochi, anche se la schermata del titolo promette altre eccitanti avventure della serie Cavequest.
 
Il personaggio del gioco è un avatar inviato da Zeus per aiutare dei cittadini assediati alle prese con un'infestazione di mostri che sciamano dalle proprie caverne (questa è solo una storia di contorno; il gioco vero e proprio non presenta alcuna città, né tantomeno dei cittadini). La creazione del personaggio consiste nel dare un nome al proprio avatar, e distribuire 9000 "punti vita" tra intelligenza, carsima, forza, destrezza, resistenza e "abilità magiche".
La creazione del personaggio.
 
Premi INVIO per “comprare” un incremento della caratteristica.
 
Usa le frecce direzionali per selezionare l’oggetto
 
I punti vita inutilizzati saranno convertiti in Argento
  
Bisogna lasciarsi da parte dei punti vita, perché essi vengono convertiti in argento, che possiamo utilizzare per comprare le nostre prime armi e armature.
Esistono anche armi diverse dalle spade, Lightwave.
 
Armatura: Cuoio
Cuoio
Brognie
Cotta di Maglia
Armatura a Piastre Parziale
Armatura a Piastre Completa
 
Arma: Spada Larga
Coltello
Pugnale
Spada Corta
Spada Larga
Spadone
 
Oggetti:
Frecce
Lance
Arco
 
Scudo: nessuno
Scudo Piccolo
Scudo Grande
Lascia qui
 
Il “covo delle streghe” all’esterno della grotta vende sia oggetti magici che la possibilità di aggiungere miglioramenti magici ad armi e armature; un’insolita aggiunta rispetto ai GDR dell’epoca, che fa sì che il denaro non smetta mai di essere utile.
Questa è la schermata più elegante del gioco. Da qui in poi le cose potranno solo peggiorare.
 
Magia:
Aggiungi magia alla tua armatura
Aggiungi magia alla tua lama
 
Armi magiche:
Frecce magiche
Lance magiche
 
Oggetti:
Mantello magico
Talismano
Esplosione di Luce
Palla di Fuoco
Sfera dell’Essenza
Medaglione di Kort
Anello di Zeus
Cappello a Punta di Merlino
Incantesimo di Eliakim
Incantesimo di Gigos
Sali Magici
 
Fatto questo, si va dritti nelle grotte. Si può scegliere fra i Livelli 1 e 5, con i mostri conseguentemente adeguati quanto a difficoltà. Le creature appaiono una alla volta appena si entra nelle loro stanze: gli si possono lanciare contro frecce, frecce magiche, lance, lance magiche, o incantesimi. Oppure si può aspettare che vengano in corpo a corpo e attaccarli con armi da mischia.
La grafica, come potete vedere, è orrenda, con simboli casuali a rappresentare le pareti (cambiano ogni volta che si cambia schermata) e l'orribile contrasto fra lo sfondo e i colori in primo piano. Di solito, quando un gioco ha un aspetto tanto pessimo è perché ho sbagliato io qualcosa nelle impostazione. Ebbene, stavolta si direbbe che non è così, perché tutti gli screenshot che trovo online hanno questo aspetto e armeggiando con le modalità video in DOSBox non ho ottenuto risultati migliori.
 
I tesori sono disseminati per il dungeon. Appena si esce vengono subito convertiti in argento. Fra una visita e l’altra, si possono spendere i “punti vita” (che in sostanza sono punti esperienza) per migliorare le nostre statistiche e i tesori accumulati per acquistare armi, armature, oggetti magici, e potenziamenti.
Qui sto per raccogliere un tesoro.
 
Mostro ucciso.
 
Ti ho colpito!!
   
Ed il gioco è davvero tutto qui. Il manuale non dice mai che si possa “vincere”; anzi, dice esplicitamente che lo scopo del gioco è semplicemente quello di divertirsi, viaggiando in un altro mondo, bla, bla, bla...
   
Se non altro, la cosa positiva di rigiocare questo Cavequest a sei anni di distanza dalla mia precedente partita, è che adesso posso identificare meglio le sue origini. Il me stesso del 2010 ci avrebbe trovato delle similitudini con la linea evolutiva di DND o magari con la serie di Dunjonquest, ma il me stesso del 2016 sa che quello che abbiamo qui è semplicemente un’altra variante della serie Quest, iniziata con il Quest 1 del 1981 di Brian Reynold, e continuata con Super Quest (1983), e poi con Dungeons, Dragons, and Other Perils (1984). Qui lo sviluppatore ha introdotto una backstory diversa, ha aggiunto delle opzioni fuori dal dungeon (devo ammettere che il negozio delle streghe è alquanto innovativo), e ha migliorato la grafica dei mostri, ma rimane sempre e comunque lo stesso gioco, a partire dalle stanze numerate, dai comandi di base, dalla suddivisione delle frecce (in normali e magiche), dall’indicazione della salute con una percentuale, e dal modo in cui all’interno di una singola stanza più mostri ci attaccano uno alla volta.
[ed in effetti nella nostra traduzione italiana del CRPG Addict, riprendendo l’errore originale dell’autore, lo pubblichiamo proprio nella serie di articoli dedicata alla linea evolutiva del DND; ndAncient]
Qui sto cercando il giusto allineamento per scagliare una freccia. Nel primo livello ci sono principalmente scheletri.
 
