Benvenuto Visitatore(Log In|Registrati)

 
Reply to this topicStart new topic
> Epic pronta a terminare le esclusive, se Steam dà più soldi agli sviluppatori
Gwenelan
messaggio25 Apr 2019, 15:45
Messaggio #1



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




RPS riporta la notizia oggi... cosa ne pensate?


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
selven
messaggio25 Apr 2019, 23:23
Messaggio #2





Gruppo: Gamer
Messaggi: 907
Iscritto il: 27 June 12
Da: Ravenna
Utente Nr.: 19.437
BGE The Last of Us
Playing Poco e niente
SO Windows7




Che Epic non si aspettava la shittstorm sulle esclusive temporali e ora prova a metterci una pezza ben consci che valve non si accontenterà mai del 12%.
Tutti a scandalizzarsi sul fatto che steam prenda il 30% del costo di un gioco, ma questa percentuale mi sembra congrua a quella di un qualsiasi negozio senza contare i servizi aggiuntivi che steam ti dà, piuttosto qualcuno mi deve spiegare come mai una copia fisica e una digitale costino uguale nonostante i costi di produzione e distribuzione della prima.
 
Ravenloft
messaggio27 Apr 2019, 17:00
Messaggio #3



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




L'intento di Epic sembrerebbe quello di portare su PC il modello console: ossia uno store senza fronzoli (1), "ricco" di esclusive (2) e totalmente chiuso, tanto alle opinioni esterne (3a) quanto ai piccoli sviluppatori (3b). Chiaro che ai grandi publisher faccia gola, come lo fa da sempre, appunto, su console. Minore concorrenza e zero dissenso/informazione. Solo che i grandi publisher hanno le loro piattaforme private, quindi debbono accontentarsi dei publisher medio-piccoli. Pare che tutto questo sia stato dichiarato da Sweeney stesso: 1. non possono offrire troppi servizi col solo 12% di guadagno; 2. le esclusive sono l'unico modo per fare da cavallo di troia in un mercato già ben avviato; 3a. non introdurranno forum né recensioni, in più 3b. sceglieranno loro cosa "ammettere" sullo store, specificamente hanno additato il "porno" che starebbe invadendo Steam.


--------------------
 
Lief
messaggio27 Apr 2019, 18:23
Messaggio #4





Gruppo: Gamer
Messaggi: 495
Iscritto il: 29 November 16
Utente Nr.: 21.351
BGE Deus Ex 1
Playing Fallout New Vegas
SO Altro




Detto onestamente... penso che Epic abbia il diritto di avere un suo store come tutti gli altri.
Non amo lo strapotere di steam... non mi piace molto neanche epic ma è giusto che ognuno possa decidere di avere un proprio store e che siano poi i consumatori a scegliere se val la pena acquistare su tale piattaforma oppure lasciar perdere (io ad esempio compro molto volentieri su gog... e mi piace anche molto itch... non mi piace l'idea di avere solo steam come possibilità di scelta).

Per quanto riguarda le esclusive sono sempre stato contrario (anche su console) ma mi riferisco solo alle esclusive di piattaforma... Se un gioco è disponibile su windows, mac e linux... magari pure drm-free, non mi importa se viene venduto da Epic, da Microsoft, da Sony o da Humble Bundle.
Ed epic ha già dimostrato (attraverso i giochi dati gratuiti) che ci sono giochi drm-free nello store (giochi per i quali il client è necessario solo per il download).

In fondo le esclusive di store ci sono da sempre... sono moltissimi gli sviluppatori a pubblicare solo su steam, nonostante le alternative (si pensi ad itch e ad humble bundle widget... il primo permette allo sviluppatore di ricavare la percentuale che desidera, il secondo consente di avere il 95% dei ricavi lasciando ad humble bundle solo il 5%... entrambi più alti di Epic... ed esistono da anni). Basterebbe avere un sito e fare un po' di pubblicità alla possibilità di poter acquistare a prezzo scontato... qualche utente preferirebbe comunque steam, altri si orienterebbero sulle alternative.

Insomma, da parte mia non capisco tutto questo casino per l'ennesimo store che non è né meglio né peggio di quel che c'era prima.
Per quanto mi riguarda sto semplicemente acchiappando gratis i giochi che danno ogni due settimane (anche se la stra-grande maggioranza di tali giochi li ho già su altre piattaforme). E se ci sarà un gioco che costerà meno sull'epic store (o che è solo lì) e che sono anche certo che è anche drm-free terrò in considerazione la piattaforma per acquisti futuri (come faccio per tutte le piattaforme).
 
selven
messaggio28 Apr 2019, 15:40
Messaggio #5





Gruppo: Gamer
Messaggi: 907
Iscritto il: 27 June 12
Da: Ravenna
Utente Nr.: 19.437
BGE The Last of Us
Playing Poco e niente
SO Windows7




che epic abbia diritto al suo store è sacrosanto, che per lanciarlo ti obblighi a comprare i giochi lì un po' meno.
intendiamoci noi utenti ci rimettiamo a comprare su epic, per lo stesso prezzo abbiamo meno servizi rispetto a steam, la shittstorm che si è scatenata verte su questo punto, la gente vuole semplicemente poter comprare il gioco sullo store che preferisce.
Tornando in topic la mossa di epic è per pararsi il culo perchè non si aspettavano un tale attaccamento degli utenti verso steam, sarebbe stata migliore come mossa mettersi d'accordo affinchè i giochi sullo store epic costassero meno, quella sarebbe stata concorrenza non questi malghini sottobanco che vogliono forzarci la mano.

