Primo capitolo: Brian Basco è morto.

Gina:

Al termine del filmato introduttivo osservate la lastra funeraria e provate a prendere la corona; Gina però deciderà di tenere solo il nastro. Andate dietro la cripta ed osservate la macchina di lettura ectotermica. Entrate nella cripta e parlate con Agatha, esaurendo tutti gli argomenti. Al termine del dialogo osservate il cavo che scende dal soffitto poi osservate la cassetta degli attrezzi, al cui interno noterete una torcia che potrebbe tornarvi utile. Chiedete ad Agatha di poter prendere la pila. Affacciatevi al sotterraneo poi scendete le scale a destra. Gina entrerà automaticamente nella stanza sotterranea, tornate nella sala precedente. Osservate ancora la statua dell’angelo ed il cavo, poi entrate nella stanza sotterranea. Togliete il quadro appeso al muro e prendete l’urna funeraria. Uscite dalla cripta e scendete nell’area circolare, a sinistra. Osservate il carro funebre ed aprite il bagagliaio; Gina prenderà automaticamente una cinghia. Entrate nel magazzino e Gina controllerà che il carro funebre funzioni e si possa guidare. Uscite dal magazzino ed avvicinatevi alla porta a sinistra. Guardate attraverso la spaccatura della porta e leggete il biglietto. Entrate nella cappella a destra ed osservate il tabernacolo. Sollevate lo zerbino e scoprirete una botola. Sollevatela e prendete il guanto. Prendete la scatola di legno sulla mensola sopra il tabernacolo. Aprite la scatola nel vostro inventario e dentro ci troverete una chiave. Aprite il tabernacolo con la chiave e prendete il raccogli-offerte. Tirate la corda e Luanne arriverà in sella ad una moto. Uscite dalla cappella ed entrate nel magazzino a sinistra. Parlate con Luanne, che nel corso del dialogo vi darà, chiedendovi di tradurlo, un manuale per l’assemblaggio delle bare scritto in svedese. Al termine del dialogo prendete la lima tra gli attrezzi sotto l’incudine ed osservate il frigorifero. Uscite dal laboratorio e salite le scale. Andate a sinistra e dirigetevi all’entrata del cimitero. Parlate con Ernie, esaurendo tutti gli argomenti e prendete la fotografia scattata a Brian un paio di giorni prima. Al termine del dialogo osservate l’impalcatura. Tra i vari oggetti che sono appoggiati, c’è un puntello. Prendetelo Tornate nella cripta e parlate con Agatha; chiedetele di tradurre il manuale ed esaurite gli altri argomenti. Uscite e scendete nell’area circolare. Aprite il vostro inventario e versate le ceneri contenute nell’urna, dentro la scatola di legno. Riempite l’urna con l’acqua della fontana. Versate nel guanto l’acqua che avete messo nell’urna poi entrate nel laboratorio. Mettete il guanto nel frigorifero. Aspettate che il guanto si congeli poi mettetelo dentro l’urna. Tornate nella cripta e scendete le scale. Usate il guanto congelato con il cavo e guardate il breve filmato. Andate dietro la cripta e parlate con Agatha; chiedetele ancora del manuale poi tornate nella cappella, sotto l’area circolare. Illuminate il libro a sinistra con la torcia, in questo modo scoprirete il nome di un defunto svedese, che, come chiesto da Agatha possa tradurre il manuale. Tornate da Agatha dietro la cripta e parlatele di nuovo del manuale. Guardate il filmato poi andate nel laboratorio e date a Luanne il manuale tradotto. Una volta rimasti soli aprite l’armadio a sinistra e prendete la sega circolare. Tornate dietro la cripta e guardate la statua d’Atlante. Provate a sganciare la cinghia con il puntello, ma non ci riuscirete. Usate il puntello sul supporto della statua e prendete la cinghia.  Tornate nella cripta e scendete. Entrate nella camera sotterranea ed usate la lima sul blocco di pietra. Legate la cinghia all’anello e salite. Affacciatevi al sotterraneo ed usate l’altra cinghia sulla statua. Guardate il breve filmato poi tornate di sopra. Combinate il raccogli-offerte con la sega, e Gina li legherà con il nastro. Affacciatevi, e tagliate il lato sinistro del cavo, con la sega. Osservate la parete di mattoni e tornate di sopra. Gina raccoglierà automaticamente il paletto. Tornate nella stanza sotterranea ed usate il paletto sulla parete di mattoni.

 

Secondo capitolo: l’arte della fuga.

