Benvenuto Visitatore(Log In|Registrati)

 
Reply to this topicStart new topic
> [riviste]Giochi per il mio computer chiude
Tsam
messaggio25 Jul 2012, 09:52
Messaggio #1


The Answer
Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 22.487
Iscritto il: 13 December 03
Da: Brianza
Utente Nr.: 593
The Answer

BGE Monkey Island 1
Playing Machinarium
SO WinVista

'11




Anche Gmc ci lascia con il numero di agosto/settembre: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=398...e=1&theater

Un altro pezzo di edicola italiana ci lascia.


--------------------
 
Max_R
messaggio25 Jul 2012, 11:41
Messaggio #2



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 2.507
Iscritto il: 30 April 07
Utente Nr.: 6.995
SO Linux




Ho sempre preferito GMC a TGM. Peccato.
 
Tsam
messaggio26 Jul 2012, 07:47
Messaggio #3


The Answer
Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 22.487
Iscritto il: 13 December 03
Da: Brianza
Utente Nr.: 593
The Answer

BGE Monkey Island 1
Playing Machinarium
SO WinVista

'11




Sì, concordo. Ma il fatto che in italia rimanga una sola rivista per pc che da più parti è data in difficoltà, che non ha più il gioco allegato e via dicendo ti fa pensare che o non c'è più spazio per un prodotto del genere, oppure che c'è qualcosa che non va nell'approccio dell'editore (cosa peraltro che si vocifera in più luoghi).

Tristezza.


--------------------
 
Grifen
messaggio27 Jul 2012, 00:02
Messaggio #4



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 1.233
Iscritto il: 30 October 07
Utente Nr.: 9.964
BGE Elite
Montezuma's Revenge

Playing Dwarf Fortress, Master of Magic, XCom Enemy Unknow
SO Linux




Sinceramente, ho avuto molti numeri di Giochi per il Mio Computer, ma solo per il gioco allegato quando mi piaceva. Generalmente come rivista la ho trovata scadente dopo che passò di mano da "il mio Castello" all'editore attuale: articoli che dicevano ben poco di concreto sul gioco, secondo me, e scritti più come lunga pubblicità in maniera più palese che altre riviste. Per me difettavano anche molto di carisma, ma il problema della nostra editoria è sempre stato quello di avere recensori poco briosi: se avete mai letto le recensioni sulle riviste inglesi o simili, per quelle del C64 o Spectrum, c'era un umorismo sottile (tipicamente inglese, appunto) che però riusciva a dare quel pizzico di sale a ciò che si leggeva. PC Ultra era una rivista molto "caustica" invece, ma sapeva strapparti un bel pò di risate quando la leggevi, come le recensioni smilies3.gif

Non nego però che dopo un decennio, è difficile pensare che GmC non avrà più un posto in edicola. Oramai vedere il suo nome sugli scaffali era una tradizione. surrender.gif

CITAZIONE (Tsam @ 26 Jul 2012, 08:47) *
Sì, concordo. Ma il fatto che in italia rimanga una sola rivista per pc che da più parti è data in difficoltà, che non ha più il gioco allegato e via dicendo ti fa pensare che o non c'è più spazio per un prodotto del genere, oppure che c'è qualcosa che non va nell'approccio dell'editore (cosa peraltro che si vocifera in più luoghi).


E' un dato di fatto che l'Editoria italiana da tempo sia diventato un pessimo settore... ma non mi sembra un mistero. La media della qualità delle pubblicazioni mi sembra abbastanza calata negli anni, e questo non giova in un paese come il nostro dove i lettori come mercato sono notoriamente in ribasso. Pessima qualità e poco mercato non sono una risposta ideale al problema.
 
Gharlic
messaggio27 Jul 2012, 14:27
Messaggio #5


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.608
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


Secondo me il punto è sempre lo stesso: cosa offre una rivista in più delle centinaia di siti internet che scrivono dello stesso argomento? Quando la qualità delle recensioni è grossomodo la stessa di quelle scritte da semiprofessionisti/amatoriali come siamo noi o altri come noi, chi mai se ne andrebbe a comprare tutti i mesi una rivista di videogiochi? E ancora, perché aspettare ogni mese quando su un sito io trovo le anteprime in tempo reale? È ovvio che se su carta trovo il bignamino di quello che c'è scritto in rete, io me ne vado in rete, così il bignamino non lo pago nemmeno. Questo per dire che quando chiude una rivista di videogiochi non è che mi sembri chissà quale perdita.
Io GMC l'ho comprata molto spesso per i giochi in allegato, ovviamente: ma la rivista finiva nel cesto della cartaccia con la stessa velocità con cui da bambino mangiavo la cioccolata del'ovino kinder.