Messaggio modificato da selven il 28 Apr 2019, 15:41
 
Gwenelan
messaggio28 Apr 2019, 16:28
Messaggio #6



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




CITAZIONE (Ravenloft @ 27 Apr 2019, 18:00) *
L'intento di Epic sembrerebbe quello di portare su PC il modello console: ossia uno store senza fronzoli (1), "ricco" di esclusive (2) e totalmente chiuso, tanto alle opinioni esterne (3a) quanto ai piccoli sviluppatori (3b). Chiaro che ai grandi publisher faccia gola, come lo fa da sempre, appunto, su console. Minore concorrenza e zero dissenso/informazione. Solo che i grandi publisher hanno le loro piattaforme private, quindi debbono accontentarsi dei publisher medio-piccoli. Pare che tutto questo sia stato dichiarato da Sweeney stesso: 1. non possono offrire troppi servizi col solo 12% di guadagno; 2. le esclusive sono l'unico modo per fare da cavallo di troia in un mercato già ben avviato; 3a. non introdurranno forum né recensioni, in più 3b. sceglieranno loro cosa "ammettere" sullo store, specificamente hanno additato il "porno" che starebbe invadendo Steam.

Che... cosa orrenda... Minor concorrenza fa male a tutti (noi, ovviamente, suppongo che per Epic sia una buona cosa). Non so quanto sia buona/cattiva la quota che Steam dà agli sviluppatori, ma mi sembrano cmq ue discorsi slegati: le esclusive su un qualsiasi store danneggiano tutti a prescindere. Correggetemi se sbaglio.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
Ravenloft
messaggio29 Apr 2019, 00:28
Messaggio #7



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




Lo store Epic è aperto da quattro mesi. Ragioniamo un attimo: non ho visto nessun esodo di sviluppatori indie che siano volontariamente approdati su quello store. Mi chiedo come mai, a fronte di condizioni così vantaggiose (soprattutto se utilizzi il loro motore, l'UE4). Ci sono parecchi sviluppatori indie di successo, oserei dire quasi affermati, che potrebbero guadagnarci nel passaggio, anche in termini di maggiore visibilità. Eppure niente. La mia tesi riguardo questo fatto è la seguente: la community. I giochi (indie e non) hanno bisogno di QA (controllo qualità), che costa tempo e denaro. Su Steam è "gratis" perché sei in contatto con i tuoi fan (senza dover creare e mantenere un forum tuo). Su Epic Store? Non li vogliono i forum. Non è un caso che moltissimi giochi indie vengano supportati anche per molto tempo dopo l'uscita con aggiornamenti e patch: sovente gli sviluppatori ringraziano i fan per il feedback. La community è la vera forza di moltissimi sviluppatori perché essa crea interesse vero e dunque fedeltà, cosa che i pur 200 milioni di ragazzini che giocano a Fortnite non possono garantire. Tutto questo ha un valore economico per i piccoli sviluppatori mentre non ha alcun valore per i grandi publisher, visto che vogliono essere loro a dettare i gusti del mercato, mica possono farsi "consigliare" dai fan. E, difatti, loro rispondono agli azionisti, non ai fan. Epic Store è lo strumento perfetto per mantenere le distanze con la fanbase, così come lo sono le console, anch'esse tanto amate dai grandi publisher. E per questo Epic Store sarà la casa di tutti quei publisher che hanno abbastanza soldi da investire in marketing da non avere bisogno di una community "forte" ma dubito lo sarà per quegli sviluppatori che hanno scelto Steam per auto-pubblicarsi. In quest'ottica, Sweeney è un Robin Hood anomalo: vorrebbe scardinare il monarca assoluto Steam non per dare ai poveri sviluppatori (come va dicendo) ma a nobiltà e clero...



Sul discorso esclusive... non è così. Le esclusive console danneggiano tutti (quelli che non possiedono il relativo hardware). Le esclusive all'interno di una stessa piattaforma non sono un problema, al massimo un fastidio (scaricare l'ennesimo client). Il problema si proporrà forte solo nel caso in cui lo streaming dovesse affermarsi con un modello ad abbonamento: servirebbero allora diversi abbonamenti per godere le varie esclusive, un po' come accade per i servizi streaming "TV". In quel caso, sì, diventerebbe un bel problema.