Brian

Parlate con Gabbo esaurendo tutti gli argomenti, poi raccontategli quanto accaduto con il dottor Bennett. Uscite dalla camera ed osservate la bacheca delle fotografie. Controllate tutte le fotografie per saperne di più sui pazienti ed in quali stanze alloggiano, nonché sul personale della clinica. Cliccate sulla porta del casinò, e Brian confermerà che la chiave è infilata nell’altro lato della serratura. Parlate con Ernie, esaurendo tutti gli argomenti. Provate a parlare, attraverso la porta con Quickle, nella camera 305, ma il paziente comincerà a gridare. Entrate nella camera 304. Parlate con Marcello, che vi regalerà un fiore immaginario. Controllate il letto di Brian e sollevate il cuscino. Prendete le caramelle ed il coltello. Osservate la grata, sopra l’armadietto e provate ad entrare, ma non c’è abbastanza spazio tra infilarsi la grata e l’armadio. Parlate con Marcello (senza insultarlo!). Chiedetegli della scatola immaginaria e della corda dei suoi pantaloni. Marcello dirà d’aver bisogno delle bretelle per potersi esibire il suo famoso numero. Uscite dalla camera ed andate nella sala ricreazione. L’infermiera darà a Brian delle pillole, che lui fingerà di ingoiare. Tornate nella sala ricreazione e prendete una lavagnetta bianca, dall’armadietto accanto alla postazione delle infermiere. Voltatevi verso destra e prendete sia il pennarello, che le graffette. Frugate nel cestino dei rifiuti, davanti alla postazione delle infermiere e prendete la candela con il numero 102. Parlate con l’infermiera esaurendo tutti gli argomenti. Cambiate zona, cliccando verso il basso e provate a parlare con Hollister. Date una caramella all’anziano paziente e questo comincerà a guidare un’automobile immaginaria. Dopo aver osservato l’auto immaginaria parità un breve filmato. Provate a parlare con il signor Nice ed osservate la lavagnetta che tiene in mano. Provate ad avvicinarvi a lui e l’uomo poserà la lavagnetta per prendere la valigia. Aprite il vostro inventario e combinate la lavagnetta con il pennarello. Scrivete Rancho Cucamonga sulla lavagnetta e scambiatela con quella del signor Nice. Guardate il filmato poi tagliate gli elastici della valigia con il coltello. Aprite il vostro inventario e combinate gli elastici con le graffette. Uscite dalla sala ricreazione e tornate nella camera 304. Date le bretelle a Marcell. Brian, automaticamente gli darà la scatola immaginaria. Guardate il filmato, al termine del quale avrete la chiave del casinò. Entrate nel condotto di ventilazione, sopra la fotocopiatrice e scoprirete che Kurgan ha rubato la mappa. Prendete il tubicino di plastica, ed il peso di ferro. Uscite dal casinò e parlate di nuovo con Quickle attraverso la porta della camera 305. Appena il paziente comincia ad urlare usate il peso di ferro sul radiatore. Guardate il filmato poi osservate la bacheca delle fotografie. Usate il pennarello sulla fotografia d’Ernie e guardate l’ennesimo filmato. Quando riprendete il controllo di Brian, avvicinatevi alla cassetta degli attrezzi e prendete sia la mappa del condotto di ventilazione, che la torcia. Guardate il filmato.

 

Terzo capitolo: un suicidio opportuno.

Gina:

Guardatevi attorno ed osservate la fotografia di Chapman. Prendete il guantone e leggete il quotidiano sul tavolino. Dirigetevi verso l’uscita posteriore ed osservate le esche appese al portico. Provate ad aprire il pozzo, ma è chiuso con un lucchetto. Andate verso la parte anteriore della casa e provate ad aprire il capanno; anche questa porta è chiusa. Tornate in casa e provate a salire le scale. Gina si siederà automaticamente sulla poltrona per parlare con il dottor Bennett. Nel corso del dialogo il dottor Bennett vi lancerà le chiavi del capanno; che, come nelle migliori avventure finiranno dentro un buco sotto qualche mobile. Guardate sotto il mobile della cucina ed osservate la busta. Osservate gli utensili da cucina e Gina prenderà una spatola. Zoomate ancora sotto il mobile della cucina e prendete la busta, usando la spatola. Osservate la busta nel vostro inventario. Uscite dal cottage passando per l’ingresso principale e guardate sotto il ponte. Gina riuscirà a recuperare delle cesoie. Tornate dietro il cottage e tagliate le esche con le cesoie, in questo modo avrete un amo. Rientrate nel cottage. Guardate sotto il mobile della cucina ed usate l’amo per recuperare le chiavi. Uscite passando dalla parte anteriore del cottage ed aprite il capanno. Prendete la maschera da sub sulla parete a destra. Osservate la fotografia sulla parete destra. Prendete la corda appoggiata sul cestino da pesca. Osservate lo stivale e noterete che, stranamente che ce n’é soltanto uno. Osservate la busta usando la maschera da sub, e troverete dei peli di ragno. Tornate nello chalet, sedetevi sulla poltrona e parlate con il dottor Bennett, dicendogli cosa avete trovato nella busta. A questo punto il dottor Bennett deciderà di parlare con lo sceriffo. Salite le scale e guardate il filmato. Nell’angolo inferiore desto del vostro monitor comparirà l’icona della stella da sceriffo, il che significa che potrete passare da Gina a Bennett. Prendete il controllo di Bennett e parlate con lo sceriffo, esaurendo tutti gli argomenti. Lo sceriffo vi metterà alla prova chiedendovi di dirgli con quale soprannome la moglie chiamava Chapman. Interrompete la conversazione e riprendete il controllo di Gina. Osservate il trofeo, appeso accanto alla finestra. Gina noterà un oggetto appeso accanto al trofeo. Prendetelo ed osservatelo nel vostro inventario. Ora conoscete il soprannome con il quale Annetta si rivolgeva al marito. Usate il telefono sulla scrivania e controllate le ultime chiamate fatte e ricevute. Telefonate a Bennett, esaurite tutti gli argomenti, e ditegli il soprannome di Chapman. Prendete il controllo di Bennett, cliccando sull’icona in basso a destra. Dite allo sceriffo il soprannome che Annetta usava con il marito e finalmente lo sceriffo vi dirà cosa ha scoperto. Guardate il filmato al termine del quale avrete di nuovo il controllo di Gina. Avvicinatevi al pozzo ed apritelo con la chiave che vi ha dato Bennett. Nel pozzo non si vede niente. Tornate quindi nello chalet ed andate in bagno. Controllate la cassetta militare e prendete le luci chimiche. Tornate di sopra ed attraversate il corridoio. Prendete l’arco e le frecce appesi lungo la balconata. Tornate al pozzo ed illuminatelo con le luci chimiche. Troverete lo stivale mancante sul fondo del pozzo. Combinate la corda con le frecce e lanciate il tutto nel pozzo. Controllate lo stivale e dentro ci troverete un computer portatile. Tornate nello chalet e salite le scale. Collegate il portatile con il trasformatore sulla scrivania. Cercate di scoprire la password provando ad inserire tutte quelle che compaiono nella lista. Osservate il guantone, con la maschera da sub e Gina leggerà la parola HURRICANE. Usate nuovamente il computer portatile ed inserite la password Hurricane. Guardate il filmato.

 

Quarto capitolo: l’alleato inaspettato.                  

Brian:

Parlate con Gabbo, insistete molto sul tatuaggio; cosicché vi dia un pennarello tecnico. Tornate nella camera 304 e se volete giocate con Marcello. Uscite dalla camera ed entrate nel casinò. Usate la fotocopiatrice e Brian farà una fotocopia del suo tatuaggio; osservatelo nel vostro inventario poi introducetevi nel condotto dell’aria. Andate dove c’è il cadavere di Kurgan. Disegnate il tatuaggio usando il pennarello tecnico sul cadavere. Tagliate le unghie del cadavere con il machete, nel vostro inventario. Uscite passando dal condotto di ventilazione. Cercate di raggiungere l’ufficio di Bennett; ma Brian sbaglierà strada ed entrerà nell’obitorio. Prendete la ciotola alla base della carrucola mobile. Osservate il lettino elettrico a destra e prendete le manette. Avvicinatevi al carrello degli strumenti medici e prendete l’aspiratore. Entrate nella stanza a destra e scendete nella piscina. Raccogliete il forcipe e la manichetta. Provate ad aprire il cassetto, ma è bloccato. Zoomate sul secondo foro da sinistra e Brian vedrà una sbarra di ferro, incastrata all’interno. Infilate il forcipe nel secondo foro da sinistra e prendete la sbarra di ferro. Usate la sbarra sul cassetto bloccato; dopodichè costruite un trampolino avvolgendo la manichetta al cassetto. Uscite dall’obitorio ed andate nell’ufficio di Bennett. Dopo aver ascoltato la telefonata, combinate il tubicino di plastica con l’aspiratore ed aspirate il caffè. Bennett si allontanerà per prenderne dell’altro e Brian scambierà le cartelle mediche. Infilatevi nel condotto di ventilazione e tornate dove c’è il cadavere di Kurgan. Mettete la candela di compleanno nella ciotola e sciogliete la cera mettendo il tutto nell’inceneritore. Guardate il breve filmato. Aprite la botola con la sbarra e Brian capirà dove nascondere la testa di Kurgan. Usate la scala 1 e provate ad aprire la grata, che ovviamente è bloccata. Passate le manette attorno alle sbarre ed infilateci la sbarra di ferro. Brian salirà sul tetto. Usate il forcipe sul cavo nell’angolo destro. Guardate il filmato nel corso del quale vedremo l’infermiera Palmer somministrare la medicina a Brian. Parlate con Ernie esaurendo tutti gli argomenti e scoprirete il nome del medicinale che l’infermiera vi ha obbligato a prendere. Andate dietro il divisorio a sinistra e parlate con il dottor Reset. Chiedete a Mickey perché è nervoso. Chiedete a Mickey gli effetti del Neuroshokine XR e scegliete la parola MORTE. Quando vi parlerà dell’antidoto al medicinale, scegliete la risposta SCOSSA ELETTRICA. Tornate da Ernie e dategli le fiches in cambio della pinza elettrica nella borsa dell’infermiera Palmer. Guardate il filmato.