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
LargoLagrande
messaggio27 Jul 2012, 15:24
Messaggio #6



Gruppo icone

Gruppo: SMod
Messaggi: 2.671
Iscritto il: 21 January 11
Da: Bari
Utente Nr.: 18.333
BGE The Secret of Monkey Island
Playing Papers, Please!
SO WinVista




CITAZIONE (Gharlic @ 27 Jul 2012, 15:27) *
Secondo me il punto è sempre lo stesso: cosa offre una rivista in più delle centinaia di siti internet che scrivono dello stesso argomento? Quando la qualità delle recensioni è grossomodo la stessa di quelle scritte da semiprofessionisti/amatoriali come siamo noi o altri come noi, chi mai se ne andrebbe a comprare tutti i mesi una rivista di videogiochi? E ancora, perché aspettare ogni mese quando su un sito io trovo le anteprime in tempo reale? È ovvio che se su carta trovo il bignamino di quello che c'è scritto in rete, io me ne vado in rete, così il bignamino non lo pago nemmeno. Questo per dire che quando chiude una rivista di videogiochi non è che mi sembri chissà quale perdita.
Io GMC l'ho comprata molto spesso per i giochi in allegato, ovviamente: ma la rivista finiva nel cesto della cartaccia con la stessa velocità con cui da bambino mangiavo la cioccolata del'ovino kinder.


Concordo su tutto, a volte mi capita di sfogliare alcune vecchie riviste di giochi e in tutta onestà quando leggo le recensioni dell'epoca non mi sembrano affatto più competenti o più articolate di quelle che capita di leggere nei vari siti. Insomma bando alla falsa modestia, molti articoli che leggo qui o su altri siti non hanno nulla da invidiare a riviste del settore. Se OGI fosse un mensile venduto a sei euro penso che nessuno potrebbe aver nulla da ridire per la qualità degli interventi e delle iniziative, per la competenza di chi scrive (Non fatevi venire strane idee però!). Al di là degli evidenti problemi nel mondo della editoria italiana, Internet ha rivoluzionato tutto, basti pensare alle difficoltà della carta stampata, con chi va avanti più che altro grazie ai finanziamenti dei partiti o chi cerca di reinventarsi, allegando di tutto e di più, quindi o ci si adegua ai tempi offrendo quel "quid" in più che non puoi già trovare gratis in rete o il prodotto non ha più ragione di esistere (e lo dico con un pizzico di tristezza per la scomparsa di queste riviste storiche).


--------------------
Old Games Italia presenta INDIEtro Tutta - La rubrica settimanale dedicata al mondo videoludico indipendente. Seguici su Twitter e Facebook

"Ambition is a poor excuse for not having sense enough to be lazy" (E. Bergen)
 
Gharlic
messaggio27 Jul 2012, 17:43
Messaggio #7


Il Grafobrancio
Gruppo icone

Gruppo: UST Member
Messaggi: 6.608
Iscritto il: 11 February 03
Utente Nr.: 2.151
SO Win2000


Archeologo professionista (50)


Ma poi aggiungo anche un'altra cosa che non è da meno. Io prima ho parlato del prezzo, che alla fine incide poco, personalmente. Nella mia zona, non so se sono particolarmente sculato, ma d'altra parte, visto che ancora siamo sprovvisti di fognatura e che l'acquedotto non arriva a coprire le utenze che dovrebbe, in aggiunta a qualche altro disagio minore come la mancanza di linea ADSL; nella mia zona, dicevo, trovare queste riviste è anche difficoltoso: le edicole, piccoli chioschetti tirati su almeno nel '60, sono abitate da povere anime che oltre a Repubblica e L'unità vanno visibilmente nel pallone. Quindi, per un compratore saltuario di queste riviste, come posso essere io stesso e chissà quanti altri come me, è chiaro che a fronte dei problemi detti nel post di prima, devo aggiungere anche questo: una distribuzione approssimativa, o comunque non adatta. L'alternativa sarebbe un abbonamento, ma per qualche motivo mi è sempre parso naturale non farlo, anche perché a me piace andare in edicola e comprare ciò che più mi attrae.