In verità c'è qualcuno che si lamenta delle esclusività che Epic sta letteralmente comprando ma credo siano una minoranza rispetto a chi si lamenta piuttosto del fatto che Epic non offra i servizi invece offerti dalla concorrenza: Steam è sicuramente in una posizione dominante ma è anche vero che è quella che offre i servizi migliori. Capisco che in una situazione del genere l'unica sia "forzare" la mano agli utenti con delle esclusive. È una buona strategia che non mi sento di contestare (sebbene non lo gradisca comunque). Però, cavolacci, non ti puoi presentare in un mercato competitivo nel 2019 senza nemmeno la wishlist e la barra della ricerca!!!


--------------------
 
Gwenelan
messaggio29 Apr 2019, 12:35
Messaggio #8



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




Grazie di tutte le considerazioni blush.gif.
Honestly, imho anche le esclusive sulla stessa piattaforma sono dannose in generale, perché se non ci fossero, i client sarebbero costretti a darsele a colpi di servizi, con maggior vantaggio di tutti. Ancora è ok fintanto che i client e i loro servizi (acquisto del gioco a parte) non costano, ma in un futuro in cui il cloud gaming è diffuso, e quindi ogni client ha il suo abbonamento, succederà la stessa cosa che succede adesso con Netflix e compagnia: o paghi 8000 abbonamenti, o ti attacchi, o pirati. E già oggi, uno si secca di dover avere 8000 client, ognuno con le sue rogne e porcherie, e per nulla spinto a doversi migliorare.
Quindi :/, non appoggio tanto Epic neanche per questo XD.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
Ravenloft
messaggio29 Apr 2019, 14:23
Messaggio #9



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




Le esclusive però potrebbero essere viste come un "servizio", il che non è tanto lontano dalla realtà. Certo, sono dannose sempre e comunque per il consumatore, ma funzionano (vedi console). Vuoi mettere poter dire "Io c'è l'ho e tu no, gne gne gne". La mia ultima deve essere stata a 8 anni per la figurina Panini di Maradona ma tant'è. Ci sono forum interi pieni di sta roba. Se la massa di consumatori avesse un minimo di consapevolezza, non saremmo certo qui a discutere. Chiaramente, "qualcuno" potrebbe obiettare che una Sony le esclusive se le sviluppa in casa e così facendo rende un "servizio" ai consumatori poiché altrimenti quel dato gioco non esisterebbe ed in più mantiene un certo eco-sistema in piedi, con tanto di piattaforma hardware, tutte cose che rendono decisamente più "digeribili" siffatte esclusive. Epic non fa nulla di tutto questo, a parte l'UE4 (che comunque non è poca cosa, anzi!) non ha assolutamente fatto nulla negli ultimi anni fino a Fortnite. E vuole investire i tanti (troppi?) soldi guadagnati aggredendo un settore potenzialmente remunerativo, non come gattopardi ma come sciacalli, parafrasando il grande capolavoro di Luchino Visconti (e l'omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi). Liberissimi di farlo, ci mancherebbe, la cosa che mi da fastidio è solo che vorrebbero ergersi a paladini della giustizia, mentre non mi pare proprio questo il caso. Attualmente, sono lo store peggiore del mercato e da tutti i punti di vista (catalogo, servizi, sicurezza, etica, etc.), se escludiamo il Microsoft Store su Windows 10 che davvero non capisco quale strategia ci sia dietro!


P.S. Ho mandato a Netflix almeno 350 email in cui chiedevo che introducessero qualcosa di simile a X-Ray® di Prime Video!!! Lì chiaramente la sfida può essere solo sui contenuti, la qualità (audio/video/HDR/4K) dello streaming è presa in considerazione da pochi appassionati che purtroppo non fanno testo. Detto questo, se sceglieranno la strada degli abbonamenti anche per lo streaming di videogiochi, francamente torno a piratare, pur affiancandoci un SINGOLO abbonamento. Prendi il PSNow. Bellissimo... se potessi acquistare i titoli. Come è adesso, francamente... decidono loro di mettere e togliere dal catalogo come e quando vogliono... siamo ben oltre il (non) possesso di un bene digitale... Al massimo potrei abbonarmi sporadicamente un mese alla volta e finire giusto quella decina di titoli esclusivi validi.


--------------------
 
Gwenelan
messaggio29 Apr 2019, 19:22
Messaggio #10



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




Sì, concordo con tutto il ragionamento ed è per questo che sono contraria alle esclusive - anche quando il prodotto se lo creano loro. Il prodotto non è, di fatto, un "servizio", che poi funzioni o meno ^^. E anche con lo streaming "televisivo", i servizi potrebbero essere tanti e diversi, lascio un video che imho centra il punto (a parte il fatto che non mi fiderei moltissimo di alcuni dei servizi suggeriti, ma questo è un altro discorso, su sicurezza e protezione dati del cittadino, che dovrebbe riguardare leggi diverse e ben più severe):



Io ho un abbonamento Netflix solo perché lo divido e pago poco; ho un abbonamento Prime Video solo perché ho Prime che mi serve per le spedizioni (e perché il costo è ancora basso: se lo alzano come fuori dall'Italia mi salutano, visti anche i contenuti proprietari di qualità molto bassa che producono), ma sono scontenta da un bel po' della situazione, tra esclusive cretine, blocchi regionali, serie che spariscono - specialmente quando poi ad acquistarle è Merdaset, che, voglio dire................. siamo seri...


