Svegliami prima di morire:

Guardate il lungo filmato introduttivo, ed ascoltate il racconto di Gina. Appena le pillole inizieranno a fare, effetto Gina cadrà in un sonno profondo. Avvicinatevi al suo comodino, e prendete sia la scatola delle pillole che il bicchiere rotto. Prendete le lenzuola dal letto vuoto, accanto al letto di Gina. Guardate sopra l’armadietto e prendete la borsa di Gina. Aprite il vostro inventario e guardatene il contenuto. All’interno della borsa troverete una scatola di fiammiferi dell’Iguana Rosa. Spostatevi verso destra ed entrate nel bagno. Prendete la bottiglietta d’alcol dalla mensola sotto lo specchio, e aprite la pattumiera, prendete la penna poi tornate nella camera di Gina. Giratevi verso la porta del bagno e studiate la mappa dell’ospedale, per vedere dove si trova il magazzino. Andate a sinistra ed uscite dalla finestra. Camminate lungo il cornicione ed entrate nella finestra accanto che, come segnato sulla mappa conduce al magazzino dell'ospedale. Guardate il libro sopra allo schedario e prendetelo. Osservate il foglio di carta all’altezza del cassetto centrale, si tratta di una cartella medica vuota. Prendetela. Raccogliete i due cuscini a sinistra della finestra. Giratevi, osservate il manichino del corpo umano e staccategli la testa. Portatevi di fronte agli scaffali e, passando il puntatore del mouse molto lentamente prendete la bomboletta spray, ed una siringa dalla scatola delle siringhe posta più o meno sullo scaffale centrale. Tornate nella camera di Gina e controllate di nuovo il contenuto della sua borsa. Ora nel vostro inventario avete anche una parrucca bionda. Combinate la parrucca con la testa del manichino. Trascinate la testa con la parrucca sul letto vuoto, e automaticamente Brian infilerà la testa con la parrucca e i due cuscini nel letto vuoto, coprendo il tutto con la coperta che avete preso in precedenza. Aprite il vostro inventario e combinate la penna con la cartella medica vuota, sfortunatamente la penna è scarica, riempite allora la siringa con l’alcol ed usatele per caricare la penna. Combinate la penna con la cartella medica, poi scambiate la cartella di Gina con la cartella medica falsa. Entrate nel bagno e guardate il filmato. Tornate nella camera di Gina e leggete il prontuario. L’unico modo per far passare l’effetto del sonnifero consiste nel far fare al paziente una doccia fredda. Guardate l’allarme antincendio, posto a sinistra, sopra il letto vuoto. Usate la bomboletta spray sul sensore dell’allarme. Automaticamente Brian userà i fiammiferi con la bomboletta spray per far scattare l’allarme e svegliare Gina. Guardate il filmato.

 

Il crocifisso misterioso:

