Benvenuto Visitatore(Log In|Registrati)

 
Reply to this topicStart new topic
> [suggestione] La prossima generazione di console..., sarà l'ultima.
utdefault
messaggio10 Jun 2018, 19:03
Messaggio #1



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 284
Iscritto il: 28 December 13
Utente Nr.: 20.235
SO Altro




Alla vigilia dell'E3, dal Ceo di Ubisoft, viene rilasciata l'autorevole suggestione per cui le console vedranno la luce per un'altra generazione; per poi vedersi definitivamente 'relegate in soffitta'.
Tutto a favore del Cloud Gaming: che permetterà di svincolarsi da ogni sorta di legame con il tipo di hardware (ed in alcuni di software) in dote al dispositivo in uso. Così da poter giocare qualunque gioco, su qualsiasi piattaforma, al solo costo di un accesso per lo streaming dati.
-- Senza dimenticare i costi legati all'abbonamento del servizio ed/od a quelli per usufruire del parco titoli di giochi in dotazione. XD
Realtà come queste sono già da diversi anni presenti: Nvidia Grid, prima fra tutti, ed i vari Game Provider (anche se con qualche latenza, per ora).

Quale che sarà il Day0, di certo, c'è che il futuro del Videogioco e del Videogiocatore non sarà più lo stesso.


 
Ravenloft
messaggio11 Jun 2018, 17:31
Messaggio #2



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.104
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Pillars of Eternity
SO Windows7

OGI Supporter




Per me devono risolvere il problema dell'approvvigionamento energetico: se penso a milioni di videogiocatori connessi ad un datacenter che esegue tutti quei calcoli... immagino serva una centrale nucleare solo per l'eventuale sistema di raffreddamento e purificazione dell'aria, non oso calcolare il consumo di tutto l'hardware necessario (ossia ALMENO una CPU e una GPU per ogni utente connesso). Ovviamente potrebbero costruirne più di uno per distribuire il "carico" su regioni diverse (e centrali diverse) con costi però notevolmente superiori.

Ho cambiato idea, facciamolo questo giochino: il secondo (non conosco i consumi del primo, Summit) più potente supercomputer del mondo fa 93 PetaFLOPS mentre per ogni milione di utenti connessi ne servirebbero... calcolando diciamo ad oggi che servono 10 TeraFLOPS (una nVidia 1080) per giocare bene, 10.000 PetaFLOPS quindi oltre 100 supercomputer. Questo supercomputer consuma oltre 15.000kW, mentre un centinaio consumerebbero 1.500.000kW ossia 1.5GW ossia il 75% della produzione della centrale nucleare tra le più avanzate al mondo (in costruzione in Cina, 2GW di produzione, poi 4GW), ossia per ogni 1,25 milioni di videogiocatori servirebbe una centrale nucleare, il tutto per "giocare". Ovviamente tutto questo spalmato in milioni di case di tutto il mondo, sebbene il risultato come consumi sia lo stesso, non è altrettanto impressionante rolleyes.gif

I potenziali giocatori appassionati sono quanti? Facciamo 50 milioni? rolleyes.gif Domanda ancora più importante: l'abbonamento costerà in base ai TeraFLOPS "in affitto"? smilies3.gif


--------------------
"I've slain many harder foes" - Apollo Diomedes
 
Gwenelan
messaggio11 Jun 2018, 20:00
Messaggio #3



Gruppo icone

Gruppo: SMod
Messaggi: 13.522
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




Madonna che scenario da incubo, spero che il CEO di Ubisoft si sbagli alla grande!


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
frank_one
messaggio24 Jun 2018, 04:59
Messaggio #4





Gruppo: Gamer
Messaggi: 67
Iscritto il: 20 June 18
Utente Nr.: 21.911
BGE Monkey Island 1
Playing Quake (DOS, software rendered)
SO Win95




I videogiochi come servizio, se ne parla da diversi anni. In pratica tu paghi e il fornitore ti streamma il gioco direttamente sulla tv. Smetti di pagare e l'accesso al contenuto ti viene negato.
Al di là del discorso energetico, peraltro molto interessante, bisogna anche considerare l'infrastruttura. Perché i dati del videogioco vanno non solo elaborati, ma anche inviati. E lo stesso vale per gli input del controller del giocatore che vanno inviati in upload. Tutti questi flussi di dati ovviamente viaggeranno attraverso la rete internet. Come siamo messi da questo punto di vista? Io so che molti hanno ancora una adsl scarsa in grado di reggere a malapena stream di video in 720p e so di paesi e intere aree del mondo non raggiunte nemmeno da linee adsl. E anche se fosse, come siamo messi a livello di latenza? Il giocatore preme un tasto, il segnale deve raggiungere il centro di elaborazione, il gioco in esecuzione deve rispondere al segnale ed elaborare i dati necessari ed infine inviare il segnale video al televisore del giocatore. Migliaia di km andata e ritorno, tra gamepad, server, centri di elaborazione, televisori... in ogni istante.
Penso a tutto questo e penso al fatto che ogni tanto capita che alcuni giochi lagghino leggermente. Con la console collegata direttamente alla tv tramite un cavo di 80cm e un gamepad collegato tramite Bluetooth ad un metro dalla console. Vuoi il gioco non ottimizzato, il televisore con qualche millisecondo di risposta di troppo, il Bluetooth o chissà cosa, ma lagga. Con la console lì, sotto alla tua tv, nel tuo salotto.

Diamogli altri 15 anni, 10 se vogliamo essere ottimisti.

Oltretutto, il concetto di contenuto fruibile solo come servizio in streaming mi fa paura. Finché paghi puoi giocare, ma quando smetti di pagare cosa ti rimane? Nessuna scatola, nessun manuale, nemmeno un file. È come Steam, sì, ma ancora peggio.
E se vuoi giocare, ma i server sono guasti o in manutenzione? E se sei in vacanza o vivi in un luogo non raggiunto dalla rete? E se il tuo gioco preferito non viene più supportato e viene rimosso dai server? (Perché non potranno streammare e supportare infiniti giochi in eterno).

E se tutto sarà disponibile solo in streaming e non ci saranno più né console né giochi fisici, che fine faranno negozi e commessi? E le aziende che vivono stampando supporti fisici e confezioni?

Godiamoci gli ultimi sgoccioli di libertà e ingenua arretratezza di questa epoca e prepariamoci al peggio.

Messaggio modificato da frank_one il 24 Jun 2018, 05:04
 

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 23rd September 2018 - 22:48