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
kaos
messaggio30 Apr 2019, 17:22
Messaggio #11





Gruppo: Gamer
Messaggi: 415
Iscritto il: 23 June 12
Utente Nr.: 19.433
BGE Another World, Monkey Island 2, Street Fighter II C.E.
SO Windows7




Purtroppo tutti 'sti benefici per i consumatori dovuti al proliferare delle varie piattaforme (Epic, Steam, Uplay, Origin, ecc) non li vedo: ok, i primi mesi ti danno qualche gioco gratuito per farti aprire l'account anche sul loro store, ma poi?
Non c'è una vera concorrenza perché i prezzi sono allineati dappertutto, hai i giochi sparpagliati su vari account invece di poter accedere a tutta la tua libreria con un client (ufficiale) unico, corri sempre il rischio che lo store "emergente" fallisca con conseguente sbattimento per assicurarti di non perdere i tuoi giochi (grazie DRM!)... e questi sono solo i primi disagi che mi vengono in mente.
Inoltre non riesco proprio a farmi piacere lo streaming (purtroppo ci stiamo arrivando anche per i vg), quindi l'ingresso di Google nel mercato mi fa parecchia paura.

Tempo fa avevo creato un account netflix solo per potermi vedere The Story of Film.

(A proposito, vedetelo in qualche modo perché ne vale la pena: https://it.wikipedia.org/wiki/The_Story_of_Film:_An_Odyssey )

Risultato?
La Rai acquista i diritti e quando mi trovavo a circa metà della visione la serie viene tolta da Netflix, di punto in bianco.
Pur avendo ancora tutto il mese pagato su Netflix me lo sono preso in saccoccia e ho dovuto finire la serie su Rai Play (in italiano, sigh, e sempre con l'ansia di essere al passo perché periodicamente le puntate vecchie venivano eliminate, non so per quale oscuro motivo).

Alla fine mi è andata pure bene, però, ecco, il futuro del settore lo vedo piuttosto nero: sono convinto che la dematerializzazione progressiva dei beni ci porterà ben pochi vantaggi e molti (troppi) svantaggi.


--------------------
 
Gwenelan
messaggio30 Apr 2019, 18:06
Messaggio #12



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




CITAZIONE (kaos @ 30 Apr 2019, 18:22) *
Purtroppo tutti 'sti benefici per i consumatori dovuti al proliferare delle varie piattaforme (Epic, Steam, Uplay, Origin, ecc) non li vedo: ok, i primi mesi ti danno qualche gioco gratuito per farti aprire l'account anche sul loro store, ma poi?
Non c'è una vera concorrenza perché i prezzi sono allineati dappertutto, hai i giochi sparpagliati su vari account invece di poter accedere a tutta la tua libreria con un client (ufficiale) unico, corri sempre il rischio che lo store "emergente" fallisca con conseguente sbattimento per assicurarti di non perdere i tuoi giochi (grazie DRM!)... e questi sono solo i primi disagi che mi vengono in mente.
Inoltre non riesco proprio a farmi piacere lo streaming (purtroppo ci stiamo arrivando anche per i vg), quindi l'ingresso di Google nel mercato mi fa parecchia paura.

Tempo fa avevo creato un account netflix solo per potermi vedere The Story of Film.

(A proposito, vedetelo in qualche modo perché ne vale la pena: https://it.wikipedia.org/wiki/The_Story_of_Film:_An_Odyssey )

Risultato?
La Rai acquista i diritti e quando mi trovavo a circa metà della visione la serie viene tolta da Netflix, di punto in bianco.
Pur avendo ancora tutto il mese pagato su Netflix me lo sono preso in saccoccia e ho dovuto finire la serie su Rai Play (in italiano, sigh, e sempre con l'ansia di essere al passo perché periodicamente le puntate vecchie venivano eliminate, non so per quale oscuro motivo).

Alla fine mi è andata pure bene, però, ecco, il futuro del settore lo vedo piuttosto nero: sono convinto che la dematerializzazione progressiva dei beni ci porterà ben pochi vantaggi e molti (troppi) svantaggi.

Quoto tutto :/.

Grazie della raccomandazione, mi segno il documentario blush.gif... che se non c'è su Netflix piraterò da qualche parte, inutile dirlo.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
utdefault
messaggio1 May 2019, 15:15
Messaggio #13



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 353
Iscritto il: 28 December 13
Utente Nr.: 20.235
SO Altro




Questa politica resa possibile tra l'altro grazie agli enormi introiti percepiti tramite Fortnite, volta ad attrarre gli sviluppatori (in particolare quelli indipendenti), va però a discapito dei membri del team costretti a faticose settimane estenuanti per rispettare il calendario dei lavori; come denuncia l'articolo di Polygon "How Fortnite’s success led to months of intense crunch at Epic Games - Sources reveal long hours and intense pressure while working on hit game".
Poi, la mancata partecipazione della community che non può recensire o discutere, l'assenza dei salvataggi sul cloud, nessuna mod gestibile, assieme ad alcune altre feature mancanti e ad una politica dei prezzi non così concorrenziale, non desta per ora questo interesse; specie perché il programma della gestione migliorativa è a lungo termine, oltre all'opinione diffusa - per quanto da loro smentita - che la parrebbe spiare i dati sensibili dei propri iscritti.
 
