Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: WINDOWS 10
OldGamesItalia > (Old)Games > Osservatorio
alaris_
Da ieri è apparsa un'icona sulla barra degli strumenti di Windows...ti chiede di prenotare la nuova versione di win.
Che ne pensate? Meglio tenersi win7 per i giochi?
E' vero che se installi la nuova versione quando dovesse capitare di formattare il tutto non hai più la possibilità di reinstallare la nuova versione?
Sono molto confuso chiaritemi le idee...grazie mille a chi mi risponderà! blush.gif
Micartu
Non ti so rispondere alle domande che hai posto, ti posso solo dire che se fai retrogaming di giochi windows xp per esempio è meglio tenersi seven. Se giochi ai giochi moderni va bene anche windows 8.0 e 8.1, windows 10 dovrebbe essere solo una sorta di versione prova. Windows 10 è un'evoluzione di quel cesso di windows 8 e 8.1 e avrà come pregio l'introduzione delle nuove directx che dovrebbero essere molto leggere e rinverdire anche le vecchie schede video. Non è detto cmq che le componenti del tuo pc siano compatibili con windows 10, quella è una cosa che dovresti verificare. Ad ogni modo non installarlo è solo una versione di prova.

Per prenotarlo.... beh sì conviene perché windows 7 verrà dismesso e 8.0 e 8.1 fanno schifo, quindi non resta molta scelta.
Max_R
Vai tranquillo!
Gharlic
Io spero vivamente che Windows 10 non sia incasinato come l'8 o l'8.1. E tra l'altro la cosa che mi fa andare in bestia è che un'azienda come Microsoft, tra le più grandi al mondo e produttrice del sistema operativo più usato di tutti, se ne esca con una roba come Windows 8, giustificandone la naturale aderenza al mobile ai tablet e compagnia bella. Ma i PC fissi e i portatili non esisteranno forse più? Oggi non esistono? Cosa gli costava mettere una semplice scelta della shell, per dire una delle cose che rendono 8 assai confuso, in fase d'installazione? Chessò, qualcosa tipo: clicca qui per la shell da computer fisso (simile a quella classica) o qua se installi l'8 su un tablet.

Comunque confermo, alaris, tieniti il 7 finché non sarà più supportato dai software di terze parti.
kaos
Io rimango al 7 finché posso.
Ravenloft
Windows 10 sarà disponibile ufficialmente il 29 luglio, anche se dal 1 giungo è possibile "prenotare" il download, che ricordo gratuito per i possessori di W7, 8 e 8.1 originali, per il primo anno di commercializzazione (dunque fino al 28 luglio 2016). Detto questo, è fondamentalmente 8.1 con le modifiche richieste dall'utenza (vedi quanto scritto da Gharlic sopra... W10 si adatterà automaticamente in base alla presenza o meno di un touch screen come interfaccia). Per il gaming, le DX12 pare saranno una rivoluzione, quindi bisogna monitorare bene la situazione... anche se Vulkan (l'evoluzione di openGL derivante da Mantle di AMD) promette lo stesso con in più assoluta compatibilità a prescindere dal sistema operativo (dunque ivi compresi Linux e MacOS, piattaforme mobile...). Dovessero "vincere" queste ultime, puoi tranquillamente tenerti W7.
Gwenelan
CITAZIONE (Gharlic @ 2 Jun 2015, 16:27) *
Io spero vivamente che Windows 10 non sia incasinato come l'8 o l'8.1. E tra l'altro la cosa che mi fa andare in bestia è che un'azienda come Microsoft, tra le più grandi al mondo e produttrice del sistema operativo più usato di tutti, se ne esca con una roba come Windows 8, giustificandone la naturale aderenza al mobile ai tablet e compagnia bella. Ma i PC fissi e i portatili non esisteranno forse più? Oggi non esistono? Cosa gli costava mettere una semplice scelta della shell, per dire una delle cose che rendono 8 assai confuso, in fase d'installazione? Chessò, qualcosa tipo: clicca qui per la shell da computer fisso (simile a quella classica) o qua se installi l'8 su un tablet.

Comunque confermo, alaris, tieniti il 7 finché non sarà più supportato dai software di terze parti.

