Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: [INDIEtro Tutta] Intervista a Francesco Cucchiella, autore di SOGNI
OldGamesItalia > (Old)Games > Osservatorio
LargoLagrande
Torna Indietro Tutta con un'intervista del nostro eroico Gamanek
a Francesco Cucchiella, autore di Sogni, un videogioco indie davvero interessante.

Scoprite perchè leggendo questa divertente chiacchierata

L'autore sta anche cercando collaboratori, un motivo in più per leggere questo pezzo e per farci sapere cosa ne pensiate!
Buon lunedì!
The Ancient One
Bellissima intervista!
Grazie a Gamanek per averla realizzata e a Francesco Cucchiella per averla concessa!

Lo stile grafico, per quanto originato da ragioni molto pratiche (ed è bello che tu non abbia remore a dirlo!), mi pare riuscito benissimo.
Tanto è vero che sono andato subito a vedermi il trailer per airne la qualità in movimento.
Mi è piaciuto moltissimo!
Evocativo e di grande ispirazione. E poi trovo che sei riuscito davvero bene a rendere... La luce!

Nell'intervista non parli molto del gameplay.
Cosa dobbiamo aspettarci?

Io comunque di certo lo provo . A questo punto, visto che sto giocando Beyond, subito dopo il titolo di Cage.

Condividendo, almeno in parte (non sono così negativo) le considerazioni sulla scena indie italiana, ne approfitto per farti un grosso in bocca al lupo! n5.gif
Gamanek
CITAZIONE (The Ancient One @ 2 Jun 2014, 19:47) *
Bellissima intervista!
Grazie a Gamanek per averla realizzata e a Francesco Cucchiella per averla concessa!

Lo stile grafico, per quanto originato da ragioni molto pratiche (ed è bello che tu non abbia remore a dirlo!), mi pare riuscito benissimo.
Tanto è vero che sono andato subito a vedermi il trailer per airne la qualità in movimento.
Mi è piaciuto moltissimo!
Evocativo e di grande ispirazione. E poi trovo che sei riuscito davvero bene a rendere... La luce!

Nell'intervista non parli molto del gameplay.
Cosa dobbiamo aspettarci?

Io comunque di certo lo provo . A questo punto, visto che sto giocando Beyond, subito dopo il titolo di Cage.

Condividendo, almeno in parte (non sono così negativo) le considerazioni sulla scena indie italiana, ne approfitto per farti un grosso in bocca al lupo! n5.gif


In realtà forse qui ci metto una zampetta io che ero più interessato a come era stato realizzato, vista la particolarità smilies3.gif però se francesco vuole spiegarlo meglio per approfondire perché "è una fiction interattiva", gli lascio campo libero. Io l'ho invitato, vediamo se ha accettato (che il tutto ora mi ricorda una cosa soltanto... ma non la posto, che tanto tutti sappiamo a che raffaella mi riferisco smilies3.gif)
In realtà mi piacerebbe anche chiedergli come procede il resto del progetto e tenerci aggiornati, che non sarebbe per niente male, visto che mi pare carico d'entusiasmo..!
Fafri
Eccomi! blush.gif
Ciao a tutti! Intanto vi ringrazio ancora per avermi dato l'opportunità di dire due cosette sul gioco biggrin2a.gif
Grazie mille Ancient per i complimenti, dopo aver giocato a Beyond non ti aspettare molto da Sogni XD Alla fin fine è il mio primo esperimento in 3D quindi lo possiamo definire ancora un po' "grezzo".
Il gioco in sè per sè si basa principalmente sull'interazione con oggetti nell'ambiente, qualche Quick Time Event e scelte nei dialoghi. All'inizio è un po' lento per errori miei ma poi prende il via blush.gif

Diciamo che lo si può definire una "fiction interattiva" perchè si segue principalmente una storia, lineare oltretutto, attraverso gli occhi del personaggio, non esiste un vero livello di sfida tranne in qualche caso. Non ci sono puzzle o simili che caratterizzano il gameplay e quindi non credo si possa definire "avventura grafica" blush.gif

Posso dirvi che il progetto comunque sta andando avanti! Devo ancora iniziare la creazione vera e proprio del prossimo capitolo (in realtà a breve creerò un prototipo per testare un gameplay diverso, un ibrido U.U) ma sono riuscito a trovare un aiuto per quanto riguarda la grafica 3D blush.gif
La storia più o meno c'è, ma manca ancora molto da scrivere quindi ci vorrà un po' di tempo ma quando inizieremo il "lavoro" vero e proprio vi aggiornerò!