 

Quinto capitolo: scomposizione di Brian.

Aprite il cassonetto dei rifiuti e prendete la bomboletta di vernice. Provate ad aprire la porta rossa, poi andate a destra, e salite le scale. Qualcuno colpirà Brian in testa. Guardate il filmato. A questo punto assisterete ad una seduta con il dotto Bennett e dovrete ricostruire tutti gli avvenimenti della precedente avventura. Scegliete le seguenti frasi:

Tutto ebbe inizio durante una vacanza alle Hawaii, vero?

Cosa accadde, quando mise in pratica l’atterraggio d’emergenza all’isola di Mala?

Mi parli di come s’infiltrò nell’accampamento del colonnello Kordsmeier.

Qual era la relazione tra Gina e gli extraterrestri?

Recuperò le pietre d’energie degli extraterrestri?

Alpha ci mise molto a riprendersi a recuperare le forze?

I trantoriani riuscirono a riprendere il controllo della navicella?

E così gli alieni buoni fecero a pezzettini gli umanoidi cattivi, giusto?

E poi? Non mi dica che gli stessi trantoriani denunciarono Kordsmeier alle autorità?

E in tutto ciò? Come stava Gina?

Insomma i trantoriani ti passarono la patata bollente e se le svignarono. Che faccia tosta!

Insomma: l’unico regalo che le fecero fu un marchingegno che avrebbe smesso di funzionare un’ora dopo?

Prendete la trantonite nella capsula che Brian stringe tra le mani. Uscite dalla tenda e parlate con O’Connor. Confiscategli la colla e continuate a parlare con lui. Guardate le casse nella jeep e prendete rispettivamente: la noce di cocco ed un sigaro. Aprite il vostro inventario rompete la noce di cocco con il coltello. Nascondete la capsula nella noce di cocco, incollate l’estremità e date il frutto ad O’Connor. Rientrate nella tenda ed andate a destra. Provate ad usare il computer in cerca di qualche informazione utile, ma non troverete nulla. Tornate verso Brian, Gina e Tarantola ed usate la granata sulla capsula. Scoprirete che la granata è in realtà una chiave USB. Usatela sul computer e scoprirete delle cose interessanti. Usate il telefono sulla scrivania e guardate il filmato.

 

Gina:

Al termine del filmato nell’inventario avrete le manette ed un fermacravatta. Guardate fuori dalla finestra e Gina scorgerà un vagabondo; che in realtà è Brian privo di sensi. Frugate nel cestino rosa e prendete il foulard. Giratevi e prendete il ferro da stiro appoggiato sul secondo ripiano in basso a sinistra. Combinate il foulard con il ferro da stiro e Gina scriverà un messaggio per chiedere aiuto. Prendete il secchio vuoto, dall’ultimo ripiano a sinistra ed una bottiglia di succo di frutta. Combinate il secchio con il succo di frutta, che Gina riempirà automaticamente con tutte le altre. Buttate il secchio fuori dalla finestra.

 

Sesto capitolo: la fine è vicina.