Al termine del lungo filmato, vi ritroverete nel laboratorio della dottoressa Olivaw. Esaurite con lei tutti gli argomenti e cercate di convincerla a restaurare il crocifisso in breve tempo, ma non ci riuscirete. Osservate lo scaffale a sinistra, sul quale sono situati tutti gli oggetti che devono essere restaurati. Ogni è oggetto è numerato, ogni numero corrisponde alla priorità dell’oggetto che deve essere restaurato. Scambiate il crocifisso con il prossimo oggetto che deve essere restaurato, in questo modo il prossimo oggetto che la dottoressa Olivaw restaurerà sarà il crocifisso. Ora nel vostro inventario avete uno strano oggetto Maya. Andate a destra e prendete il pennello per talco posto accanto al distributore dell’acqua. Guardate la valigetta e prendete una boccetta di smalto incolore. Uscite dal laboratorio e andate a sinistra, scendete le scale e andate verso la sala delle mostre. Parlate con il custode, il suo nome è Willy. Prendete il suo biglietto da visita e provate a parlare con lui scegliendo un argomento qualsiasi, a questo punto Willy riceverà una telefonata e si allontanerà per un po’. Automaticamente Brian vedrà willy entrare nel laboratorio delle analisi, al quale almeno teoricamente il custode non dovrebbe avere accesso. Aspettando che Willy torni andate alla mostra dei Maya, e date un’occhiata in giro poi uscite. Parlate con Willy ed esaurite tutti gli argomenti. Tornate al piano di sopra ed avvicinatevi alla porta del laboratorio delle analisi. Usate la vernice trasparente che avete preso dalla valigetta della dottoressa sul tastierino numerico accanto alla porta del laboratorio. Andate verso il telefono pubblico e telefonate a Willy trascinando il suo biglietto da visita sul telefono. Dovrà passare un po' di tempo prima che Willy esca dal laboratorio, mentre aspettate entrate alla mostra dei Maya ed uscite subito dopo. Tornate al piano di sopra e avvicinatevi al pannello numerico posto accanto alla porta del laboratorio delle analisi. Usate il pennello con il talco sul tastierino numerico, in questo modo evidenzierete i tasti con le impronte di Willy. I pulsanti premuti dal custode sono: 1,3,7,8. Ora dovete capire l’ordine esatto che è: 8137. Entrate nel laboratorio e prendete lo strano oggetto d’oro posto accanto al kit del pronto soccorso, sotto lo strano oggetto c’è anche un foglietto, leggetelo. Provate ad aprire la camera termica e guardate il pulsante a sinistra, la serratura funziona con un sistema di riconoscimento vocale, provate a pronunciare un nome qualsiasi ma per riuscire ad entrare dovrete trovare un altro sistema. Uscite dal laboratorio e andate a sinistra. Entrate nell’ufficio di Clive. Prendete i due volumi sulla sua scrivania e, spostandoli troverete una serratura a forma di croce. Infilate lo strano oggetto nella serratura, così facendo aprirete una cassaforte. Prendete il registratore, e prima di andarvene richiudete la cassaforte. Tornate nel laboratorio di restauro ed usate il registratore sulla dottoressa Olivaw, fatele pronunciare il suo nome cosicché possiate usare la registrazione sul sistema di riconoscimento vocale. Tornate nel laboratorio delle analisi e usate il registratore sul sistema di riconoscimento vocale, ma le pile si esauriranno prima che possiate aprire la camera termica. Andate a destra in fondo alla stanza, ed osservate la tanica d’azoto liquido. Guardate a sinistra più o meno sopra la scrivania e prendete la mestola. Combinate la pila con la mestola ed usatela sulla tanica d’azoto, per ricaricare la pila. Infilate la pila carica nel registratore e usatelo nuovamente per aprire il sistema di riconoscimento vocale della camera termica. Prendete la maschera Maya e usate lo strano oggetto ( che avete preso nel laboratorio di restauro) per rimuovere il rubino. Tornate nel laboratorio di restauro e avvicinatevi al raggio laser. Sostituite il rubino della maschera con il rubino del laser per potenziare il raggio, e guardate il filmato. La dottoressa Olivaw ha bisogno di un caffè freddo per poter riprendere il suo lavoro. Uscite dal laboratorio e andate alla macchina del caffè, la spia rossa è accesa questo significa che il caffè è esaurito. Scendete e andate alla mostra dei Maya, cliccate sulla statua al centro e prendete il caffè in grani dalla ciotola. Uscite dalla mostra e parlate con Willy, dategli il caffè nel vostro inventario e chiedetegli di rifornire la macchina del caffè, ma il custode risponderà che per la macchina del caffè ci vuole il caffè in polvere. Entrate nel laboratorio di restauro, avvicinatevi alla scrivania a sinistra, ed usate i chicchi di caffè con il tornio. Tornate da Willy con il caffè in polvere, ma il custode preferisce usare il solito tipo di caffè. Salite di nuovo e guardate nella pattumiera accanto alla macchinetta. Prendete la busta vuota del caffè e riempitela con il caffè nel vostro inventario. Andate da Willy con il pacchetto di caffè, e finalmente andrà a rifornire la macchinetta. Aspettate alcuni istanti poi salite e prendete il caffè per la dottoressa. Entrate nel laboratorio di restauro e datele il suo caffè. Aspettate alcuni istanti poi rientrate nel laboratorio e prendete il crocifisso pulito. Entrate nel laboratorio delle analisi e guardate il filmato.