Quoto ogni cosa.
alaris_
Grazie...dato che faccio parecchio retrogaming mi tengo Seven. Poi c'è tempo, per decidere, fino al 2016 vedremo che succede.
Grazie a tutti! blush.gif
Max_R
Si ma che seven hai? Perchè alla fine il più compatibile è il 32bit e dubito tu abbia quello, quindi ne hai già perso. Tanto vale andare di 10 e Virtual Machine per i giochi XP se non addirittura usare computer differenti.
alaris_
Seven 64 bit... però mai avuto problemi con il retro gaming.
Yol1
porto alla vostra attenzione questo articolo, in inglese, potrebbero esserci dei problemi con i vecchi giochi, non sono esperta lascio la valutazione a voi.

safedisc drm


TheRuler
Mai avuto u8n problema con securom. Non è mai stato installato sul mio pc. E' un driver che deve morire.
chipko
Se posso, non da esperto, ma nemmeno da profano assoluta provo a dire alcune cose.

Innanzitutto non è assolutamente vero che Windows 8 e 8.1 fanno schifo, anzi sono molto molto meglio di Windows 7
Premesso che appena ho avuto a che fare con Windows 8, ho smadonnato per dei mesi, incazzatissimo perché non trovavo niente e non ero abituato all'interfaccia metro.
Al di là del falso problema dell'interfaccia metro e della mancanza del menù start, l'8/8.1 è molto più leggero di 7 senza per questo perdere di prestazioni. Infatti un sacco di persone (amici e parenti) con computer vecchi e obsoleti non hanno mai potuto cambiare il loro sistema operativo dopo xp perché Vista e Seven erano troppo pesanti per loro. Una volta terminato il supporto a xp sono incominciati i problemi, ebbene con l'8/8.1 i loro pc e i loro portatili sono tornati in vita.
Davvero anche io sono stato fra i detrattori di questo SO ma lo facevo per ignoranza.

CHE COSA DAVVERO È CAMBIATO (IN PEGGIO) CON IL PASSAGGIO A 8/8.1?
Quello che è cambiato davvero è stata la decisione di Microsoft di blindare tutti i computer al suo sistema operativo di modo da impedire o rendere molto più difficile qualsiasi libera scelta da parte dell'utente finale su quale sistema operativo installare.
Non parlo del solito problema delle licenze che non vengono rimborsate a chi decide di non usare Microsoft, ma di qualcosa di molto più profondo.
Infatti la MS approfittando del salto tecnologico avvenuto sui nuovi pc a riguardo del loro firmware (quello che tutti noi abbiamo sempre chiamato BIOS) ha chiesto e ottenuto che nei nuovi firmware (chiamati da adesso in poi non più BIOS ma UEFI) fosse inserito un codice di sicurezza, chiamato SECURE BOOT, che impedisce l'avvio di qualsiasi Sistema Operativo che non sia Windows 8 e successivi. Grazie al cielo in America si sono sollevati e tramite pressioni legali e inchieste si è ottenuto che il secure boot possa essere disabilitato dall'utente.
Ma ATTENZIONE, nel momento in cui disabilitate il secure boot si disabiliterà anche la vostra copia di Windows!!!!!!!. Eh già perché quei furboni della MS hanno pensato bene di eliminare anche il classico "Product Key" dalle versioni vendute insieme ad un pc. Infatti a differenza di prima l'utente normale non conosce il numero della sua licenza che, indovinate un po'?, è scritta all'interno del firmware UEFI. Infatti in caso di nuova installazione l'utente non dovrà digitare più nulla perché il PK verrà iniettato direttamente dall'UEFI a patto che il secure boot sia attivo.
Tutto questo con la scusa della maggiore sicurezza, sì sicurezza per loro che nessuno cambi sistema operativo.

In realtà il problema è aggirabile, infatti grazie a programmi come aida 64 è possibile per l'utente decriptare il proprio PK che è tutt'altro che inutile, infatti se io installo il SO con il secure boot disattivato e inserisco il PK manualmente il sistema operativo rimarrà attivo SEMPRE! E ciò mi permette di fare un dualboot con ubuntu (per la verità anche ubuntu si è dotato di un codice che venga riconosciuto dal secure boot ma non sempre funziona).
Il pk inoltre mi permette di fare un'installazione pulita dell'8.1. Cosa che senza pk non avrei potuto fare. Io infatti avevo la licenza di 8 pro e potevo aggiornare gratuitamente a 8.1 pro ma non fare un'istallazione pulita perché il PK non me lo riconosceva come valido in fase di installazione e passare all'8.1 da aggiornamento mi dava problemi. Ecco allora che posso inserire la mia licenza (valida anche per 8.1) post installazione da riga di comando e tenermi 8.1 bello pulito.
Insomma il pk è vitale e importante altro che una cosa inutile e una cosa in meno a cui l'utente deve pensare come sostiene Microsoft.
Senza contare che non tutti i sistemi operativi supportano il nuovo firmware (il 7 non è completamente compatibile con UEFI, men che meno vista) per cui il firmware nuovo (UEFI) permette comunque la retrocompatibilità con il vecchio sistema (BIOS) tramite la funzione legacy mode. In questa modalità (che ovviamente non prevede il secureboot) per installare il SO 8/8.1 avrete nuovamente bisogno del PK.