Ravenloft
messaggio10 Jun 2019, 15:17
Messaggio #14



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




Così, giusto per dare (di nuovo) fuoco alla polemica...

Siccome Metro Exodus, una delle prime esclusive "di peso" dell'Epic Games Store, è disponibile su PC tramite Game Pass di Microsoft (dal 9 giugno), quindi dopo nemmeno 4 mesi dall'annuncio di una esclusiva temporale che doveva essere di un intero anno, mi chiedo: Epic ha siglato un accordo che mirava semplicemente ad escludere Steam ed è stata quindi solo una coincidenza che certi giochi non si siano visti, ad esempio, su GOG, oppure Microsoft ha sborsato (ancora) più soldi per interrompere l'esclusività? Forse quest'ultima non è vista come una concorrente, mentre Steam/GOG sì? Ancora, magari c'erano particolari condizioni contrattuali per cui questa esclusività poteva terminare prima, come ad esempio il non raggiungimento di una certa quota di vendite? È un caso che un po' tutti abbiano evitato proclami sulle vendite, a parte la stessa Epic (con modalità discutibili)?

Sarebbe davvero molto interessante saperlo.


--------------------
 
MIK0
messaggio21 Aug 2019, 23:11
Messaggio #15



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 1.286
Iscritto il: 2 September 03
Utente Nr.: 74



Riesumo la discussione perché ultimamente gli annunci di esclusive si sprecano. Ed escono anche diversi retroscena su come Epic approcci gli sviluppatori.
Ad esempio lo sviluppatore di DARQ spiega qui come ha rifiutato l'accordo https://medium.com/@info_68117/why-i-turned...rq-7ee834ed0ac7
Per me è preoccupante che addirittura non accettino titoli non in esclusiva, per loro sarebbero comunque guadagni. È chiaro che la volontà sia rimuovere a tavolino la concorrenza. Cosa succederà quando e se diventeranno mail il nuovo punto di riferimento? Di Steam ne abbiamo già uno, piacerebbe avere un'alternativa virtuosa una volta tanto.
Al contrario abbiamo sviluppatori come quelli di Oddworld che spiegano che per loro è l'unica soluzione per finanziarsi https://twitter.com/OddworldInc/status/1163...re-exclusive%2F
Che l'esclusività sia l'unica strada percorribile è a sua volta preoccupante. Personalmente mi posso solo augurare che la cosa gli si ritorca contro e mostri loro che, a fronte della percentuale maggiore sui guadagni, le copie vendute in meno pareggino i conti. Perché non posso pensare che il mondo pc diventi solo esclusive e battaglie con mezzucci tra finti paladini di sviluppatori e utenti. Epic e Valve sono molto simili anche se hanno agito in tempi diverse: tutti hanno sfruttato le esclusive per fare breccia nel mercato aiutati da un forte gruzzolo da spendere, però non si può andare avanti soffocando la concorrenza in questo modo.
 
Ravenloft
messaggio22 Aug 2019, 00:51
Messaggio #16



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




Due piccole precisazioni. Primo, Steam le "esclusive" se le è prodotte in casa e non si può certo pretendere, avendo uno store proprio, che vada a perderci il 30% e pure a favorire i diretti concorrenti. Le esclusive certo restano comunque le si veda un male, ma se proprio ci devono essere, le preferisco in questo modo, piuttosto che "comprate" al supermercato (in alcuni casi, rubate letteralmente!). Secondo, Steam è stato praticamente il primo store digitale del settore, e i suoi videogiochi sono stati usati come cavallo di troia per creare un business da zero ma soprattutto da pionieri. Per Epic la questione è un pochino diversa: si è presentata sul mercato con uno store senza nemmeno le funzionalità minime di base (carrello, wishlist...), nessun servizio "premium" (adesso stanno implementando i salvataggi cloud, e solo per alcuni titoli) e prezzi allineati alla concorrenza che di servizi ne offre, e qui mi riferisco anche a GOG (altri store sono incommentabili, come quello Microsoft...), con il preciso intento di fare della politica delle esclusive il proprio unico valore "aggiunto". La condotta delle due aziende è molto, molto diversa: Steam la sua posizione dominante se la è guadagnata poiché per anni è stata l'unica realtà a offrire i servizi di store digitale in primo luogo (quando c'è un solo candidato...), poi si è costantemente migliorata nel tempo fino a diventare un'abitudine consolidata per i giocatori PC, pur non raggiungendo la perfezione (e prima che mi tiri fuori la questione DRM, lo sai benissimo che all'epoca che Steam è nato la pirateria era molto più accentuata di adesso e sono stati anche i produttori a spingere, tanto che si può implementare anche DRM terzi, quello Steam è talmente facile da aggirare che in pratica non esiste, è solo un modo di "stare a posto con la coscienza" verso i produttori). Qualcuno le attribuisce anche il merito di aver contrastato lo "strapotere" commerciale delle console, e francamente tendo a pensarla in questa maniera per quanto mi riguarda, anche se sarebbe interessante, dati alla mano, poter approfondire l'argomento. Epic, per come la vedo io, la ringrazio per l'Unreal engine ma, per come è adesso, non certo per lo "store".