Se avete altre domande, o se non sono stato esaustivo, chiedete pure! blush.gif
The Ancient One
Ciao Fafri e benvenuto su OldGamesItalia! n5.gif
Grazie mille per venire a rispondere anche su queste pagine!


CITAZIONE (Fafri @ 3 Jun 2014, 10:22) *
Grazie mille Ancient per i complimenti, dopo aver giocato a Beyond non ti aspettare molto da Sogni XD Alla fin fine è il mio primo esperimento in 3D quindi lo possiamo definire ancora un po' "grezzo".

Troppo tardi! Già mi aspetto molto! :-)))


CITAZIONE
Il gioco in sè per sè si basa principalmente sull'interazione con oggetti nell'ambiente, qualche Quick Time Event e scelte nei dialoghi. All'inizio è un po' lento per errori miei ma poi prende il via blush.gif

Ottimo! Avevo capito bene.


CITAZIONE
Diciamo che lo si può definire una "fiction interattiva" perchè si segue principalmente una storia, lineare oltretutto, attraverso gli occhi del personaggio, non esiste un vero livello di sfida tranne in qualche caso. Non ci sono puzzle o simili che caratterizzano il gameplay e quindi non credo si possa definire "avventura grafica" blush.gif

Annoso dilemma quello delle etichette.
Qui abbiamo dibattuto a lungo anche se Heavy Rain può essere considerato o meno un videogioco. :-)


CITAZIONE
La storia più o meno c'è, ma manca ancora molto da scrivere quindi ci vorrà un po' di tempo ma quando inizieremo il "lavoro" vero e proprio vi aggiornerò!

Ci contiamo!


CITAZIONE
Se avete altre domande, o se non sono stato esaustivo, chiedete pure! blush.gif

Io! Io!

Allora:
- Quanto è stato difficile "programmare" (in senso lato) questo primo capitolo?
- Che tipo di conoscenze tecniche servono?
- Quali sono stati gli ostacoli principali?

Fafri
CITAZIONE
Quanto è stato difficile "programmare" (in senso lato) questo primo capitolo?


Allora diciamo che non è stato proprio facilissimo ma neanche qualcosa di esageratamente difficile.
Ho iniziato con un brainstorming, scrivendo tutte le idee che avevo in mente, dopodichè le ho unite nel tentativo poi di creare un filo logico per la storia.
Fin qui niente di particolare ma poi ho dovuto cominciare a decidere come fare il tutto:
creare l'effetto grafico, trovare i modelli, le animazioni, impostare ogni scena... per poi passare al gameplay vero e proprio!
Ce ne sono stati di problemi durante la creazione di Sogni, ma proprio tanti! XD Fortunatamente la voglia di finirlo è stata tale da permettermi di riuscirci blush.gif

CITAZIONE
Che tipo di conoscenze tecniche servono?


Ti dirò, io non sono un esperto in programmazione o in grafica 3D ma sono riuscito comunque a creare qualcosa.
E' naturale che prima di fare qualcosa c'è bisogno di studio, basta pensare che utilizzo UDK (l'engine con cui ho creato il gioco) dal 2009 e solo 5 anni dopo sono riuscito a creare qualcosa di buono XD
Bisogna capire le basi dell'engine, come funziona, i vari tool connessi, seguire tutorial ecc.
Fortunatamente sul web si trovano tanti video a riguardo.
Se si hanno delle basi di programmazione si è sicuramente agevolati, anche se l'Unreal Script è veramente strano da capire, tant'è che ho tentato di utilizzarlo il meno possibile e sfruttare totalmente il Kismet che è il linguaggio di scripting visuale.
Fortunatamente con l'uscita dell'Unreal Engine 4 è nato il sistema di Blueprints che facilita di molto la creazione di un gioco.
Ci vuole sicuramente un po' di tempo (io magari ci ho messo troppo XD) ma una volta terminato il tutto la soddisfazione è veramente tanta, anche se ciò che ne è uscito fuori fa schifo smilies3.gif

CITAZIONE
Quali sono stati gli ostacoli principali?


