Benvenuto Visitatore(Log In|Registrati)

> Regolamento in breve

Leggi il nuovo regolamento completo

  1. Formato discussione: si consiglia di aprire un unico topic per le vendite e per le compere da aggiornare di volta in volta per mantenere più ordinata la sezione. Non sono graditi titoli strombazzanti come «Offertissima», «Grande affare» e simili.
  2. Prezzo: Includere sempre un prezzo di vendita indicativo. Il prezzo può essere trattabile a discrezione del venditore, ma si evitino meccanismi di rilancio al rialzo tipici delle aste.
  3. Foto: essendo spesso richieste, si consiglia di inserire le foto negli annunci di vendita.
  4. Link a siti esterni: i link a siti esterni non sono graditi, ma si deve dichiarare se gli oggetti siano in vendita in contemporanea anche altrove.
  5. Valutazioni: se avete dubbi sul valore di un gioco potete chiederne la valutazione (occhio alle tre regole).
  6. Acquisto: seguendo l'ordine di chi esprime interesse nell'acquisto si forma la coda. Il venditore deve vendere al primo della coda se questi non esprime chiaramente il desiderio di lasciare il posto all'interessato successivo. Non è ammesso scavalcare la coda.
  7. Contatti privati: si sconsiglia decisamente il contatto privato (messaggistica privata, indirizzi mail ecc.) tra le parti per gli acquisti, gli scambi e le offerte. Al di là della scorrettezza nei confronti degli altri interessati, se gli acquisti sono fatti pubblicamente si è più riparati da eventuali fregature.
  8. Scambi: gli scambi sono consigliati e preferiti alle vendite. Si lascia alle parti interessate il compito di trovare un accordo, ricordando nuovamente di evitare la messaggistica privata.
  9. Spedizione e pagamento: si consiglia di stabilire da subito prezzi per le spedizioni e i metodi preferiti per i pagamenti. È vietato, in modo assoluto, la pubblicazione di dati sensibili quali numero di carte di credito, coordinate bancarie, ecc.
  10. Terminazione della vendita: al termine di una compravendita entrambe le parti sono invitate a scrivere nel topic di acquisto un breve feedback sull'esperienza.

 
Reply to this topicStart new topic
> [COMPRO] Zak McKracken ITA versione PC
Pinguinello87
messaggio29 Nov 2020, 12:23
Messaggio #1





Gruppo: Gamer
Messaggi: 3
Iscritto il: 9 April 20
Utente Nr.: 22.579
SO Sono un BOT, cancellami l'account




Come da titolo cerco Zak McKracken in versione PC ITA completo di tutto e in buone condizioni! blush.gif

Buona fortuna (a me) smilies3.gif
 
Pinguinello87
messaggio10 May 2022, 00:13
Messaggio #2





Gruppo: Gamer
Messaggi: 3
Iscritto il: 9 April 20
Utente Nr.: 22.579
SO Sono un BOT, cancellami l'account




CITAZIONE (Pinguinello87 @ 29 Nov 2020, 13:23) *
Come da titolo cerco Zak McKracken in versione PC ITA completo di tutto e in buone condizioni! blush.gif

Buona fortuna (a me) smilies3.gif


up
 
Darkside
messaggio10 May 2022, 12:05
Messaggio #3





Gruppo: Gamer
Messaggi: 65
Iscritto il: 13 May 20
Utente Nr.: 22.639
SO Sono un BOT, cancellami l'account




Io personalmente non l ho mai visto un box pc ita...ma tu quanto sei disposto a spendere? blush.gif
 
rudgerwaters
messaggio11 May 2022, 15:09
Messaggio #4





Gruppo: Gamer
Messaggi: 65
Iscritto il: 14 December 15
Utente Nr.: 20.998
SO Sono un BOT, cancellami l'account




Io per uno ZAK PC ITA in buone condizioni 1.000 € sarei anche disposto a spenderli. Il problema è sempre quello:
a) non se ne vedono in giro neanche col cannocchiale;
b) è relativamente facile contraffarli, cosa che ovviamente limita anche di molto la voglia di investire una simile cifra.