--------------------
 
MIK0
messaggio22 Aug 2019, 01:34
Messaggio #17



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 1.286
Iscritto il: 2 September 03
Utente Nr.: 74



Corretto, le esclusive di Valve erano prodotte in casa. Ma il modo di imporsi sul mercato è lo stesso, non per merito ma togliendo alternative ai consumatori, prima modificando l'accesso di titoli esistenti (CS) e poi puntando su titoli, proprietari, che non si poteva non avere. Senza esclusive probabilmente Steam oggi non sarebbe quello che è diventato perché come giustamente dici ha potuto vivere per un certo periodo come unica alternativa e quindi crearsi una posizione dominante che poi è diventato purtroppo un circolo vizioso. Più che contrastare la pirateria ha forse ridotto i drm fastidiosi, ma come abbiamo visto questi ritornano ciclicamente.
Non sto propendendo per Epic o per Valve, solo che a mio parere non sono così diversi e quando si rinfacciano certe politiche fa tanto bue che dà del cornuto all'asino. Epic fa finti moralismi su quanto gli altri store (non solo Steam quindi) trattengano agli sviluppatori. Valve critica l'aspetto delle esclusività, che come abbiamo già detto è stato il loro fattore dominante e non mi aspetto avrebbero agito diversamente nella stessa situazione.
Per la questione di comprare al supermercato, non vedo situazioni dissimili: è tipico di chi ha un capitale da spendere per avvantaggiarsi. Vogliamo dimenticarci gli studi acquisiti da Valve, a corto di idee da sempre, e riciclati sotto proprio nome? Alla fine la costante è avere qualcosa che gli altri non hanno e c'è chi se lo crea e chi lo prende già fatto. E accade anche sulle console, ultime le recenti acquisizioni di team dai vai competitori.
A me a conti fatti importa cosa possiamo controllare come consumatori. Sicuramente non applaudo Epic perché oggi abbiamo bisogno qualcuno che spinga gli altri a migliorarsi qualitativamente invece che adagiarsi sugli allori, e la loro strategia non lo invoglia certo. Non mi aspetto che il loro store sia allo stato dell'arte oggi, Valve è ugualmente colpevole di non essere mai stata solerte nel miglioarsi se non a fronte di concorrenze esterne (le più grosse migliorie nacquero con l'avvento di Impulse di Stardock e GOG) e quello che hanno è stato costruito in anni, però chiaramente un minimo di funzionalità ce le si aspetta oggi. E se devo proprio usare un altro client/account che almeno ne valga la pena.
Rimango dell'idea che su pc l'esclusività non dovrebbe esserci, su console il discorso è diverso perché c'è anche un hardware prestabilito a dare almeno l'alibi di sfruttare al meglio la macchina, ma su pc l'hardware è già variegato di suo e la discriminante non può essere il luogo di acquisto. Invece di avvicinarci alla centralizzazione superpartes dei propri acquisti stiamo percorrendo il percorso inverso e per me è un male.
 
Ravenloft
messaggio22 Aug 2019, 02:15
Messaggio #18



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




CITAZIONE (MIK0 @ 22 Aug 2019, 02:34) *
Più che contrastare la pirateria ha forse ridotto i drm fastidiosi, ma come abbiamo visto questi ritornano ciclicamente.


Il DRM Valve è stato mai aggiornato per risultare più "resistente"? Comunque i DRM terzi sono una responsabilità dei produttori, che nonostante il tasso pirateria sia sceso tantissimo e nonostante l'invasività di certi sistemi, continuano a usarli. Non mi sento di dare a Steam la colpa di questo, anzi.



CITAZIONE
Valve critica l'aspetto delle esclusività, che come abbiamo già detto è stato il loro fattore dominante e non mi aspetto avrebbero agito diversamente nella stessa situazione.


Non mi risulta che Valve abbia preso una posizione ufficiale. Sono gli utenti affezionati a Steam a criticare, semmai. Steam è stata per anni nella stessa situazione, con possibilità di prendere esclusive e non mi risulta l'abbia mai fatto. Non ha mai fatto nemmeno l'inverso, come vietare la vendita di giochi CD Projekt ad esempio. Forse non ne aveva bisogno, prima. Ora che c'è Epic, non mi sembra si sia mossa in tal senso. Concedo il beneficio del dubbio in attesa di prova contraria.