QUAL È IL VERO E INQUETANTE PROBLEMA DI WIN 10?
Dal momento che ne avevo diritto (avendo 8 originale) ho voluto prima provarlo su macchina virtuale per vedere com'era e se mi piaceva. Ovviamente la cosa che più mi incuriosiva era Cortana, il nuovo assistente vocale di Windows (una sorta di Siri in versione MS), cerco come si attiva e mi imbatto nelle NUOVE POLICY SULLA PRIVACY DI MICROSOFT.

CITAZIONE
I dati raccolti dipendono dai servizi e dalle funzionalità utilizzati dall'utente e includono i seguenti.

Nome e dati di contatto. Microsoft raccoglie nome e cognome, indirizzo e-mail, indirizzo postale, numero di telefono e altri dati di contatto simili.

Credenziali. Microsoft raccoglie password, suggerimenti password e informazioni di sicurezza simili utilizzati per l'autenticazione e l'accesso all'account.

Dati demografici. Microsoft raccoglie dati sull'utente quali età, sesso, paese di residenza e lingua preferita.

Interessi e preferiti. Microsoft raccoglie dati sugli interessi e sui preferiti dell'utente, come ad esempio le squadre che segue in un'app sportiva, le azioni seguite in un'app finanziaria o le città preferite aggiunte a un'app per il meteo. Oltre a quelli forniti esplicitamente, interessi e preferiti dell'utente possono anche essere ricavati o dedotti da altri dati raccolti.

Dati di pagamento. Microsoft raccoglie i dati necessari per elaborare i pagamenti in caso di acquisti, come ad esempio il numero del mezzo di pagamento (come il numero di una carta di credito) e il codice di sicurezza associato al mezzo di pagamento.

Dati sull'utilizzo. Microsoft raccoglie dati su come interagisce l'utente con i propri servizi. Questi includono informazioni come le funzionalità utilizzate, gli articoli acquistati, le pagine Web visitate e i termini di ricerca inseriti. Includono anche dati sul dispositivo, tra cui indirizzo IP, identificatori del dispositivo, impostazioni regionali e sulla lingua e dati su rete, sistema operativo, browser o altro software utilizzato per connettersi ai servizi, oltre ai dati sulle prestazioni dei servizi e qualsiasi problema riscontrato durante l'utilizzo degli stessi.

Contatti e relazioni. Microsoft raccoglie dati sui contatti e sulle relazioni qualora l'utente utilizzi un servizio Microsoft per gestire i contatti o comunicare o interagire con altre persone o aziende.

Dati sulla posizione. Microsoft raccoglie dati sulla posizione, che possono essere precisi o imprecisi. I dati precisi sulla posizione possono essere dati GPS (Global Position System), oltre a dati che identificano il ripetitore più vicino e gli hotspot Wi-Fi, raccolti quando si abilitano i servizi o le funzionalità di localizzazione. I dati sulla posizione imprecisi includono ad esempio, una posizione ricavata dall'indirizzo IP o dati che indicano la posizione con minor precisione, come ad esempio a livello di città o codice postale.

Contenuti. Microsoft raccoglie i contenuti dei file e delle comunicazioni dell'utente se necessari a fornire i servizi utilizzati. Includono: contenuti dei documenti, foto, musica o video caricati su un servizio Microsoft, come ad esempio OneDrive. Inoltre, includono i contenuti delle comunicazioni inviate o ricevute utilizzando servizi Microsoft come:
•riga dell'oggetto e corpo di un'e-mail,
•testo o altri contenuti di un messaggio istantaneo,
•registrazione audio e video di un videomessaggio, e
•registrazione audio e trascrizione di un messaggio vocale ricevuto o di un messaggio di testo dettato.