Lo sviluppatore di Cavequest poi ha aggiunto un’altra cosa che rende il gioco peggiore (o che, almeno, lo ha fatto invecchiare in modo peggiore) dei suoi predecessori: oltre che quella della “salute”, il personaggio ha anche la barra della “stamina”, che si svuota con ogni azione, inclusi movimento, sparare, attaccare, e lanciare incantesimi. Si svuota velocemente: anche solo camminare per una stanza la può portare dal 100% allo 0% in pochissimo tempo. E a quel punto è necessario aspettare che si riempia. Anche la salute si riempie col tempo, seppur molto più lentamente.
 
La velocità della CPU di default di DOSBox di 3.000 cicli consente di riempire entrambi i valori così velocemente da renderlo in pratica istantaneo, ma i nemici si muovono così velocemente da ucciderci appena entriamo nelle loro stanze. Abbattere i cicli a 300 fa muovere i mostri ad una velocità accettabile, ma ci vogliono circa 30 secondi per tornare a pieno di Stamina dopo un combattimento, o anche solo dopo aver attraversato una stanza. Non so quale sia il valore che meglio rispecchia l’esperienza originale, ma di certo i giocatore del 1985 o passavano un sacco di tempo ad aspettare o dovevano affrontare dei mostri incredibilmente veloci.
Sai cosa, Zeus? Credo di stare bene.
 
Zeus parla!!
 
Mi hai molto deluso, ma ti darò un’altra possibilità.
 
Tutto il tuo argento, i tuoi punti vita, e i tuoi tesori sono perduti.
 
Premi “C” per continuare.
 
Un GIMLET è in grado di sviscerare a dovere questo gioco:
  • - 1 punto per il mondo di gioco. La storia di contorno che riguarda Zeus è originale, ma è solo di contorno e non ha alcun ruolo nel gioco.
     
  • - 3 punti per creazione e sviluppo del personaggio. Mi piace la possibilità di spendere l’esperienza direttamente sulle caratteristiche base.
     
  • - 0 punti per l’assenza di PNG.
     
  • - 1 punto per incontri e nemici: si tratta quasi completamente di mostri di ispirazione D&D.
     
  • - 1 punto per magia e combattimento: non c’è tempo per tattiche di nessun genere. In sostanza si spara e si ammazza.
     
  • - 3 punti per la decente selezione dell’equipaggiamento, fra cui una certa varietà di oggetti magici.
     
  • - 3 punti per l’economia, che non diventa mai superflua, con la possibilità di incantare armi e armature, e di comprare equipaggiamento di alto livello.
     
  • - 0 punti per l’assenza totale di quest.
     
  • - 1 punto per grafica, sonoro, e interfaccia. La grafica è orribile, il sonoro è composto solo da bip perforanti. L’interfaccia da tastiera è buona.
     
  • - 0 punti per il gameplay. Raramente do uno 0 in questo categoria, ma non c’è davvero alcuna gioia nell’avventurarsi nei corridoi di queste grotte.
Questo ci dà un punteggio finale di 12, più o meno come l’originale Quest 1 di circa quattro anni prima. Quest 1 era un gioco decente se consideriamo che era apparso originariamente su una rivista come codice da immettere, ma era già al limite. Chiedere l’equivalente di 75$ odierni per questo titolo è una follia. Giuro che se mi imbatto in un altro titolo di questa stupida linea evolutiva, mi metto sulle tracce dello sviluppatore e gli presento il conto per il tempo che mi ha fatto perdere! [A questo potremmo pensarci noi di OldGamesItalia; ndFestuceto]
 
The CRPG Addict è un blog, scritto da Chester Bolingbroke, che racconta il viaggio dell’autore (in ordine grossomodo cronologico) in oltre 40 anni di storia dei giochi di ruolo per computer. L’autore gioca ad un titolo, ne discute i punti di forza e di debolezza, il suo posto nella storia dei GDR per computer, l’influenza che ha avuto sui titoli successivi, e l’esperienza di affrontarlo al giorno d’oggi.
 
OldGamesItalia è lieta di presentarvi la traduzione italiana, autorizzata dall'autore! Se anche voi apprezzerete questo interessantissimo blog, non mancate di visitare la pagina ufficiale (in lingua inglese) e di sostenerlo tramite Patreon.
 
Traduzione a cura di: The Ancient One
Editing a cura di: Festuceto
 
 

 

Invia nuovo commento
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
  ____    _               ___  
|___ \ / | __ __ ( _ )
__) | | | \ \ /\ / / / _ \
/ __/ | | \ V V / | (_) |
|_____| |_| \_/\_/ \___/
Enter the code depicted in ASCII art style.