CITAZIONE
Per la questione di comprare al supermercato, non vedo situazioni dissimili: è tipico di chi ha un capitale da spendere per avvantaggiarsi. Vogliamo dimenticarci gli studi acquisiti da Valve, a corto di idee da sempre, e riciclati sotto proprio nome? Alla fine la costante è avere qualcosa che gli altri non hanno e c'è chi se lo crea e chi lo prende già fatto. E accade anche sulle console, ultime le recenti acquisizioni di team dai vai competitori.


Ci vedo pur sempre un abisso di differenza tra l'acquisire interi studi (o gruppi di sviluppatori nel caso di Portal a cui ti riferisci, se ben ricordo bene intesi). Qui parliamo di accordi dell'ultimo minuto (Metro: Exodus, Shenmue 3), privi di comunicazioni tempestive ai clienti (colpa condivisa coi produttori ma comunque colpa). Non ricordo un'altra compagnia così aggressiva nell'acquisire "esclusive". Nel mondo console, Sony si è costruita negli anni le sue "esclusive" e molte di esse erano "volontarie" (come appunto Resistance di Insomniac). Sony non ha forzato Capcom a fare Resident Evil in esclusiva oppure Konami a fare Metal Gear. Quelle sono state scelte dei singoli produttori. Quando questi sono venuti meno, Sony è diventata più aggressiva ma non come Epic. Tra l'altro parliamo di epoche diverse: giustificare l'esborso per un hardware e un ecosistema chiuso e privo di servizi come le console, chiaro che la via sono le esclusive (si paga pure l'online...). L'emorragia verso il PC sarebbe stata inarrestabile altrimenti.



CITAZIONE
A me a conti fatti importa cosa possiamo controllare come consumatori. Sicuramente non applaudo Epic perché oggi abbiamo bisogno qualcuno che spinga gli altri a migliorarsi qualitativamente invece che adagiarsi sugli allori, e la loro strategia non lo invoglia certo. Non mi aspetto che il loro store sia allo stato dell'arte oggi, Valve è ugualmente colpevole di non essere mai stata solerte nel miglioarsi se non a fronte di concorrenze esterne (le più grosse migliorie nacquero con l'avvento di Impulse di Stardock e GOG) e quello che hanno è stato costruito in anni, però chiaramente un minimo di funzionalità ce le si aspetta oggi. E se devo proprio usare un altro client/account che almeno ne valga la pena.
Rimango dell'idea che su pc l'esclusività non dovrebbe esserci, su console il discorso è diverso perché c'è anche un hardware prestabilito a dare almeno l'alibi di sfruttare al meglio la macchina, ma su pc l'hardware è già variegato di suo e la discriminante non può essere il luogo di acquisto. Invece di avvicinarci alla centralizzazione super partes dei propri acquisti stiamo percorrendo il percorso inverso e per me è un male.


Su questo concordo... vedo infatti la concorrenza di Epic come positiva, ma solo a partire dal momento in cui la smetteranno di "fare i Salvini" impazziti. La loro politica non è sostenibile (e parlo anche delle percentuali, oltre che dei giochini gratis e delle esclusive). Stanno facendo la voce grossa per farsi strada. Lo capisco... ma per "aderire" voglio qualcosa in cambio, che siano funzionalità, servizi e/o prezzi migliori. Le esclusive temporali non mi interessano, che gioco sempre con qualche tempo di "ritardo" (aspettando patch, espansioni e ribassi/sconti). Lascio l'hype ai 15enni.


--------------------
 
Gwenelan
messaggio22 Aug 2019, 13:54
Messaggio #19



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




Secondo me fanno schifo tutti e due ^^'. Il fatto è che Steam è arrivata prima, quando nel mercato non c'era già un'altra Steam su cui imporsi, e ha adottato metodi più "soft", e io direi relativamente, ma non mi pare che fondamentalmente il comportamento sia diverso. Epic, ad oggi, è peggio, semplicemente perché è arrivata adesso, ma non ho dubbi che se le posizioni fossero invertite, i comportamenti sarebbero gli stessi, non so se mi spiego. Combattere sulle esclusive è la cosa peggiore per tutti: Epic sarà un concorrente positivo (per tutti) solo quando lotterà a suon di servizi con gli altri store, ma non mi pare abbia intenzione di farlo.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
Ravenloft
messaggio22 Aug 2019, 14:43
Messaggio #20



Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 5.232
Iscritto il: 3 November 03
Da: Barovia
Utente Nr.: 286
Lord of Mists

BGE System Shock 2
Playing Spycraft
SO Windows7

OGI Supporter




Il "problema" è che, ad oggi, Steam è la piattaforma più completa nei servizi offerti a noi utenti, console comprese. GOG si è ritagliata il suo spazio con tre servizi fondamentali: DRM-free, oldgames e implementazione di patch sviluppate dalla community. Discord, con il suo 10% trattenuto, non è mai decollata (colpa anche di chi non ha saputo pubblicizzarla, produttori di videogiochi compresi... sono loro che, in ultimo, hanno creato il "mostro" Steam dopotutto) ma dimostra che tutto è fuorché una questione di percentuali.