In poche parole per poter funzionare Cortana ha bisogno di sapere ogni singolo e minimo dettaglio della mia vita privata, dove vado, con chi, a che ora, cosa scrivo, come parlo, cosa compro come lo compro, chi frequento. Ci manca solo che mi chieda di che colore sono le mie feci e siamo a posto.
E il bello che tutto ciò è condiviso con parti terze.
Praticamente l'uso di Win 10 (che è gratuito non a caso) comporta la svendita di noi stessi al mercato.
Un problema decisamente molto più preoccupante di una eventuale non retrocompatibilità con gli old games.
Max_R
E' tutto aggirabile con una semplicissima accortezza: qualora ci si sia registrati con l'account microsoft, procedere tramite pannello di controllo a creare un nuovo account standard (il nome non conta molto) e cancellare l'account microsoft. A conti fatti non cambia molto: è come avere un cellulare android senza la registrazione google. Così facendo non viene raccolto assolutamente nulla, non viene necessariamente chiesta la password all'accesso (cosa invece obbligatoria con account microsoft) e non viene usato OneDrive che non si poteva disabilitare con facilità. Non si può usare lo store ma sinceramente non lo ritengo un grosso problema: basta installare le applicazioni come sempre fatto in windows.
In ogni caso, sto giocando un po a tutto, sia vecchio che nuovo ed il sistema non ha fatto una piega.
chipko
CITAZIONE (Max_R @ 23 Sep 2015, 19:51) *
E' tutto aggirabile con una semplicissima accortezza: qualora ci si sia registrati con l'account microsoft, procedere tramite pannello di controllo a creare un nuovo account standard (il nome non conta molto) e cancellare l'account microsoft. A conti fatti non cambia molto: è come avere un cellulare android senza la registrazione google. Così facendo non viene raccolto assolutamente nulla, non viene necessariamente chiesta la password all'accesso (cosa invece obbligatoria con account microsoft) e non viene usato OneDrive che non si poteva disabilitare con facilità. Non si può usare lo store ma sinceramente non lo ritengo un grosso problema: basta installare le applicazioni come sempre fatto in windows.
In ogni caso, sto giocando un po a tutto, sia vecchio che nuovo ed il sistema non ha fatto una piega.

Sì ma nel caso di Windows 10 non puoi usare nessuna delle funzionalità nuove, il che lo rende inutile a meno di piegarsi alle nuove policy. Senza l'account Microsoft WIN 10 è monco. Calcola che senza l'account Microsoft nell'8 non puoi neanche creare una rete dlna con Windows media player.
Insomma stanno esagerando. Un conto è chi liberamente decide di mettersi a nudo su facebook, cazzi sua, ma non esiste che chi compra, spendendo del denaro, un servizio poi sia così pesantemente vincolato. Un conto sono le app gratis del cell che vivono di quello, Google pure vive di quello ma è gratis. Tutto ciò che è gratis ormai vive carpendo informazioni private e questo si sa, ma è intollerabile che lo facciano anche i servizi a pagamento. Io capisco quelli che non hanno i soldi per il chirurgo plastico e che quindi vanno in televisione a farsi operare, ma siamo arrivati all'assurdo che anche se decidi di pagare il chirurgo ti faccia firmare una liberatoria per mandare in onda il tuo intervento. Eh no quando è troppo è troppo.
Leonardo Boselli
CITAZIONE (chipko @ 23 Sep 2015, 18:54) *
In poche parole per poter funzionare Cortana ha bisogno di sapere ogni singolo e minimo dettaglio della mia vita privata, dove vado, con chi, a che ora, cosa scrivo, come parlo, cosa compro come lo compro, chi frequento. Ci manca solo che mi chieda di che colore sono le mie feci e siamo a posto.
E il bello che tutto ciò è condiviso con parti terze.
Praticamente l'uso di Win 10 (che è gratuito non a caso) comporta la svendita di noi stessi al mercato.