Brian:

Salite la scaletta e parlate con Tom, lo sceneggiatore. Scegliete la frase “un allocco investe una ragazza inseguita dalla famiglia mafiosa Sandretti” Aiutatelo ad abbozzare una storia usando le risposte che si riferiscono al primo episodio di Runaway. In ogni caso le riporto per i più pigri:

Credo di sapere come portare avanti la trama dell’allocco.

Conoscono tre travestiti persi nel deserto.

Un paese del vecchio west abitato da hippie, hackers e…

Continuate a parlare con Tom esaurendo gli altri argomenti. Al termine del dialogo andate a sinistra ed usate l’ascensore. Guardate la breve sequenza poi sbirciate nella finestra del palazzo di fronte. Tornate giù ed andate prima a sinistra, poi a destra. Prendete il gancio appeso alla serranda del garage. Voltatevi ed entrate nell’edificio scalcinato. Raccogliete le macerie e prendete il martello sulla barriera. Provate ad aprire la porta della gru, ma a mani nude non ci riuscirete, quindi aiutatevi con il gancio. Guardate il breve filmato poi scendete nel fossato. Prendete la valigetta, guardateci dentro e troverete un cannello. Uscite dall’edificio e tornate sul tetto, dove c’è il pollo d’oro. Usate il cannello sulla gamba del pollo e guardate il filmato.

 

Gina:

Osservate l’accesso dei panni sporchi e raccogliete lo spago accanto allo scaffale a sinistra. Prendete anche due bottiglie di succo di frutta e foratele con il fermacravatta. Legate con lo spago, i barattoli forati ed usate il comunicatore con il condotto dei panni sporchi. Parlate con Brian, che finalmente riacquisterà la memoria.

 

Brian:

Dopo aver ascoltato ciò che vi ha detto Gina dovete darvi da fare per realizzare il vostro piano. Cambiate inquadratura, cliccando verso il basso. Arrampicatevi fino alla finestrella e prendete il foulard. Tornate giù ed usate il montacarichi. Provate ad aprire la porta, che Brian deciderà di modificare per potersi muovere liberamente. Usate il foulard sulla porta ed uscite. Guardate sia la finestra illuminata, che quella aperta. Suonate il campanello dell’uscita posteriore del ristorante e parlate per tre volte con Jonah. Chiedetegli di interpretare un mafioso siciliano. Il cameriere pretenderà un copione per recitare bene la parte. Tornate nel vicolo e salite nell’ufficio di Tom. Dite a Tom che avete trovato un acquirente per la sceneggiatura. Tom però rivuole la seconda statuetta del pollo d’oro, che qualcuno gli ha rubato un po’ di tempo prima. Tornate nel vicolo e guardate le due finestre del ristorante: cioè quella illuminata, e quella aperta. Brian sospetta che il cliente addormentato sia il ladro della statuetta; anche perché l’avventore stringe il premio tra le mani. Entrate nel ristorante passando dalla finestra aperta. Provate a scambiare la statuetta con il detrito nel vostro inventario, ma la pietra è troppo pesante per camuffare la statuetta. Usate il martello con il detrito e scambiatelo con il pollo d’oro. Tornate da Tom e dopo avergli restituito il premio avrete il copione che vi serve. Tornate giù e suonate il campanello dell’ingresso posteriore del ristorante. Date il copione a Jonah poi tornate nella lavanderia, passando dalla porta rossa. Frugate nei carrelli accanto al montacarichi e troverete un abito da stirare. Parlate con Gina usando il condotto dei panni sporchi. Chiedete a Gina di stirare l’abito e la ragazza per tutta risposta vi passerà il ferro da stiro, cosicché vi stiriate l’abito da soli. Dipingete la valigetta con la vernice argentata. Aprite l’armadio rosso e prendete i volantini. Tornate nel ristorante passando dalla finestra aperta e rubate il rotolo di banconote in bella vista addosso al cliente. Combinate le banconote con i volantini e mettete il tutto nella valigetta. Uscite al ristorante ed andate verso la lavanderia. Usate il gancio sul tombino davanti alla porta rossa. Troverete una maschera antigas. Andate dove c’è l’ufficio di Tom, ma, invece di entrare osservate il tavolo con i barattoli. Usate la valigetta con il barattolo a sinistra e Brian spruzzerà le banconote con del cloroformio. Guardate il filmato; Jonah ha paura del grosso tizio di fronte all’appartamento. Guardate il breve filmato poi tornate nell’edificio scalcinato ed osservate la lastra di ferro. Tornate dal gorilla, cliccate su di lui ed attiratelo nel cantiere.

Guardate il filmato finale!