Steam non ha mai volontariamente abusato della propria posizione dominante (non ne ha mai avuto reale necessità), direi che è stato un processo naturale dovuto all'essere pionieri. Ha favorito anzi l'allargamento del mercato con prezzi regionali (si pensi ai mercati russo e polacco), chiavi terze senza costi (da cui è nato lo store Humble Bundle ad esempio) e funzioni varie, anche hardware (vedi VR o Big Picture). Ovviamente ci sono anche i contro, come la nascita del mercato "grigio", che in ultimo comunque favorisce i consumatori. Chiaro che al consolidarsi della propria posizione e del mercato digitale, non sono dei buoni samaritani, per cui oggi per dire vediamo scontistiche meno aggressive durante i periodi di saldo.

Faranno anche entrambe schifo, ma sicuramente c'è schifo e schifo. Ed Epic è decisamente in fondo alla classifica, per ora. Quando risalirà la china, potremmo avere un concorrente che forse stimolerà il mercato, anche se trovo che sia arrivata un po' tardi con lo streaming alle porte, per cui Valve a mio avviso deve preoccuparsi più di Google (Stadia) che di Epic.


--------------------
 
Gwenelan
messaggio22 Aug 2019, 14:52
Messaggio #21



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.406
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




CITAZIONE (Ravenloft @ 22 Aug 2019, 15:43) *
Steam non ha mai volontariamente abusato della propria posizione dominante (non ne ha mai avuto reale necessità),

Questo era tutto il mio punto ^^.

Poi, sì, indubbiamente allo stato attuale il problema è Epic, che con la questione delle esclusive uccide il miglioramento, su questo concordo 100%.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
Merengue
messaggio22 Aug 2019, 18:12
Messaggio #22





Gruppo: Gamer
Messaggi: 526
Iscritto il: 3 July 04
Utente Nr.: 1.447
BGE ***S I L E N T H I L L***
SO WinXP




CITAZIONE (kaos @ 30 Apr 2019, 18:22) *
Purtroppo tutti 'sti benefici per i consumatori dovuti al proliferare delle varie piattaforme (Epic, Steam, Uplay, Origin, ecc) non li vedo: ok, i primi mesi ti danno qualche gioco gratuito per farti aprire l'account anche sul loro store, ma poi?
Non c'è una vera concorrenza perché i prezzi sono allineati dappertutto, hai i giochi sparpagliati su vari account invece di poter accedere a tutta la tua libreria con un client (ufficiale) unico, corri sempre il rischio che lo store "emergente" fallisca con conseguente sbattimento per assicurarti di non perdere i tuoi giochi (grazie DRM!)... e questi sono solo i primi disagi che mi vengono in mente.
Inoltre non riesco proprio a farmi piacere lo streaming (purtroppo ci stiamo arrivando anche per i vg), quindi l'ingresso di Google nel mercato mi fa parecchia paura.


Io lo stesso.
Ho un fetish per l'archiviare perlomeno materiale digitale, se non fisico. Qui il concetto stesso di collector è in pericolo.
Sono tuttavia consapevole della mia "concezione vecchia", so di essere un dinosauro e immagino che siano processi inarrestabili.

CITAZIONE (kaos @ 30 Apr 2019, 18:22) *
Tempo fa avevo creato un account netflix solo per potermi vedere The Story of Film.

(A proposito, vedetelo in qualche modo perché ne vale la pena: https://it.wikipedia.org/wiki/The_Story_of_Film:_An_Odyssey )

Risultato?
La Rai acquista i diritti e quando mi trovavo a circa metà della visione la serie viene tolta da Netflix, di punto in bianco.
Pur avendo ancora tutto il mese pagato su Netflix me lo sono preso in saccoccia e ho dovuto finire la serie su Rai Play (in italiano, sigh, e sempre con l'ansia di essere al passo perché periodicamente le puntate vecchie venivano eliminate, non so per quale oscuro motivo).


Ho notato anche io che la Rai fa questa cosa sul suo sito. Tiene le puntate per poco tempo. E' francamente detestabile.


CITAZIONE (kaos @ 30 Apr 2019, 18:22) *
Alla fine mi è andata pure bene, però, ecco, il futuro del settore lo vedo piuttosto nero: sono convinto che la dematerializzazione progressiva dei beni ci porterà ben pochi vantaggi e molti (troppi) svantaggi.


Come sopra. Non so. Mi sembra ad ogni modo si tratti di un andazzo irreversibile.
L'anno scorso ho conseguito una abilitazione in università, niente di clamoroso, intendiamoci, però ci sono rimasto male quando mi hanno detto che non avrebbero rilasciato alcun pezzo di carta per via della "dematerializzazione" dei documenti (o qualcosa del genere). Non volevo farci il quadretto, ma sarebbe risultato più comodo che non mettere in comunicazione i vari uffici e le varie segreterie ogni volta si renda necessario per confermare l'esistenza effettiva di quel titolo. Forse non c'entra nulla, è solo per dire che ormai di concreto non resta più nulla da stringere lookaround.gif


--------------------
Su OGI con voi

 

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 20th September 2019 - 06:19