Nel mio caso non è un grosso problema: il supercomputer che sta analizzando le email che scrivo, i siti che visito, gli articoli che acquisto, i giochi che gioco, i film che vedo, la musica che ascolto, i video che edito ecc ecc sta seriamente meditando il suicidio e presto la farà finita ;)
alaris_
Tutto abbastanza inquietante...Boh non so cosa fare, penso che comunque anche comprando un pc nuovo si cadrebbe sempre in win10 con tutte le problematiche connesse.
Probabilmente mi tengo seven fino al prossimo pc.
chipko
Quando la gente capirà davvero il problema generato da questi sistemi sarà troppo tardi. È già troppo tardi, e non sono paranoie di un pirla. Le leggi e i governi sono sempre più compiacenti nel permettere queste invasioni sempre più oppressive della privacy.
La gente dice "Ma a me che importa se uno si scrive quello che mi piace? Io non ho nulla da nascondere".
Niente di più falso perché ognuno di noi ha qualcosa da nascondere, perché se tu sei sposato e hai un'amante io ti posso ricattare e tu non saresti più libero. Di fatto in America il quinto emendamento o il mandato di perquisizione stanno perdendo di valore dal momento che nell'utilizzare i servizi di Google autorizzi preventivamente Google a fornire i dati in loro possesso alle autorità giudiziarie, quindi dato che hai dato il conseso hai rinunciato a due diiritti costituzionali. Non è poco.
Tanti altri non capiscono l'endemicità del problema, perché tanto vedono questi poteri solo come sede affaristiche neutrali su tutto il resto, ma non è così. Quanti attivisti contro il regime dittatoriale sono stati arrestati grazie al benestare di Google? Il fatto che qui vigano delle democrazie non significa niente e significa avere l'occhio davvero corto. Cosa accadrebbe se quei dati finissero delle mani dell'isis o della malavita organizzata? Perché nel momento in cui io posso e ottengo il permesso di rivendere a terzi il gioco e fatto. Io posso tenere traccia dei miei nemici politici, posso ricattarli (guardate il caso Marazzo o quello più noto di Berlusconi) Immaginate quanti e che danni incredibili si potrebbero fare con i dati di Google, altro che una piccola intercettazione o delle foto rubate. Ma tanto la gente non capisce, e intanto i buoi sono già scappati.
chipko
CITAZIONE (alaris_ @ 23 Sep 2015, 21:17) *
Tutto abbastanza inquietante...Boh non so cosa fare, penso che comunque anche comprando un pc nuovo si cadrebbe sempre in win10 con tutte le problematiche connesse.
Probabilmente mi tengo seven fino al prossimo pc.

In realtà una piccola nota positiva c'è. Pare che Windows 10 permetta il downgrade gratuito a chi lo richieda entro 30 o 60 giorni dall'attivazione della licenza
Gharlic
CITAZIONE (chipko @ 23 Sep 2015, 21:22) *
CITAZIONE (alaris_ @ 23 Sep 2015, 21:17) *
Tutto abbastanza inquietante...Boh non so cosa fare, penso che comunque anche comprando un pc nuovo si cadrebbe sempre in win10 con tutte le problematiche connesse.
Probabilmente mi tengo seven fino al prossimo pc.

In realtà una piccola nota positiva c'è. Pare che Windows 10 permetta il downgrade gratuito a chi lo richieda entro 30 o 60 giorni dall'attivazione della licenza

Eh sì, ma per quanto? Tempo cinque anni e Windows 7 farà la fine di XP. L'8 lo seguirà a breve e allora ci sarà già probabilmente il sistema operativo in cloud, come si vocifera e di conseguenza si dirà addio al computer come l'abbiamo sempre conosciuto.
Non ci si può fare niente. Di queste cose a interessarsene siamo in pochi. La maggior parte della gente vuole solo stare su internet e condividere roba a casaccio.
Sarebbe già tanto non avere un cellulare che prende il wifi o il portatile o il tablet, così da stare in santa pace almeno quando non sei a casa.
Max_R
Rimane sempre Linux e per l'os cloud è troppo presto: immaginate se come per steam i server vanno down.
Ribadisco: la soluzione con Windows 10 c'è ed è ottimo. Dal momento in cui l'update è gratuito e garantisce una serie di migliorie che non si limitano alle directx 12, non c'è reale motivo di non accettare, tanto più che poi la vecchia licenza la si può tenere e riutilizzarla. Windows 10 un sistema scattante, più di 8 e relativamente più di 7 (in alcuni casi anche più dello starter) e che nel mio caso ha corretto diverse rogne che avevo con 7 ed 8 nella gestione hardware dei flussi hd del netbook: se prima le avevo provate tutte per visualizzare filmati in 1080, ho risolto definitivamente solo con il passaggio a 10 e fin dalla prima installazione, senza smanettare tanto.
Non voglio convincere nessuno, tanto più che sono un utilizzatore Linux e se dovessi consigliarvi un os (non ancora per gaming) vi conseglierei quello. Ma davvero tutte queste critiche non sono del tutto fondate: certo se scegliete di usare l'account microsoft otterrete qualcosa di molto simile alla situazione mac, o quella di android con l'account google (dove è tutto un sincronizzare). Con un po di accortezza nessun problema.
Yol1
la prima cosa che ho fatto quando ho aggiornato da w7 a w10 è proprio controllare e limitare la privacy, di cortana sinceramente posso farne a meno. L'importante è essere consapevoli dello strumento che si utilizza, per questo cerco sempre informazioni e aggiornamenti anche su android e google.
Myloch
trovo rognoso il fatto che Windows 7-8-10 abbiano recentemente tolto il supporto per Safedisc e Securom. Toccherà crackare tutto.
kaos
CITAZIONE (Myloch @ 23 Sep 2015, 23:55) *
trovo rognoso il fatto che Windows 7-8-10 abbiano recentemente tolto il supporto per Safedisc e Securom. Toccherà crackare tutto.