--------------------

«Io ritengo, senza ombra di dubbio, che l'UST sia il miglior gruppo di traduzioni amatoriali che l'Italia abbia avuto negli ultimi 150 anni.» S.B.
 
Visitatore_Sartorius_*
messaggio28 Jul 2012, 10:17
Messaggio #8





Guest






Due facce
Ho sempre guardato a Giochi per il mio Computer e a The Games Machine come a due facce della stessa moneta, due aspetti di un’unica realtà.
Per fare un parallelismo, vorrei citare la questione del caffè di deusexiana memoria (deus ex: invisible war per intenderci). La medesima corporazione (come scopriamo verso la fine del gioco) commercia due tipi di caffè: il caffè Pequod e il caffè QueeQueg, per conquistare i gusti di due diverse fasce di utenza. E così mentre il caffè QueeQueg fa leva sulla produzione biologica e sul suo gusto naturale, la miscela Pequod, di realizzazione industriale, pone l’accento della propria campagna promozionale sull’assenza di sfruttamento di forza lavoro umana.
Analogamente GMC si rivolgeva ai suoi lettori con un tono maturo proponendo articoli di approfondimento quali la pagina del filosofo (di M. Bittanti) e le dotte recensioni di Paolo Paglianti. TGM, invece, faceva appello al popolo ggiovane e spensierato, che ha sempre visto il vg come una mera forma di intrattenimento; da questo approccio scaturivano le rubriche deliranti (in senso positivo) di Raffaele Sogni e la pagina della posta e le recensioni di Massimo Svanoni infarcite di (benaccette) goliardie (anguria da scofanarsi, impellente necessità di ingollare della liquirizia); senza contare che dobbiamo sempre a Lui la migliore definizione di free to play che mi sia mai capitato di leggere: free to play = ‘sta ceppa!
Mi dicono che col tempo GMC sia calata qualitativamente e quantitativamente. TGM invece ha subito un'evdente maturazione.
Senza voler dichiarare quale ‘miscela’ fosse più aromatica, affermo che la dipartita di una delle due testate lascia il panorama dell’editoria videoludica orfano di una delle sue voci. La situazione si presenta ora come la celeberrima moneta di Harvey Dent.

Come piccola nota polemica a margine aggiungo che, quella stessa utenza che è stata ‘persuasa’ della bontà degli acquisti digitali sta forse ora estendendo il criterio anche alle riviste di informazione. Io, come Gharlic, preferisco recarmi in edicola.

Sartorius

Messaggio modificato da Sartorius il 28 Jul 2012, 11:02
 
Grifen
messaggio28 Jul 2012, 14:14
Messaggio #9



Gruppo icone

Gruppo: OldGamer
Messaggi: 1.233
Iscritto il: 30 October 07
Utente Nr.: 9.964
BGE Elite
Montezuma's Revenge

Playing Dwarf Fortress, Master of Magic, XCom Enemy Unknow
SO Linux




CITAZIONE (LargoLagrande @ 27 Jul 2012, 16:24) *
Concordo su tutto, a volte mi capita di sfogliare alcune vecchie riviste di giochi e in tutta onestà quando leggo le recensioni dell'epoca non mi sembrano affatto più competenti o più articolate di quelle che capita di leggere nei vari siti.


A me le riviste cartacee, almeno fino al tempo degli 8/16 bit, erano qualcosa che aveva motivo di esistere sulla carta: non solo via del media, ma anche per lo stile dei recensori molto particolare, che pur riuscendo a far divertire sapeva essere informativo... qualcosa che ancora oggi io fatico a trovare in rete, dove tutto è in mano o quasi agli amatoriali, e che anche i recensori cosidetti professionisti difettano di stile. Come dire, bisogna anche saper ridere e ironizzare sul gioco: un tempo era più frequente farlo. Se anche a quel tempo ci fosse stato Internet diffuso, avrei tenuto prezioso il mio abbonamento alle riviste... riviste come Consolle Mania, Commodore Computer Club o Supercommodore, avevano un loro modo di pubblicare e un'impostazione che non vedo degli equivalenti oggi; l'angolo delle recensioni dei giochi poi era, a mio giudizio, molto particolare per come erano impostati certi testi, anche se si trattavano tutte traduzioni di articoli di riviste estere nel caso di Supercommodore.