 

La grande fuga:

Vi risveglierete in una baracca, Brian controllerà automaticamente l’inventario nel quale non è rimasto assolutamente nulla. Andate a sinistra e guardate attraverso la fessura nella porta. Vedrete Gina nell’altra stanza mentre, legata ad una sedia mentre viene interrogata dai due teppisti. Andate a destra ed osservate la finestrella, sopra al congelatore. Provate a spingere il freezer ma essendo pieno di ghiaccio è impossibile riuscire a spostarlo. Andate verso il telefono e prendete la bottiglia di detergente dalla mensola sulla destra. Giratevi verso il congelatore e prendete lo straccio di camoscio, e il piede di porco che c’è lì vicino. Un pochino più a sinistra, dove c’era il piede di porco, c’è un gancio dell’attaccapanni, che è caduto dalla parete. Prendetelo. Andate a sinistra in fondo alla stanza, ci sono degli scatoloni tra i quali è nascosto un soffietto. Prendetelo. Aprite il vostro inventario e combinate lo straccio di camoscio con il flacone del detergente, avvicinatevi alla finestrella posta sopra il congelatore e usate lo straccio inumidito per pulire il vetro. Aprite lo sportello del freezer e staccate la spina. Il ghiaccio ora si è sciolto, ma il congelatore è ovviamente pieno d’acqua. Aprite lo scarico e fate uscire tutta l’acqua, spingete il freezer e troverete una botola. Usate il piede di porco per aprire il lucchetto, aprite la botola ed uscite. Guardate il filmato nel quale Brian farà conoscenza con tre simpatiche “ragazze”. Guardate il baule accanto a Lula e prendete il pallone da basket. Il pallone è sgonfio e tagliato ma potrebbe in ogni caso tornarvi utile. Salite sull’autobus, guardate sotto il letto accanto all’entrata accanto all’orsacchiotto, c’è una specie di maniglia, prendetela. Ora nel vostro inventario avete un utilissimo aspirapolvere. Osservate lo scaffale di fronte a voi e prendete un rossetto dal contenitore. Sotto la scatola di rossetti c’è un bel paio d’occhiali da sole. Prendeteli. Andate avanti e spostatevi verso la parte posteriore dell’ autobus. Parlate con Carla ed esaurite tutti gli argomenti. Otterrete alcune informazioni davvero utili. Usate l’aspirapolvere sulla fessura e recuperate la pillola di Carla. Guadate il tavolo alle spalle di Carla, nascosti sotto gli stivali ci sono ago e filo, prendeteli ed uscite. Cliccate a destra e apparirà una mappa con tre locazioni visibili e accessibili, ed altre locazioni segnate con un punto interrogativo, il nome apparirà solo dopo che le avrete visitate. Cliccate sul punto interrogativo appena sopra la capanna dei due malviventi e vi ritroverete vicino ad un granaio.

Guardate attraverso la fessura nella porta sbarrata, e vedrete l’aereo con il quale siete stati trasportati. Entrate nell’hangar passando dalla finestra posteriore ed osservate l’energumeno che si diverte a far canestro con le lattine della birra. Ricordate cosa ha detto Carla? Mischiando la pillola con degli alcolici otterrete una combinazione micidiale! Provate a mettere la pillola nella lattina, ma da dove siete non riuscite ad arrivarci. Aprite il vostro inventario ed usate ago e filo sul pallone, dopodiché gonfiatelo con il soffietto. Tornate all’autobus. Tirate il pallone da basket a Lula, seguite il dialogo e guardate il filmato. Quando il gorilla si allontanerà con Lula mettete la pillola nella lattina di birra, e state a guardare cosa succede. Prendete il burro di noccioline poi andate a sinistra. Guardate la motocicletta accanto e colpitela con il piede di porco. Raccogliete il cavalletto e tornate al percorso. Cliccate sul punto interrogativo nell’angolo in basso a sinistra del monitor.