In quest'articolo trovate un paio di rimedi:

http://www.tomshw.it/news/i-giochi-con-drm...soluzione-70363

(Valgono solo per 7 e 8, non per win10)
utdefault
CITAZIONE (chipko @ 23 Sep 2015, 19:00) *
Tutto ciò che è gratis ormai vive carpendo informazioni private e questo si sa, ma è intollerabile che lo facciano anche i servizi a pagamento.
Sono misure richieste dalla legge contro la sicurezza internazionale recepite da ogni Paese. Dati monitorati, forniti solamente agli organi di competenza quando c'è espressa richiesta da parte delle autorità giudiziarie.
Quelli forniti a terzi (di varia natura e titoli) sono espressa voluttuosità nati da consensi 'forzati', per clausole varie, nelle adesioni contrattuali. Senza una palese conferma, non si arriverà mai alla conclusione dello stesso.
E giocoforza quei dati li richiedono proprio quelli gratis, e sempre giocoforza da questi rivenduti a quelli che li offrono a pagamento: c'è un businezz pazzesco, dietro. eek.gif

CITAZIONE (chipko @ 23 Sep 2015, 20:19) *
Quando la gente capirà davvero il problema generato da questi sistemi sarà troppo tardi.
Già all'epoca, ai tempi del suo famoso word processor - anno '97 -, trapelò la notizia che le informazioni personali (con vari dati del pc) venivano memorizzate in ogni doc creato sul computer.
E chi sapeva come, poteva carpire quelle informazioni.
Un gran polverone si alzò, discusso da varie fonti e su diverse piattaforme, poi... nessun granello rimase più nell'aria!


CITAZIONE (Gharlic @ 23 Sep 2015, 22:43) *
... ci sarà già probabilmente il sistema operativo in cloud, come si vocifera e di conseguenza si dirà addio al computer come l'abbiamo sempre conosciuto.
Sarebbe una fantastica utopia. blush.gif
Una 'Net' globalmente connessa; un S.O. disponibile, subito ad ogni accesso.
Device come nodi di rete, non cellule di kernel stand-alone.

CITAZIONE (Max_R @ 23 Sep 2015, 22:05) *
... per l'os cloud è troppo presto: immaginate se come per steam i server vanno down.
Come scenario apocalittico paventato c'è anche quello di un eventuale shutdown del futuristico 'VeriChip' biggrin.gif; senza, l'umanità dovrà riscoprire l'interazione classica.



Max_R
CITAZIONE (utdefault @ 28 Sep 2015, 00:27) *
CITAZIONE (Max_R @ 23 Sep 2015, 22:05) *
... per l'os cloud è troppo presto: immaginate se come per steam i server vanno down.
Come scenario apocalittico paventato c'è anche quello di un eventuale shutdown del futuristico 'VeriChip' biggrin.gif; senza, l'umanità dovrà riscoprire l'interazione classica.

Sarei il primo a voler vedere esplodere tutti 'sti apparecchi, ma c'è chi deve lavorarci per vivere.
chipko
CITAZIONE (utdefault @ 28 Sep 2015, 00:27) *
Sono misure richieste dalla legge contro la sicurezza internazionale recepite da ogni Paese. Dati monitorati, forniti solamente agli organi di competenza quando c'è espressa richiesta da parte delle autorità giudiziarie.