L'ostacolo principale è stato sicuramente la grafica!
Io non ne so niente, ma proprio niente! shocked.gif
Ho passato settimane e settimane nella ricerca di assets da utilizzare, di personaggi gratuiti e relative animazioni. Ad un certo punto mi ero addirittura demoralizzato, non credevo di riuscire a trovare tutto il necessario. Per fortuna ci sono riuscito XD
E' stato anche difficile riuscire a creare delle situazioni di gioco adatte per evitare cose troppo semplici o che potevano annoiare (non sono convinto di esserci riuscito XD)


Gamanek
CITAZIONE (Fafri @ 3 Jun 2014, 13:05) *
L'ostacolo principale è stato sicuramente la grafica!
Io non ne so niente, ma proprio niente! shocked.gif
Ho passato settimane e settimane nella ricerca di assets da utilizzare, di personaggi gratuiti e relative animazioni. Ad un certo punto mi ero addirittura demoralizzato, non credevo di riuscire a trovare tutto il necessario. Per fortuna ci sono riuscito XD
E' stato anche difficile riuscire a creare delle situazioni di gioco adatte per evitare cose troppo semplici o che potevano annoiare (non sono convinto di esserci riuscito XD)


Mi sento meno solo a questo mondo rotfl.gif praticamente metà mie idee affondano con un "ma io non so manco disegnare" e bom. Contento comunque sia capitato su queste pagine alla fine!

Vedo di rigiocarmi Sogni appena ho due secondi liberi, visto che ci tieni così tanto a farti dire che sei stato bravo (sì, più tu dirai che fa schifo, più ci sarà incentivo generale da parte di tutti a riempirti di caramelle e dolcetti di varia natura per farti andare avanti rotfl.gif )
Fafri
CITAZIONE
praticamente metà mie idee affondano con un "ma io non so manco disegnare" e bom.


Non sai quanto ti capisco! Sai quanti progetti ho buttato perchè non avevo modo di creare la grafica? mecry.gif
Poi dai, non credo faccia proprio schifo però di certo non eccelle, tutto qui rotfl.gif rotfl.gif
Sono contento comunque che tu abbia voglia di rigiocarlo biggrin2a.gif
Gwenelan
Bellissima intervista, e grazie mille all'autore del gioco di essersi mostrato disponibile blush.gif! Ahahaha, Ancient ha già fatto tutte le domande di riserva che mi vengono in mente, quindi non so che dire se non: in bocca al lupo ^-^! E' carino come tu abbia fatto di un ostacolo tecnico una feature del gioco; e son contenta che abbia parlato anche del lato tecnico della produzione di Sogni, che è un aspetto che di solito resta dietro le quinte.
Fafri
CITAZIONE (Gwenelan @ 3 Jun 2014, 20:50) *
Bellissima intervista, e grazie mille all'autore del gioco di essersi mostrato disponibile blush.gif! Ahahaha, Ancient ha già fatto tutte le domande di riserva che mi vengono in mente, quindi non so che dire se non: in bocca al lupo ^-^! E' carino come tu abbia fatto di un ostacolo tecnico una feature del gioco; e son contenta che abbia parlato anche del lato tecnico della produzione di Sogni, che è un aspetto che di solito resta dietro le quinte.


Ciao Gwenelan!
Parlare di questi aspetti è anche una cosa utile per chi magari un giorno vuole mettersi a lavoro su qualcosa, in questo modo sa a cosa si va incontro biggrin2a.gif
E bhè crepi il lupo!! n5.gif
LargoLagrande
Ciao Francesco grazie per aver accettato l'invito di Ogi e per la tua disponibilità.

Complimenti per il tuo progetto, mi associo a Gwenelan, mi ha molto colpito (in positivo) il fatto di aver trasformato un
espediente (la cecità del protagonista e l'oscurità imperante che nasconde un comparto grafico bello ma essenziale) addirittura in una caratteristica distintiva per il gioco. Questo è davvero uno degli esempi di come l'inventiva , la fantasia , l'ingegno possano anche sopperire a scarsità di fondi.
Davvero bravo, credo sia stata la prima cosa che è saltata agli occhi (perdonami) quando ho visto la presentazione del tuo gioco,
sono sicuro che sarà così anche per altri, è un modo anche per distinguerti da tanti altri prodotti indipendenti.

Una scelta che favorisce molto anche il fattore "immersività", per il giocatore calarsi "sensorialmente" in un'esperienza di gioco di questo tipo è molto interessante!

Volevo farti qualche domanda, il gioco non è un'avventura grafica e come ha già accennato Gamanek e hai ribadito tu nell'intervista, Sogni è più vicino al concetto di interactive fiction alla Heavy Rain che a quello di avventura grafica tradizionale (sebbene non siano due discorsi completamene slegati).

Cosa ti ha portato a fare questa scelta e a rivolgerti idealmente a questo genere come punto di riferimento? Pensi che in futuro i videogiochi si evolveranno sempre più in questa direzione, con un gameplay diverso da quello al quale siamo abituati noi più anziani, meno enigmi in senso stretto e puzzle che rallentano il ritmo di gioco e un tipo di interazione più adeguata a favorire lo scorrere dei tempi narrativi e la valorizzazione di un plot importante?