Andate al cimitero degli aeroplani ed osservate la mitragliatrice, provate a muoverla ma ha bisogno di essere lubrificata. Prendete l’elmetto che è appoggiato sull’ala dell’aereo e la cartucciera che sporge dal sedile del mitragliere. Tornate all’autobus e osservate la bottiglietta accanto a Mariola, chiedetele in prestito l’olio abbronzante ma Lula si rifiuterà di darvelo. Osservate Lula, spettate che si tolga gli occhiali da sole e provate a scambiarli con quelli nel vostro inventario, ma non servirà a nulla. Tornate al sentiero e cliccate sul punto interrogativo nell’angolo in alto a sinistra. Camminate verso la pozza d’olio ed immergete gli occhiali da sole. Tornate al pullman e sostituite gli occhiali di Lula con quelli nel vostro inventario. Chiedetele in prestito l’olio solare, questa volta otterrete una risposta positiva. Tornate al cimitero degli aeroplani e usate l’olio solare sulla mitragliatrice. Avviatevi verso la capanna e prendete il secchio. Camminate verso il sentiero per visualizzare la mappa. Cliccate sul punto interrogativo nell’angolo in alto a destra. Entrate nel vagone ed osservate il barile con la polvere da sparo nell’angolo a destra. Andate verso sinistra e cliccate sul secchio, prendete la vite e giratevi verso il barile con la polvere da sparo. Combinate la vite con il gancio dell’attaccapanni. Appoggiate il secchio vuoto accanto al barile, e bucate il barile di polvere da sparo con il cavatappi improvvisato. Raccogliete il secchio pieno di polvere da sparo. Usate uno dei rossetti presi sull’autobus e otterrete un proiettile di fortuna, ora infilate il proiettile nella cartucciera e assicuratevi che la grandezza del buco combaci con il rossetto. Tornate all’autobus ed entrate a prendere tutti i rossetti. Usate tutti i rossetti con la polvere da sparo e riempite la cartucciera. Tornate al cimitero degli aerei e combinate la cartucciera con la mitragliatrice. Andate di nuovo all’autobus ed osservate lo sportello del frigorifero, osservandolo attentamente noterete che è chiuso a chiave. Parlate con Carla e chiedetele la chiave, sfortunatamente però lei non sa dove si trova perché Lula e Mariola gliel’hanno nascosta. Andate la parte davanti ed osservate l’asse accanto allo scaffale, usate il cavalletto della motocicletta sull’asse, in questo modo chiuderete la porta dell’autobus sulla quale c’è una tasca. Guardate all’interno della tasca e prendete la chiave del frigorifero, apritelo e prendete il burro. Tornate al vecchio vagone abbandonato ed osservate il capanno sulla sinistra, dentro c’è della dinamite. Entrate nel vagone e osservate i tre barili. Due sono vuoti il terzo invece è sigillato. Aprite il barile sigillato con il piede di porco e prendete le arachidi. Mettete il burro dentro l’elmetto poi tornate alla capanna dove Gina è tenuta in ostaggio. Mettete le arachidi dentro l’elmetto ed appoggiatelo sul congelatore. Prendete il burro d’arachidi fatto in casa e gettatelo sul capanno. Come aveva detto il culturista le formiche lo ridurranno in un mucchio di segatura nel giro di pochi secondi. Prendete la dinamite e tornate al pozzo petrolifero. Piazzate la dinamite e guardate il lungo filmato.

 

Incontri ravvicinati del quarto tipo:

Siete arrivati al villaggio degli Hopi. Lungo il tragitto Gina cadrà in una buca. Ascoltate le parole di Wupuchim, il capo del villaggio che apparirà dal nulla. Proseguite le vostre ricerche ed arriverete ad una città chiamata Douglasville. Entrate nell’albergo e parlate con Sushi, che vi racconterà l'affascinante storia di Douglusville e del deragliamento della locomotiva. Finita la spiegazione uscite dall’albergo ed entrate nell’ufficio dello sceriffo. Chiuso nella cella troverete un cadavere, che probabilmente si trova lì da oltre cento anni. Prendete la legna da ardere sulla destra, accanto alla cella ed uscite. Entrate nella banca e guardate gli scaffali dietro il registratore di cassa, s’intravede un oggetto di metallo, ma non capirete di cosa si tratta fino a quando non l’avrete preso. Ora nel vostro inventario avete una cucitrice con tre graffette quest’oggetto più tardi si rivelerà molto utile. Osservate la scrivania e prendete il timbro. Camminate verso il grosso buco nel pavimento e tornate all’hotel. Parlate con Sushi del cadavere nell’ufficio dello sceriffo e cercate si capire a chi appartiene. Parlate anche della cassaforte nella banca. Dopo aver ascoltato il racconto di Sushi tornate alla banca e provate ad infilarvi nel grosso buco, ma i detriti vi bloccano l’acceso. Uscite dalla banca ed entrate nel saloon. Prendete il vaso di fiori sotto la scala ed osservate la stanzetta sulla destra che funge da ripostiglio per gli attrezzi da giardinaggio. Prendete le cesoie poi salite al piano di sopra, parlate con Saturn esaurendo tutti gli argomenti. Guardatevi attorno ed osservate il dispositivo per legno e metalli che troneggia nella stanza. Prendete il barattolo di vernice ed appoggiatelo sul dispositivo. Come avrete capito il grosso dispositivo in realtà è una catapulta Scendete al piano terra ed uscite dal saloon, andate nella banca e osservate il barattolo della vernice rovesciata sul pavimento. Uscite e guardate il carro posto tra l’ufficio dello sceriffo e l’hotel, dentro c’è una cinghia ma per poterla prendere dovrete prima tagliarla con le cesoie. Cliccate nell’angolo sinistro e apparirà una mappa simile a quella del capitolo precedente. Cliccate verso destra, più o meno verso il centro dello schermo e andate a casa di Mama Morita. Fuori della porta c’è un uomo grande grosso ma dall’aria tranquilla, intento a masticare tabacco al mentolo per passare il tempo. Chiedete Oscar di poter vedere Mama Morita ma non vi permetterà di entrare. Osservate la scala sulla sinistra, e la ciotola che c'è accanto. Raccogliete la ciotola poi spostatevi verso sinistra. Ai piedi del pozzo c'è una strana pietra con un buco al centro, prendetela non si sa mai. Ritornate alla mappa sulla quale s’intravede un cratere, è proprio lì che ora dovete andare. Parlate con Joshua ed esaurite tutti gli argomenti. Al termine del dialogo provate a collegare la cinghia alla ruota posteriore della motocicletta, prima però dovete fissare le due estremità della cinghia con la pinzatrice. Trascinate la cinghia sulla ruota della motocicletta e spiegate a Joshua il vostro piano. Lasciatelo solo per cinque minuti. Prendete la mappa, poi tornate subito al cratere. Per poter collegare la cinghia alla motocicletta a Joshua occorre una chiave numero 10, per poter togliere la ruota ed usarla con la cinghia. Tornate nel saloon e chiedete a Saturn la chiave numero 10. Osservate il pannello con gli attrezzi contro la parte ma la chiave non c’è. Chiedete a Saturn di darvi la chiave, lo scultore ve la nocerà ma purtroppo volerà fuori della finestra. Scendete e guardate dentro l’abbeveratoio. Tornate di sopra ed escogitate un modo per recuperare la chiave. Uscite sul balcone, e lanciate in strada il vaso di fiori. Già che ci siete raccogliete anche il blocco per levigare. Scendete, recuperate la chiave dall’abbeveratoio e tornate da Joshua. Date a Joshua la chiave numero 10 che avete faticosamente recuperato. Ecco che si presenta un altro problema. La motocicletta è senza benzina! Tornate da Saturn e chiedetegli di poter prendere la tanica di benzina. A questo punto lo scultore vi chiederà una scultura fatta da voi da barattare con la tanica di benzina. Prendete la pietra dal vostro inventario e spacciatela per un’opera d’arte realizzata da voi. Saturn guarderà la pietra e dirà che manca qualcosa. Usate la pietra per levigare sullo strano sasso, e mostrate allo scultore la pietra levigata…ma ancora non va bene. Mettete l’ambra nel foro della pietra e questa volta Saturn ne sarà entusiasta! Prendete la tanica di benzina, concentrata. A voi servono 40 cc di benzina che, in seguito dovrete diluire in un litro d’acqua. Oltre alla tanica nel vostro inventario avete anche il tubo da 50 cc, il misurino da 30 cc, e la bottiglia vuota. Riempite d’acqua, la bottiglia da un litro. Trascinate la bottiglia sul distributore dell'acqua e chiedete a Saturn di poterne prendere un po'. Per ottenere 40 cc procedete in questo modo.