No no, non solo sicurezza internazionale, si parla anche di omicidi. Ora non che io sia contrario che google possa offrire una mano a sbattere dentro degli assassini, ma gli innocenti? Poniamo il caso che, Dio non voglia, una tua vicina di casa venga ammazzata e che tu sia totalmente innoncente. La Polizia brancola nel buio e non sa dove indirizzare i sospetti, però grazie a Google ha acesso alla vita privata di tutto il quartiere senza aver bisogno di alcun mandato, dall'analisi risulta che tu e la vicina siete amanti (tu tra l'altro, nell'ipotesi sei pure sposato e tua moglie non ha mai sospettato di nulla) e che dalle tue ricerche emerge che ti è capitato di vedere film pornografici a carattere sadomasochistico, in mancanza di altro allora la polizia decide di concentrarsi su di te e iniziano ad interrogarti. Nel frattempo le troup del tg, la rai, mediaset, la 7, iniziano ad intervistarti, iniziano a chiederti perché ti stanno interrogando "lei conoscova la vittima?" "in che rapporti era con lei?". Poi magari salta fuori che 10 anni prima in casa tua c'è stata una lite domestica e che nell'unico momento della tua vita in cui hai perso le staffe hai mollato uno schiaffo a tua moglie. Ed ecco che grazie alla solita "fuga di notizie" tu sei il mostro, l'amante della vittima che amava guardare il sadomaso in tv, l'uomo violento che picchiava sua moglie.

Tutto questo scenario (che ti assicuro è molto plausibile) è ammissibile? Io dico di no e che il limite è stato ampiamente superato.
CITAZIONE (utdefault @ 28 Sep 2015, 00:27) *
Già all'epoca, ai tempi del suo famoso word processor - anno '97 -, trapelò la notizia che le informazioni personali (con vari dati del pc) venivano memorizzate in ogni doc creato sul computer.
E chi sapeva come, poteva carpire quelle informazioni.
Un gran polverone si alzò, discusso da varie fonti e su diverse piattaforme, poi... nessun granello rimase più nell'aria!

È la qualità delle informazioni che è cambiata, sanno a che ora ti alzi, a che ora vai a dormire, che percorso fai per andare a lavorare, chi frequenti, con chi hai buoni rapporti, chi non sopporti (magari vedendo chi hai bloccato su facebook o su whatapp), cosa ti piace, il tuo orientamento sessuale, il tuo orientamento politico. Non credo che word del 97 potese arrivare a tanto, nemmeno i servizi segreti del kgb potevano arrivare a tanto.

CITAZIONE (utdefault @ 28 Sep 2015, 00:27) *
Sarebbe una fantastica utopia. blush.gif

Più che altro sarebbe una terribile distopia. È bene che non tutto sia in rete e che esistano più reti e che alcune reti restino celate ad altre. Io politicamente sono sempre stato un moderato (se fossimo negli sessanta voterei DC, oggi è un po' più complicato, vista la mole di populisti a destra e a sinistra) e lontanissimo da tutte quelle aspirazioni culturali che si rifanno ideologicamente all'anarchia (ho sempre considerato l'anarchia una delle peggiori ideologie) eppure mi trovo oggi ad essere grato che queste siano esistite e che, almeno a livello informatico, si diano da fare escogitando sistemi come tor, perché un domani potremmo aver bisogno di loro per salvare le nostre democrazie.

Cmq ti consiglio il film-documentario "Terms and Conditions May Apply", lo trovi in streaming sia sottotitolato che doppiato.
LargoLagrande
Clicca per vedere l'allegato
Ravenloft
La posto qui, visto che l'argomento è comunque in forte relazione con W10.

Qualche giorno fa è stato presentato da parte di Stardock un gioco in alpha, un RTS, Ashes of Singularity. La notizia più che altro era: primo gioco directX12 e stupidaggini varie. Gossip, in pratica. Oggi invece, l'importanza di questo gioco è venuta fuori. Non certamente per il gioco in sé, ma proprio perché è un titolo directX12.

Molto si è detto su queste nuove librerie, purtroppo però molti siti specializzati in videogiochi le hanno messe troppo spesso in relazione a Xbox. Sbagliando.