Per me è anche un concetto del giornalismo che cade (anche se per me è venuto a mancare già molti anni fa): non solo come formato, ma anche come rapporto col pubblico, e come dice correttamente Zork, ora è come se una fetta del pubblico "impegnato" sia restato orfano della propria testata di riferimento...
 
Paolo Paglianti
messaggio31 Jul 2012, 13:43
Messaggio #10





Gruppo: Gamer
Messaggi: 2
Iscritto il: 31 July 12
Utente Nr.: 19.486
BGE Ultima 7
Playing Skyrim
SO WinVista




CITAZIONE (Sartorius @ 28 Jul 2012, 11:17) *
Analogamente GMC si rivolgeva ai suoi lettori con un tono maturo proponendo articoli di approfondimento quali la pagina del filosofo (di M. Bittanti) e le dotte recensioni di Paolo Paglianti. TGM, invece, faceva appello al popolo ggiovane e spensierato, che ha sempre visto il vg come una mera forma di intrattenimento; da questo approccio scaturivano le rubriche deliranti (in senso positivo) di Raffaele Sogni e la pagina della posta e le recensioni di Massimo Svanoni infarcite di (benaccette) goliardie (anguria da scofanarsi, impellente necessità di ingollare della liquirizia); senza contare che dobbiamo sempre a Lui la migliore definizione di free to play che mi sia mai capitato di leggere: free to play = ‘sta ceppa!


grazie del "dotto" blush.gif

nel periodo Future, quando TGM è stata acquisita da Future, le redazioni erano completamente separate, sia fisicamente che a livello di server; l'idea era quello di mantenere diviso tutto, compresi gli accordi sulle copertine e le recensioni in esclusiva.

pero' mi è piaciuto il parallelo sulle aziende di caffè in Deus Ex (che peraltro parte da quello che succede con Starbuck e la loro etichetta light, di cui mi sfugge il nome).

e grazie per tutte le belle parole su GMC.

ciao

Paolo Paglianti
 
Micartu
messaggio31 Jul 2012, 13:57
Messaggio #11



Gruppo icone

Gruppo: SMod
Messaggi: 9.953
Iscritto il: 7 May 04
Da: Regione dell'Albero d'Oro
Utente Nr.: 1.400
BGE Elvira 1
SO WinXP




Ho davvero apprezzato la rivista e mi è spiaciuto molto sapere che chiuderà.

Sono stato un lettore di Kappa magazine e tgm dal '91 (grandi le solle degli eye of beholder di Paolo!) e poi in seguito appunto di GMC il cui taglio editoriale mi è in seguito piaciuto più di quello della "nuova generazione" di TGM.

Una domanda per Paolo su quel che pensa a proposito di un argomento e intanto benvenuto:

Negli anni '90 ricordo che le riviste avevano spesso anteprime sui videogiochi, cioè che le case produttrici (o magari sbaglio ed erano i negozi?) fornivano il gioco in leggera anteprima rispetto alla data di uscita per i normali utenti, e questo permetteva di stillare delle recensioni "immediate" che arrivavano all'utente in simultanea con l'uscita del gioco nei negozi, se non addirittura leggermente prima. In pratica se a giugno doveva uscire un gioco mi pare che già a maggio o a giugno stesso spesso c'era la recensione in edicola, soprattutto se il gioco era di quelli k-score XD. Mi confermi questa cosa? Adesso... partendo da questa premessa, la rivista a quel punto portava davvero un gran servizio all'utente fornendogli la recensione prima del possibile acquisto. Mi chiedevo come mai ora invece le recensioni siano mediamente per tutte le riviste in considerevole ritardo rispetto all'uscita del gioco... si è perso parte di quel privilegio iniziale da parte delle software house e dei distributori? Oltretutto se si pensa che al giorno d'oggi appena esce un gioco immediatamente qualcuno lo recensisce su video google o su qualche sito non credi che questo vada a dimezzare il "servizio" reso dalla rivista cartacea? Mi capita sempre di andare in negozio e comprare un gioco prima di aver potuto leggere la recensione cartacea, sulla base dei miei gusti e delle chiacchiere che si sono fatte sul gioco già da mesi prima della sua uscita.