Riempite di benzina il tubo da 50 cc

Prendete il tubo da 50 cc e versate 20 cc nel misurino da 30cc.

Versate i 30 cc nella tanica

Versate i 20 cc rimasti nel tubo di vetro dentro il misuratore da 30 cc.

Versta la benzina che è rimasta nella tanica dentro il tubo da 50 cc

Versa la benzina nel tubo dentro il misuratore.

Adesso nel tubo di vetro avete esattamente 40 cc di benzina, diluitela con l’acqua e tornate al cratere. Versate la benzina dentro il serbatoio della motocicletta e seguite il filmato. Ascoltate le istruzioni di Joshua e premete le note in quest’ordine. C – G – E –B –A. Guardate il filmato poi avvicinatevi al cratere. Prendete l’elmetto di Joshua ( tanto ormai non gli servirà più). Entrate nella tenda da campeggio e prendete la torcia da minatore e la corda. Andate verso il sentiero e fate apparire la mappa. Andate alla miniera abbandonata. Guardate il grosso masso che blocca l’ingresso della miniera e cercate di spostarlo, c’è un’apertura ma è troppo stretta e non potete passarci. Guardatevi attorno e accanto alla carriola noterete un oliatore vuoto. Prendetelo. Tornate Douglasville, entrate nel saloon, guardate ancora dentro la stanzetta e prendete alcune foglie di tabacco. Andate da Saturn al piano di sopra e parlate con lui. Fatevi spiegare come riesce a procurarsi le grosse pietre che usa per realizzare le sue sculture. Saturn vi risponderà che ogni volta che gli occorre una pietra chiede aiuto ad Oscar in cambio di un po’ di tabacco. Date a Saturn l’elmetto di Joshua per aiutarlo a ritrovare l’ispirazione. Quando rimarrete soli prendete il saldatore e riempite l’oliatore con l’acqua. Lasciate il saloon e andate al vagone abbandonato. Versate l’acqua nel serbatoio ( dovrete ripetere l’operazione per almeno quattro volte). Dopo aver riempito il serbatoio entrate nel vagone passando dal finestrino. Guardate le leve, gli indicatori ecc… Buttate la legna da ardere nella caldaia e accendete la fiamma con la saldatrice. Tirate una delle leve posta sopra gli indicatori e dalla locomotiva usciranno uno sbuffo di vapore e una chiave. Uscite e cercate la chiave ( non è facilissima da vedere) ad ogni modo cercatela con attenzione acanto al cespuglio sulla sinistra. Adesso che avete la chiave della cella, non dovete far altro che tornare nell’ufficio dello sceriffo ed usare la chiave appena raccolta per aprire la cella. Entrate e guardate dentro la valigetta del medico. Prendete l’unguento al mentolo dalla valigetta. Per il momento non vi occorre nient’altro. Andate da Mama Dorita e chiedete ad Oscar di aiutarvi a spostare il masso ma lui non sembra averne molta voglia. Provate a convincerlo dandogli delle foglie di tabacco ma non sembra gradire molto. Nel vostro inventario provate a combinare il tabacco con l’unguento al mentolo a questo punto Brian avrà una brillante idea. Combinate il timbro con la ciotola ed usatela come se fosse un mortaio, tritando le foglie di tabacco. Mettete il tabacco nella ciotola e datelo ad Oscar. Ora non potrà certo negarvi un favore quindi chiedetegli per la seconda volta di aiutarvi a spostare il masso che blocca l’ingresso della vecchia miniera. Seguite il filmato poi tornate alla banca, guardate il barattolo di vernice che avete lanciata con la catapulta di Saturn poi tornate nel saloon. Andate al piano di sopra e approfittate dell'assenza di Saturn per usare la gru. Attivate i comandi per spostare la statua, e metterla esattamente sopra la catapulta. Azionatela. Scendete e andate alla banca. Scendete nello scantinato e provate ad aprire la cassaforte. Ovviamente senza la combinazione, i vostri sforzi sono inutili. Raggiungete l’hotel e parlate con Sushi, chiedetele se conosce la combinazione della cassaforte. Purtroppo nemmeno lei conosce la combinazione ma se non altro sarà in grado di darvi un piccolo indizio. Tornate nell’ufficio dello sceriffo e prendete lo stetoscopio dalla valigetta del medico. Andate in banca, scendete nello scantinato e appoggiate lo stetoscopio sulla cassaforte. La combinazione che dovete inserire è questa: 85 a destra – 29 a sinistra – 54 a destra. Dentro la cassaforte troverete una mappa della miniera. Prendetela. Andate alla miniera abbandonata e guardate il filmato.