Ti (mi) auguro una buona fortuna nella ricerca!
 
miky83
messaggio11 May 2022, 22:01
Messaggio #5



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


Ormai 1000 euro sono pochi. Vista l'inflazione ed i prezzi lievitati degli altri titoli Lucas, uno Zak PC ITA ha una quotazione diversa. Se lo prendi da un collezionista che sa quello che ha tra le mani, a meno di 2000 euro non te lo da, perché sarebbe svenduto.

Messaggio modificato da miky83 il 11 May 2022, 22:03
 
rudgerwaters
messaggio12 May 2022, 09:10
Messaggio #6





Gruppo: Gamer
Messaggi: 65
Iscritto il: 14 December 15
Utente Nr.: 20.998
SO Sono un BOT, cancellami l'account




Ma anche 2.000€, figurati. Il problema non è tanto il prezzo, ma la mancanza di meccanismi certificativi affidabili. Forse in passato, quando questi pezzi costavano poche centinaia di euro, ci si poteva affidare ad un mercato ancora amatoriale. Mi innervosisce, tuttavia, che al lievitare dei prezzi non corrisponda la crescita di alcuna forma di tutela e/o garanzia. Per carità, i falsi drogano anche il mercato delle opere d'arte, però sicuramente l'incidenza è minore e aiutata dal fatto che, in genere, trattasi di pezzi unici. Qui in fondo parliamo di una decalcomania rotonda... Per non parlare del fatto xhe trattasi di supporti altamente volatili. In pratica paghi 2.000€ per un gioco che a) non sai se è originale b) anche se originale, è destinato a perdere i dati nel giro di ormai pochissimo tempo. Io per questo ho smesso di cercarlo, anche se, in via di pura astrazione, sarei anche disposto a investire grosse cifre.
 
rudgerwaters
messaggio12 May 2022, 09:14
Messaggio #7





Gruppo: Gamer
Messaggi: 65
Iscritto il: 14 December 15
Utente Nr.: 20.998
SO Sono un BOT, cancellami l'account




Ma anche 2.000€, figurati. Il problema non è tanto il prezzo, ma la mancanza di meccanismi certificativi affidabili. Forse in passato, quando questi pezzi costavano poche centinaia di euro, ci si poteva affidare ad un mercato ancora amatoriale. Mi innervosisce, tuttavia, che al lievitare dei prezzi non corrisponda la crescita di alcuna forma di tutela e/o garanzia. Per carità, i falsi drogano anche il mercato delle opere d'arte, però sicuramente l'incidenza è minore e aiutata dal fatto che, in genere, trattasi di pezzi unici. Qui in fondo parliamo di una decalcomania rotonda... Per non parlare del fatto che trattasi di supporti altamente volatili. In pratica paghi 2.000€ per un gioco che a) non sai se è originale b) anche se originale, è destinato a perdere i dati nel giro di ormai pochissimo tempo. Io per questo ho smesso di cercarlo, anche se, in via di pura astrazione, sarei anche disposto a investire grosse cifre.
 
miky83
messaggio13 May 2022, 09:16
Messaggio #8



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


Per quanto riguarda l'originalità, un occhio attento riconosce subito le differenze, anche se minime. L'edizione 384k che è quella tradotta in italiano, e su cui si basano scatola e contenuti, è rara anche sul mercato internazionale in lingua originale. Quindi i costi per contraffarne una italiana sarebbero alti e poco convenienti. Però capisco il tuo discorso. Alla fine però tutto si deteriora, la soddisfazione di avere un pezzo del genere te la godi sul momento e soprattutto perchè coroni anni di ricerche e frustrazioni scaturite dal fatto che pensavi non l'avresti avuto mai. Questo è il collezionismo secondo me. Dopo l'oggetto in sè diventa secondario e pure il prezzo. (chi spende 2000 euro se li può permettere). Il mio Zak Pc Ita l'ho pagato 1000 euro da un collezionista di questo forum (quindi provenienza certa e storia documentata) e me lo sono goduto molto, specie quando ero in pieno delirio da collezionismo Lucas. Adesso onestamente, potrei anche farne a meno. (anche perchè ho pure la variante Pc italiana, che è l'edizione presente nel museo, dedicata a me da David Fox.... smilies3.gif )
 
Gharlic
messaggio20 May 2022, 11:54
Messaggio #9


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.658
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