Faccio queste considerazioni con un po' d'ignoranza in materia chiedo già scusa se ho scriutto qualcosa di inesatto, ma non ho saputo resistere alla tentazione di farti queste domande. ancora benvenuto!


--------------------
 
Paolo Paglianti
messaggio31 Jul 2012, 14:07
Messaggio #12





Gruppo: Gamer
Messaggi: 2
Iscritto il: 31 July 12
Utente Nr.: 19.486
BGE Ultima 7
Playing Skyrim
SO WinVista




CITAZIONE (Micartu @ 31 Jul 2012, 14:57) *
Ho davvero apprezzato la rivista e mi è spiaciuto molto sapere che chiuderà.

Sono stato un lettore di Kappa magazine e tgm dal '91 (grandi le solle degli eye of beholder di Paolo!) e poi in seguito appunto di GMC il cui taglio editoriale mi è in seguito piaciuto più di quello della "nuova generazione" di TGM.

Una domanda per Paolo su quel che pensa a proposito di un argomento e intanto benvenuto:

Negli anni '90 ricordo che le riviste avevano spesso anteprime sui videogiochi, cioè che le case produttrici (o magari sbaglio ed erano i negozi?) fornivano il gioco in leggera anteprima rispetto alla data di uscita per i normali utenti, e questo permetteva di stillare delle recensioni "immediate" che arrivavano all'utente in simultanea con l'uscita del gioco nei negozi, se non addirittura leggermente prima. In pratica se a giugno doveva uscire un gioco mi pare che già a maggio o a giugno stesso spesso c'era la recensione in edicola, soprattutto se il gioco era di quelli k-score XD. Mi confermi questa cosa? Adesso... partendo da questa premessa, la rivista a quel punto portava davvero un gran servizio all'utente fornendogli la recensione prima del possibile acquisto. Mi chiedevo come mai ora invece le recensioni siano mediamente per tutte le riviste in considerevole ritardo rispetto all'uscita del gioco... si è perso parte di quel privilegio iniziale da parte delle software house e dei distributori? Oltretutto se si pensa che al giorno d'oggi appena esce un gioco immediatamente qualcuno lo recensisce su video google o su qualche sito non credi che questo vada a dimezzare il "servizio" reso dalla rivista cartacea? Mi capita sempre di andare in negozio e comprare un gioco prima di aver potuto leggere la recensione cartacea, sulla base dei miei gusti e delle chiacchiere che si sono fatte sul gioco già da mesi prima della sua uscita.

Faccio queste considerazioni con un po' d'ignoranza in materia chiedo già scusa se ho scriutto qualcosa di inesatto, ma non ho saputo resistere alla tentazione di farti queste domande. ancora benvenuto!


ti posso dire com'era fino all'anno scorso; da marzo 2011 lavoro per un altro gruppo editoriale e su un progetto diverso

il problema è - come ha detto qualcuno anche in questo thread - internet. Oggi sono molto più importanti, per le software house, i siti di videogiochi. Per un sito, uscire in contemporanea a un gioco è molto semplice: ricevi la promo del gioco qualche giorno prima dell'uscita, lo giochi notte e giorno. Unisci a questo il fatto che i giochi sono mediamente piu' corti (Doom per finirlo ci mettevi 20 ore, COD lo completi, se vuoi, in 5 ore!).

se lo stesso giorno la promo la riceve una rivista cartacea, per uscire ci mette come minimo venti giorni, tra tempi di stampa e di distribuzione.

mi ricordo per esempio che per Half Life (1) o Might & Magic mi spedirono delle versioni "chiuse" e compilate apposta per GMC, perchè evidentemente gli interessava uscire con la rece. O per Oblivion e Fallout mi hanno invitato nella sede dell'azienda per giocare con l'ultima versione disponibile, un mesetto prima dell'uscita.

oggi non è piu' cosi'

ciao

P


 
Tsam
messaggio31 Jul 2012, 14:23
Messaggio #13


The Answer
Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 22.487
Iscritto il: 13 December 03
Da: Brianza
Utente Nr.: 593
The Answer

BGE Monkey Island 1
Playing Machinarium
SO WinVista

'11




Ciao Paolo, posso dire che è un'emozione vederti su queste "pagine"? Grazie per il tuo contributo e per le tue constatazioni, tutt'altro che scontate.