 

La sacra cripta:

Guardate il filmato. Brian si trova all’uscita della miniera. Andate verso destra e guardate verso il basso, dovete riuscire a raggiungere il villaggio Hopi. Prendete il lungo bastone di legno, sotto il quale troverete anche un oggetto di metallo. Prendetelo. Si tratta di un attrezzo da estrazione al quale però manca il manico. Avvicinatevi allo scheletro del minatore e prendete l’osso del femore. Nel vostro inventario combinate il femore con l’attrezzo da estrazione, in questo modo userete il femore come se fosse il manico dell’attrezzo. Avvicinatevi verso il lato sinistro dell’uscita della miniera, passate il cursore del mouse sul legno a sinistra e troverete un chiodo. Usate l’attrezzo da estrazione per estrarre il chiodo ed avvicinatevi al bordo della montagna. Conficcate il chiodo nel terreno poi legate la corda al chiodo e calatevi giù. Seguite il dialogo tra Brian e Gina che vi racconterà com’è riuscita a trascinarsi fin lì. Dal momento che Gina ha una gamba rotta dovrete andare al villaggio da soli e poi tornare a riprenderla. Andate a sinistra per un paio di volte, ed arriverete all’ingresso di una caverna. Osservate la bocca del monolite, ed infilate il crocifisso nella sua bocca, provate a girare la chiave ma la bocca de monolite sporca d sabbia impedisce alla chiave di girare. Guardate le piante a sinistra e prendete un ramo. Usate il ramo per pulire la bocca del monolite dalla sabbia. Infilate di nuovo la chiave. Entrate nella miniera e seguite il dialogo tra Brian e Wupuchim, che nel corso del dialogo vi darà un dito immerso nella formaldeide. Cliccate nell’angolo in alto a sinistra e tornate da Gina. Non fermatevi a parlare con lei, ma proseguite sulla strada a sinistra. Entrate nella caverna ed osservate la statua. Osservate il simbolo a forma di croce sulla sinistra, poi andate avanti ed osservate la pietra ai piedi della croce, c’è qualcosa guardate di che si tratta. Prendete l’ascia di guerra e tornate al sentiero. Andate a sinistra ed entrate nella porta. Arriverete al piano superiore della costruzione, entrate nella porta accanto e salite ancora. Passate le scale ed entrate nella porta adiacente. Fate girare Brian alla sua destra, passate la porta e la scala ed entrate nella porta dopo la scala. Arriverete accanto ad un’altra scala entrate nella porticina a destra. Cliccate sulla corda poi tagliatene un pezzo con l’ascia. Nel vostro inventario usate l’ascia per spezzare il lungo bastone di legno, in questo modo potrete steccare la gamba di Gina. Scendete e trascinate su di lei la corda. Dopo che Brian avrà steccato la gamba di Gina arriverete, automaticamente da Mama Dorita.

