Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Traduzioni ai tempi dell'Amiga
OldGamesItalia > Traduzioni > Discussioni Generali
albesp77
Salve a tutti, è vero non scrivo mai qui, nè partecipo, ma sinceramente non saprei dove porre il mio quesito, gli unici esperti siete voi qui dentro! Fatta questa inutile premessa non so perchè stanotte mi è venuto da pensare alle vecchie adventure su Amiga, i bei tempi dei Monkey Island, etc. etc. e giustamente mi chiedevo:

1) Le traduzioni in italiano venivano effettuate direttamente dalla C.T.O. o loro semplicemente erano solo rivenditori ufficiali ?
2) Se loro facevano le traduzioni come avveniva il tutto ? I file dei giochi per come ricordo non avevano i testi in chiaro, quindi avevano dei tool forniti dalla casa di produzione o si limitavano a tradurre i testi e reinviarli alla casa di produzione per far produrre dei master nella nostra lingua ?

Ci sono documentazioni in merito ? Non che voglia mettere mano nei giochi oggigiorno, non avrei il tempo, ma mi piacerebbe capire all'epoca come funzionava, tutto qui!

Grazie a chiunque abbia la bontà di rispondermi in merito!
Diduz
Stai chiedendo specificamente delle avventure lucasiane, quindi posso azzardare qualche ipotesi non campata per aria.
A partire da Monkey 1, anno 1991, la CTO traduceva tutto qui in Italia, ma lavorava a stretto contatto con la Lucasfilm Games / LucasArts: non ti so dire se avessero dei tool passati dalla Lucas, ma mi sembrerebbe assai più probabile che lavorassero su testi in chiaro passati dalla Lucas stessa, poi reimplementati nei giochi in America, dove veniva fatto il master definitivo dei dischi tradotti. Non ce li vedo a lavorare in modo del tutto indipendente, perché per esempio la versione italiana di Monkey 1 ha un eseguibile diverso per supportare i font europei delle accentate: è una modifica di codice piuttosto pesante, propendo per traduzione in chiaro qui e implementazione finale fatta dalla Lucas.
Prima di Monkey 1, epoca Maniac Mansion - Zak McKracken - Indiana Jones and the Last Crusade, quando le traduzioni mi pare fossero gestite a livello europeo dalla US Gold (con distribuzione nostrana Leader), non ho idea di come procedessero, ma non escluderei che ci fosse una qualche agenzia di traduzione multilingua in un solo luogo (d'altronde la versione italiana di Zak ha evidenti strafalcioni che non fanno pensare a traduttori italiani madrelingua). Non mi risulta negli States, ricordo vagamente che la US Gold in Inghilterra aveva una politica di centralizzazione delle traduzioni europee, però qui potrebbe risponderti meglio qualcun altro.
Di certo, quando i giochi divennero più complessi col doppiaggio italiano (epoca Monkey 3 - Grim Fandango), mi sembrò di capire da un'intervista a Gabriele Vegetti (il responsabile traduzioni CTO in quel periodo) che la Lucas mettesse a disposizione parecchie cose: tool, testi in chiaro, in un botta e risposta costante. Se dopo tanti anni non lasciavano la CTO a se stessa, figurati prima...
albesp77
CITAZIONE (Diduz @ 17 Aug 2020, 12:04) *
Stai chiedendo specificamente delle avventure lucasiane, quindi posso azzardare qualche ipotesi non campata per aria.
A partire da Monkey 1, anno 1991, la CTO traduceva tutto qui in Italia, ma lavorava a stretto contatto con la Lucasfilm Games / LucasArts: non ti so dire se avessero dei tool passati dalla Lucas, ma mi sembrerebbe assai più probabile che lavorassero su testi in chiaro passati dalla Lucas stessa, poi reimplementati nei giochi in America, dove veniva fatto il master definitivo dei dischi tradotti. Non ce li vedo a lavorare in modo del tutto indipendente, perché per esempio la versione italiana di Monkey 1 ha un eseguibile diverso per supportare i font europei delle accentate: è una modifica di codice piuttosto pesante, propendo per traduzione in chiaro qui e implementazione finale fatta dalla Lucas.
Prima di Monkey 1, epoca Maniac Mansion - Zak McKracken - Indiana Jones and the Last Crusade, quando le traduzioni mi pare fossero gestite a livello europeo dalla US Gold (con distribuzione nostrana Leader), non ho idea di come procedessero, ma non escluderei che ci fosse una qualche agenzia di traduzione multilingua in un solo luogo (d'altronde la versione italiana di Zak ha evidenti strafalcioni che non fanno pensare a traduttori italiani madrelingua). Non mi risulta negli States, ricordo vagamente che la US Gold in Inghilterra aveva una politica di centralizzazione delle traduzioni europee, però qui potrebbe risponderti meglio qualcun altro.
Di certo, quando i giochi divennero più complessi col doppiaggio italiano (epoca Monkey 3 - Grim Fandango), mi sembrò di capire da un'intervista a Gabriele Vegetti (il responsabile traduzioni CTO in quel periodo) che la Lucas mettesse a disposizione parecchie cose: tool, testi in chiaro, in un botta e risposta costante. Se dopo tanti anni non lasciavano la CTO a se stessa, figurati prima...


Grazie mille Diduz, pensavo che solo uno come te poteva rispondere a questo quesito, certo sarebbe bello sapere come avveniva realmente anche se probabilmente proprio come scrivi tu qui, se magari qualcuno vicino alla CTO di quel periodo leggessi qui potrebbe certamente darci supporto ad arricchire il discorso.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2020 Invision Power Services, Inc.