Dicevo di oggi. Oggi ho letto il primo articolo sulle reali potenzialità di queste librerie in ambito PC. Una delle nuove caratteristiche di queste librerie è chiamata Explicit Multi-adapter. Ve la faccio molto breve. In pratica grazie alle directX12 sarà possibile utilizzare più "fonti" per renderizzare una data scena, un po' come accade per SLI e CrossFire. La differenza? Che qui non si tratta di un artificio via driver, ma di esplicita programmazione: insomma la palla passa agli sviluppatori, piuttosto che ai produttori di chip grafici. Le buone notizie non finiscono qui: sarà possibile, come dire, utilizzare contemporaneamente ad esempio una scheda AMD e una nVidia per praticamente raddoppiare le prestazioni! Inoltre sarà possibile utilizzare anche le GPU integrate, basti pensare alle APU AMD oppure agli ultimi sviluppi in ambito GPU integrate nelle CPU Intel delle ultime generazioni, rimaste fino ad ora praticamente inutilizzate quando una scheda discreta era presente. Oggi questo "silicio" potrà essere utilizzato, aumentando ancora la potenza grafica del PC, praticamente a costo zero (nel senso che una CPU è obbligatoria e praticamente tutte le CPU adesso sono equipaggiate con una GPU... basta fare 2+2). Di conseguenza il divario con le console aumenterà ulteriormente, ma questo è un altro discorso. La vera rivoluzione è che questo abbasserà la soglia di "ingresso" nel mondo del gaming PC, portando ad un costo complessivamente inferiore l'accesso alla grafica di alto livello, con conseguente maggiore affermazione, penso, della piattaforma nel suo complesso. Insomma il PC gaming si espanderà ulteriormente. Naturalmente tutto questo, come detto, dipenderà comunque molto dagli sviluppatori e a quanto vorranno sbattersi per sfruttare questa caratteristica, al netto ovviamente delle sponsorizzazioni... ma questo è, ancora una volta, un altro paio di maniche.

Le directX 12 riservano altre novità interessanti, ma questa penso sia quella davvero più rivoluzionaria, potenzialmente. E finora un po' troppo taciuta... nel suo piccolo Ashes of Singularity sarà una pietra miliare, anche se non per motivi di gameplay, almeno fino a quando non sarà completato e ne potremo saggiare le potenzialità.
The Ancient One
hail.gif hail.gif hail.gif

Grazie, Conte, di questo bellissimo post.
Non sapevo niente dell'argomento e tu sei stato come sempre chiarissimo!
TheRuler
Per poco che sia è comunque qualcosa. Ma l'apporto che una integrata intel possa riuscire a dare ad una programmazione del genere secondo me è minimo.
Ravenloft
Allo stato attuale, pare ci sia stata una demo da parte di Microsoft alla conferenza BUILD 2015. Durante questo evento, è stata provata la sinergia tra una integrata e una scheda discreta. Ebbene, data la differenza di potenza piuttosto marcata, alla scheda integrata era demandato il post-processing e l'anti-aliasing della scena. Comunque sia il guadagno prestazionale era buono, visto che la scheda discreta era sollevata da alcuni compiti. Questa tecnologia può essere programmata in modo da bilanciare il carico addirittura nel renderizzare il medesimo frame (non è il caso di Ashes of Singularity da me descritto sopra che invece utilizza l'Alternate Frame Rendering, ossia ogni scheda renderizza un frame intero ogni due), potendo anche dinamicamente assegnare una porzione più o meno grande di un singolo frame, utilizzando la suddivisione in "mattonelle" dello stesso. A vantaggio di questa soluzione vi è anche un altro particolare: nell'SLI/CrossFire, la memoria delle schede coinvolte non si somma poiché tutte devono disporre nella propria memoria delle informazioni del caso per intero, non potendole scambiare tra loro, mentre in questo caso i quantitativi di memoria di ogni scheda (è possibile usarne più di due, stando alle indiscrezioni) si sommano, poiché queste possono scambiarsi dati tramite il PCI-Ex. A questo si deve aggiungere poi il ridotto overhead garantito a tutte le schede DX12 insito nel lavoro di ottimizzazione fatto e la possibilità, finalmente, di distribuire il carico su tutti i core della CPU (è stato fatto un test utilizzando con successo una CPU 8 core, tutti utilizzati). Le potenzialità sono enormi.
Max_R
CITAZIONE (TheRuler @ 29 Oct 2015, 15:12) *
Per poco che sia è comunque qualcosa. Ma l'apporto che una integrata intel possa riuscire a dare ad una programmazione del genere secondo me è minimo.

Ho visto alcune Intel di ultima generazione ed io stesso ho in uso un APU Amd e devo dire che fanno il loro sporco lavoro, il che significa che in supporto ad una scheda discreta qualcosa la possono sicuramente fare. Se consideriamo il peso di ombre e riflessi, oltre agli effetti volumetrici, sicuramente ci sarà differenza, entro certi limiti, certo, perchè bisogna ricordare che nel periodo in cui Ageia è passata ad NVidia, comprare una NVidia di fascia estrema e lasciare che calcolasse da se la fisica dava risultati migliori che una scheda di medio-alto livello con una scheda dedicata in supporto.
The Ancient One
Leggo con interessa, perché l'argomento mi ha appassionato!
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2018 Invision Power Services, Inc.