 

L’indiano, la monaca e il dito

Parlate con Mama Dorita e ditele che avete bisogno di parlare con un morto, esaurite tutti i dialoghi e scoprirete che per potervi mettere in contatto con l’aldilà vi occorre un medium Offritevi come volontario e dopo che Mama Dorita avrà guardato nei vostri occhi dirà che non siete ancora pronti. Andate a parlare con Gina. Esaurite tutti gli argomenti anche con lei. Tornate a Douglasville ed entrate nell’hotel. Salite da Sushi e parlate di tutto. Uscite dall’hotel ed entrate nel saloon. Parlate con Rutger, e chiedetegli di prepararvi qualcosa che vi mandi in trance, naturalmente dovrete fare un baratto anche con lui. Prendete l’ascia dal vostro inventario e datela a Rutger. Automaticamente fumerete l’erba e arriverete a casa di Mama Dorita, la quale dopo aver guardato nei vostri occhi dirà che non siete ancora pronti per fare il medium. Tornate da Rutger al saloon e ditegli che l’erba non ha funzionato. Il ragazzo risponderà che gli occorrono dei semi Yawaskel che non riesce a trovare da nessuna parte, pur avendo viaggiato molto. Ricordate il ramo con il quale avete pulito la bocca del monolito? Brian le guarderà automaticamente ed estrarrà i tre baccelli, però non riuscirà ad aprirli a mani nude. Tornate nell’ufficio dello sceriffo ed entrate nella cella. Guardate ancora nella valigetta del medico e prendete il bisturi. Provate ad usare il bisturi sui baccelli ma sono troppo duri. Andate all’hotel e scaldate la lama del bisturi con la fiamma del caminetto, e prima di andarvene prendete anche l’attizzatoio perché molto presto ne avrete bisogno. Finalmente avete i semi di cui avete bisogno. Tornate da Rutger, dategli i semi ed aspettata che vi prepari il decotto. Tornate da Mama Dorita che dopo avere guardato nei vostri occhi per la terza volta dirà che finalmente siete pronti per fare da medium. Ripetete assieme a Mama Dorita la preghiera per la preparazione del rito. Entrate nel pozzo e guardate il filmato. Al termine del lungo filmato tornate all’hotel. Parlate con Sushi, Rutger, e Saturn. Chiedete ad ognuno di loro se hanno visto un caravan abbandonato. L’unico in grado di rispondere a questa domanda è Saturn. Uscite dal saloon e lasciate la città. Nella mappa apparirà una nuova locazione. Andateci. Provate ad aprire la portiera ma è bloccata. Usate l’attizzatoio per forzare la portiera. Una volta entrati osservate l’abito da monaca appeso all’appendiabiti posto accanto all’entrata del caravan. Uscite dal camper e osservate il vassoio accanto alla portiera guardate l’opuscolo della Mojave bank e prendetelo. Tornate all’hotel, mostrate a Sushi l’opuscolo della banca e chiedetele di fare una ricerca su internet per cercare delle informazioni. Uscite dall’hotel, lasciate la città e tornate immediatamente a Douglusville. Seguite il dialogo tra Brian e Sushi poi tornate al caravan di Johnny. Prendete l’abito da monaca ed uscite dal caravan. Guardate il filmato poi tornate all’hotel. Parlate con Sushi. Al termine del dialogo uscite e dirigetevi alla locomotiva abbandonata. Entrate dal finestrino della locomotiva. Tirate la leva posta sopra gli indicatori ed uscite. Raccogliete il distintivo dello sceriffo, andate da Mama Dorita e parlata con Oscar. Dategli il distintivo e seguite il dialogo. Parlate di tutto con Sushi. Uscite dall'hotel e andate a parlare con Oscar. Al termine del dialogo entrate e ascoltate il dialogo tra Gustav e Theodor. Guardate la borsa con gli effetti personali dei due prigionieri e prendetela. Portate la borsa a Sushi e chiedetele di fare un’altra ricerca su internet. Lasciate la città, poi tornate immediatamente a Douglusville. Parlate con Sushi, specialmente di cinema. Quando vi chiederà chi è il vostro regista preferito rispondete Woody Allen, poi quando vi chiederà quale film di Woody Allen preferite, rispondete “Misterioso omicidio a Manhattan”. Questo titolo suggerirà a Sushi un’idea togliere di mezzo gli scagnozzi dei fratelli Sandretti. Prendete il registratore e andate nell’ufficio dello sceriffo, registrate le voci di Gustav e Theodor, poi andate da Mama Dorita e registrate la voce di Gina. Tornate da Sushi con le registrazioni delle voci di Gustav, Theodor e Gina. Gustatevi lo scherzetto telefonico ai danni dei fratelli Sandretti e gustatevi il lungo filmato finale.