Purtroppo è vero, credo che il tempo della carta stampata sia al limite, ma credo allo stesso tempo che qualcosa in più poteva essere fatto (non da parte tua) e che qualcosa si potrebbe anche tentare se ci fosse la forza e la voglia di farlo. Ma siamo in Italia con una situazione economica particolare e pertanto gli spazi sono davvero ridotti.

Grazie per tutto quello che hai dato e ancora complimenti per la tua nuova avventura


--------------------
 
gorman
messaggio29 Aug 2012, 16:25
Messaggio #14





Gruppo: Gamer
Messaggi: 1
Iscritto il: 29 August 12
Utente Nr.: 19.530
SO Windows7




Trovo con molto ritardo questa discussione. Essendo stato responsabile per K, ZETA e GMC, molte delle cose che ho letto mi fanno piacere e vi ringrazio.

Ora si riparte con IGN Italia, condivido infatti che (in realtà da qualche tempo) la carta stampata per questo settore abbia detto più o meno quello che poteva dire. Della gestione delle riviste da parte dell'editore subentrato a Future non dirò nulla, di fatto io sono stato allontanato dopo poco mesi dalla cessione avvenuta alla fine del 2006.

Ciao a tutti e grazie ancora.

PS
Per chi cestinava la rivista: a mio avviso non ti facevi un gran favore :p
 
Tsam
messaggio30 Aug 2012, 09:04
Messaggio #15


The Answer
Gruppo icone

Gruppo: Founder
Messaggi: 22.487
Iscritto il: 13 December 03
Da: Brianza
Utente Nr.: 593
The Answer

BGE Monkey Island 1
Playing Machinarium
SO WinVista

'11




CITAZIONE (gorman @ 29 Aug 2012, 17:25) *
Trovo con molto ritardo questa discussione. Essendo stato responsabile per K, ZETA e GMC, molte delle cose che ho letto mi fanno piacere e vi ringrazio.

Ora si riparte con IGN Italia, condivido infatti che (in realtà da qualche tempo) la carta stampata per questo settore abbia detto più o meno quello che poteva dire. Della gestione delle riviste da parte dell'editore subentrato a Future non dirò nulla, di fatto io sono stato allontanato dopo poco mesi dalla cessione avvenuta alla fine del 2006.

Ciao a tutti e grazie ancora.

PS
Per chi cestinava la rivista: a mio avviso non ti facevi un gran favore :p


Benvenuto anche a te Gorman: leggerti qui è solamente un piacere.

Su cosa e quanto è stato fatto per accelerare la caduta della carta stampata credo sia uno dei grandi dilemmi della storia italiana biggrin2a.gif certo è che con Future per un breve periodo sembrava fosse possibile risalire la china, anche se la sua controparte inglese attualmente non se la passa molto bene.

Diciamo che siamo fortunati perchè abbiamo la possibilità di assistare ad uno dei cambiamenti epocali del settore e vedere quello che sarà il futuro. Ovviamente in bocca al lupo per la tua nuova avventura ;).


--------------------
 
Shinetop
messaggio13 Jan 2013, 18:03
Messaggio #16





Gruppo: Gamer
Messaggi: 286
Iscritto il: 25 August 07
Utente Nr.: 9.017
BGE Indiana Jones and the Fate of Atlantis
Playing Oblivion
SO WinXP




CITAZIONE (gorman @ 29 Aug 2012, 16:25) *
Trovo con molto ritardo questa discussione. Essendo stato responsabile per K, ZETA e GMC, molte delle cose che ho letto mi fanno piacere e vi ringrazio.

Ora si riparte con IGN Italia, condivido infatti che (in realtà da qualche tempo) la carta stampata per questo settore abbia detto più o meno quello che poteva dire. Della gestione delle riviste da parte dell'editore subentrato a Future non dirò nulla, di fatto io sono stato allontanato dopo poco mesi dalla cessione avvenuta alla fine del 2006.

Ciao a tutti e grazie ancora.

PS
Per chi cestinava la rivista: a mio avviso non ti facevi un gran favore :p


Cavoli mi accorgo solo oggi di IGN Italia.....bhe meglio tardi che mai!! blush.gif
Fa piacere sapere che a curare il sito ci siano le stesse persone che han fatto gran belle riviste come K e ZETA!
 

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 23rd September 2019 - 01:39