Secondo te è una questione legata anche ai tempi di gioco sempre più ristretti per gli utenti di questi prodotti , il che rende spesso un "lusso" doversi fermare per tanto tempo su un enigma da risolvere? oppure pensi che in futuro proverai anche una formula più classica per i tuoi prodotti?

grazie!
Fafri
Grazie mille per i complimenti Largo!! biggrin2a.gif


CITAZIONE
Cosa ti ha portato a fare questa scelta e a rivolgerti idealmente a questo genere come punto di riferimento? Pensi che in futuro i videogiochi si evolveranno sempre più in questa direzione, con un gameplay diverso da quello al quale siamo abituati noi più anziani, meno enigmi in senso stretto e puzzle che rallentano il ritmo di gioco e un tipo di interazione più adeguata a favorire lo scorrere dei tempi narrativi e la valorizzazione di un plot importante?

Secondo te è una questione legata anche ai tempi di gioco sempre più ristretti per gli utenti di questi prodotti , il che rende spesso un "lusso" doversi fermare per tanto tempo su un enigma da risolvere? oppure pensi che in futuro proverai anche una formula più classica per i tuoi prodotti?



Allora, diciamo che ho scelto questo genere perchè a me ha colpito veramente molto ed anche perchè non è difficile da ricreare.
L'ho anche detto nell'intervista che Heavy Rain è stata una sorta di "svolta" per me nell'ambito videoludico.
Certo è che se non supportato da una buona narrazione, il gioco diventa noioso e di conseguenza si evita di giocarlo.
Non credo che in futuro i videogame si evolveranno in questa direzione, probabilmente solo la Quantic Dream può permettersi di mantenere questo genere perchè ha i mezzi necessari a far sembrare tutto un grande film, forse continueranno ad uscire degli Indie simili a "Gone Home" o "Dear Esther", ma credo saranno pochi.
Sicuramente i giocatori di oggi (soprattutto i più giovani) preferiscono l'azione immediata agli enigmi ma penso che si possa tranquillamente valorizzare un plot importante anche attraverso le "vecchie" meccaniche di gioco.
Sarò sincero, (ATTENZIONE! ATTENZIONE! NOTIZIONA! XD) come già detto a breve creerò un prototipo per il prossimo capitolo ed ho intenzione di creare un ibrido tra il gameplay di Sogni e le vecchie AG. Accosterò quindi la semplice esplorazione/narrazione a delle sezioni di enigmi, o almeno ci proverò, con la speranza che ne esca qualcosa di buono.
Credo quindi che ci siano ancora tante persone che vogliono giochi più simili al passato e probabilmente questi ultimi si riproporranno nell'arco del tempo.
Dopotutto la storia si ripete ghgh.gif
Gamanek
CITAZIONE (Fafri @ 4 Jun 2014, 12:43) *
Dopotutto la storia si ripete ghgh.gif


Quanta saggezza in queste giovani parole smilies3.gif
Fafri
CITAZIONE (Gamanek @ 4 Jun 2014, 21:36) *
Quanta saggezza in queste giovani parole smilies3.gif


Troppo saggio smilies3.gif smilies3.gif smilies3.gif
Festuceto
A distanza di anni, immagino il gioco non abbia ancora trovato un seguito. Da un lato mi dispiace, ma onestamente Sogni non mi ha impressionato e nemmeno appassionato. Tecnicamente è interessante, sebbene molti elementi mi abbiano lasciato perplesso: i sottotitoli che scorrono a volte troppo velocemente, il font minuscolo, gli errori grammaticali (non refusi ma classici errori frutto di antiche lacune scolastiche), l'impossibilità di salvare o anche soltanto di mettere in pausa. Quest'ultima posso immaginare sia stata una scelta voluta - sebbene discutibile - per spingere il giocatore a vivere un'esperienza narrativa fluida ed immersiva, ma, ahimé, è proprio sul piano della STORIA che sono rimasto più deluso. La storia... non cattura, non trascina, non appassiona... è terribilmente debole, ed il concept non è neanche particolarmente originale. Del resto si tratta della prima parte di una storia... ma senza un seguito, presa singolarmente, è decisamente insufficiente, una sperimentazione dignitosa ma nulla di videoludicamente significativo, considerando il gameplay inesistente (clicca qui, premi lì, seguendo le indicazioni a schermo spesso incoerenti), molto male per un gioco che dovrebbe reggersi esclusivamente sulla narrazione.
Peccato.
Magari con l'esperienza l'autore potrà dar vita a titoli più interessanti, chissà forse proprio partendo da Sogni per arrivare a qualcosa di più consistente, maturo e accattivante.
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2018 Invision Power Services, Inc.