CITAZIONE (miky83 @ 13 May 2022, 10:16) *
Per quanto riguarda l'originalità, un occhio attento riconosce subito le differenze, anche se minime. L'edizione 384k che è quella tradotta in italiano, e su cui si basano scatola e contenuti, è rara anche sul mercato internazionale in lingua originale. Quindi i costi per contraffarne una italiana sarebbero alti e poco convenienti. Però capisco il tuo discorso. Alla fine però tutto si deteriora, la soddisfazione di avere un pezzo del genere te la godi sul momento e soprattutto perchè coroni anni di ricerche e frustrazioni scaturite dal fatto che pensavi non l'avresti avuto mai. Questo è il collezionismo secondo me. Dopo l'oggetto in sè diventa secondario e pure il prezzo. (chi spende 2000 euro se li può permettere). Il mio Zak Pc Ita l'ho pagato 1000 euro da un collezionista di questo forum (quindi provenienza certa e storia documentata) e me lo sono goduto molto, specie quando ero in pieno delirio da collezionismo Lucas. Adesso onestamente, potrei anche farne a meno. (anche perchè ho pure la variante Pc italiana, che è l'edizione presente nel museo, dedicata a me da David Fox.... smilies3.gif )

Di quale variante stai parlando? biggrin2a.gif


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
miky83
messaggio20 May 2022, 13:57
Messaggio #10



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


CITAZIONE (Gharlic @ 20 May 2022, 12:54) *
CITAZIONE (miky83 @ 13 May 2022, 10:16) *
Per quanto riguarda l'originalità, un occhio attento riconosce subito le differenze, anche se minime. L'edizione 384k che è quella tradotta in italiano, e su cui si basano scatola e contenuti, è rara anche sul mercato internazionale in lingua originale. Quindi i costi per contraffarne una italiana sarebbero alti e poco convenienti. Però capisco il tuo discorso. Alla fine però tutto si deteriora, la soddisfazione di avere un pezzo del genere te la godi sul momento e soprattutto perchè coroni anni di ricerche e frustrazioni scaturite dal fatto che pensavi non l'avresti avuto mai. Questo è il collezionismo secondo me. Dopo l'oggetto in sè diventa secondario e pure il prezzo. (chi spende 2000 euro se li può permettere). Il mio Zak Pc Ita l'ho pagato 1000 euro da un collezionista di questo forum (quindi provenienza certa e storia documentata) e me lo sono goduto molto, specie quando ero in pieno delirio da collezionismo Lucas. Adesso onestamente, potrei anche farne a meno. (anche perchè ho pure la variante Pc italiana, che è l'edizione presente nel museo, dedicata a me da David Fox.... smilies3.gif )

Di quale variante stai parlando? biggrin2a.gif


La tua ad esempio. Ha l'adesivo circolare blu di tonalità leggermente più chiara rispetto alle altre conosciute (sia amiga, che atari st, che pc). Non ha l'etichetta del codice a barre, ma ha un codice a barre stampato direttamente sulla scatola. La stessa scatola ha una tonalità più accesa, colori più vivi. Lo stesso codice a barre è diverso dalla edizione americana su cui si basa quella italiana. Che poi sarebbe l'edizione Amiga su cui sono attaccate le varie etichette. Il foglietto tradotto in italiano è stampato su carta più sottile rispetto alle altre edizioni....insomma, tante piccole differenze che ho già provato a spiegare altre volte ed in altre sedi...ma era più facile credere che stessi mentendo a quanto pare... biggrin.gif
 
Gharlic
messaggio20 May 2022, 14:09
Messaggio #11


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.658
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


Potrebbe essere falsa! biggrin2a.gif

Scherzi a parte. La tonalità della scatola non saprei, ho avuto per le mani solo una edizione tedesca che ho rivenduto quando rintracciai l'italiana. Anche adesivo e foglietto non li ho mai confrontati con nessun'altra edizione.

Sul codice a barre comunque c'è poco da dire, potrebbe essere tranquillamente appiccicato dal negozio che lo vendeva all'epoca. Magari quello originale c'era pure e s'è staccato... chissà.

Comunque complimenti per la memoria, cavolo...


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
miky83
messaggio20 May 2022, 14:15
Messaggio #12



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


CITAZIONE (Gharlic @ 20 May 2022, 15:09) *
Potrebbe essere falsa! biggrin2a.gif
Comunque complimenti per la memoria, cavolo...


ahaha ormai sono passati troppi anni, è diventata originale... smilies3.gif

Credo addirittura che sia più comune questa "variante" che l'altra...almeno io, conosco più collezionisti che hanno questa piuttosto che quella che secondo me è la "prima" stampa.

P.s.
La scatola è un'altra, perchè il codice a barre "tuo" è diverso dal codice a barre dell'altra scatola, che sta sotto al codice a barre in formato etichetta. Cerco di spiegarlo in modo meno contorto... il codice a barre attaccato sopra alla "prima" stampa, copre un codice a barre stampato sulla scatola, che è diverso dal codice a barre della "tua" edizione. E questo codice a barre diverso, è il codice a barre dell'edizone amiga americana, da cui deriva quella italiana... fiuuuu che fatica... :-)

Messaggio modificato da miky83 il 20 May 2022, 14:20
 
Gharlic
messaggio20 May 2022, 14:18
Messaggio #13


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.658
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


Chi lo sa, può essere che abbia avuto due ristampe... oppure semplicemente sono due lotti differenti di carta. Nell'89 dire che eravamo ancora nell'artigianato è fare un complimento ai distributori di allora.
Probabile se le facessero stampare dalla copisteria all'angolo quegli adesivi. biggrin2a.gif


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
miky83
messaggio20 May 2022, 14:23
Messaggio #14



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


CITAZIONE (Gharlic @ 20 May 2022, 15:18) *
Chi lo sa, può essere che abbia avuto due ristampe... oppure semplicemente sono due lotti differenti di carta. Nell'89 dire che eravamo ancora nell'artigianato è fare un complimento ai distributori di allora.
Probabile se le facessero stampare dalla copisteria all'angolo quegli adesivi. biggrin2a.gif


E non ti dico che esiste pure per Amiga tale variante altrimenti... "apriti cielo".... smilies3.gif smilies3.gif
 
Gharlic
messaggio20 May 2022, 14:32
Messaggio #15


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.658
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


CITAZIONE (miky83 @ 20 May 2022, 15:15) *
La scatola è un'altra, perchè il codice a barre "tuo" è diverso dal codice a barre dell'altra scatola, che sta sotto al codice a barre in formato etichetta. Cerco di spiegarlo in modo meno contorto... il codice a barre attaccato sopra alla "prima" stampa, copre un codice a barre stampato sulla scatola, che è diverso dal codice a barre della "tua" edizione. E questo codice a barre diverso, è il codice a barre dell'edizone amiga americana, da cui deriva quella italiana... fiuuuu che fatica... :-)

Sì, questo lo sapevo. Ma quindi secondo te quel codice a barre non ci sarebbe mai stato nell'edizione come la mia? Ho sempre dato per scontato che si fosse semplicemente staccato negli anni...


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
miky83
messaggio20 May 2022, 14:35
Messaggio #16



Gruppo icone

Gruppo: OGI Museum
Messaggi: 857
Iscritto il: 14 April 11
Utente Nr.: 18.597
SO WinVista


Spolveratore (2)


CITAZIONE (Gharlic @ 20 May 2022, 15:32) *
CITAZIONE (miky83 @ 20 May 2022, 15:15) *
La scatola è un'altra, perchè il codice a barre "tuo" è diverso dal codice a barre dell'altra scatola, che sta sotto al codice a barre in formato etichetta. Cerco di spiegarlo in modo meno contorto... il codice a barre attaccato sopra alla "prima" stampa, copre un codice a barre stampato sulla scatola, che è diverso dal codice a barre della "tua" edizione. E questo codice a barre diverso, è il codice a barre dell'edizone amiga americana, da cui deriva quella italiana... fiuuuu che fatica... :-)

Sì, questo lo sapevo. Ma quindi secondo te quel codice a barre non ci sarebbe mai stato nell'edizione come la mia? Ho sempre dato per scontato che si fosse semplicemente staccato negli anni...


Esatto, non c'è mai stato. Poi un codice a barre lascia sempre tracce di colla o anche un leggero alone sotto quando si stacca... e sono certo che sulla tua copia non c'è manco l'ombra di tali residui.
 

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 4th July 2022 - 13:58