Benvenuto Visitatore(Log In|Registrati)

2 Pagine V  < 1 2  
Reply to this topicStart new topic
> I Videogiochi sono noiosi
pinellos
messaggio15 Jun 2019, 16:26
Messaggio #26





Gruppo: Gamer
Messaggi: 200
Iscritto il: 30 November 17
Da: everywhere
Utente Nr.: 21.677
SO Sono un BOT, cancellami l'account




CITAZIONE (Micartu @ 14 Nov 2016, 23:50) *
@Capo:
Non sono un estimatore della saga Myst, per quanto ne riconosca l'importanza storica, sarei un ignorante a non capirlo.
Dopo tutti questi anni non ti puoi presentare con lo stesso modello di gioco identico, senza aver fatto mezzo passo in avanti verso nuove soluzioni e tipologie.
Se lo fai:
1)non sei in grado di smuoverti da lì per tua incapacità e non hai altro da dire, quindi continui a riproporti sempre uguale a te stesso.
2)lo fai volutamente ma vuoi omaggiare soltanto i seguaci della saga Myst, ti giochi una fetta di utenza, ma contento te contenti tutti.
3)non vuoi omaggiare nessuno, non hai le palle per osare qualcosa di diverso.
L'ho provato, soliti enigmi alla Myst, solito ambiente vuoto e deserto, solito tutto.
Consigliato solo a chi apprezza Myst o a chi non ne ha mai giocato uno e vuole provare.
Al contrario The Witness gli sta otto spanne sopra. Osa quello che l'autore di Obduction non ha il coraggio di fare e ci riesce in pieno. innova il genere in modo moltoooo positivo.


Io l'ho scaricato solo perchè era free, praticamente certo di farci mezzora e via, perchè a me se in un gioco in 3D mi togli il mitragliatore/bazooka/laser/spada mi cala la palpebra in modo inesorabile (ho già avuto modo di esporre le mie motivazioni riguardo a walking simulator vari, per dire che anzi, onestamente ero decisamente prevenuto rispetto a obduction); ritengo che il dover camminare per mappe vuote, per quanto belle possano essere, senza poter praticamente interagire con l'ambiente se non spostando levette e schiacciando bottoni, sia semplicemente di una noia mortale (potrei azzardare a dire che questo genere di roba è la glorificazione cosciente del backtracking) - e ci aggiungo che per la prima mezz'ora, quando mi sono ritrovato a gironzolare come uno scemo per boschetti e lande desolate, ero già lì per chiudere tutto e passare ad altro... TUTTAVIA, risolti i primi enigmi ed entrato un minimo nel mood del gioco, quel poco di narrativa "esplicita" che viene fornita al giocatore mi ha incuriosito e ho deciso di proseguire... incredibile a dirsi, mi ha preso e sì, è sempre il classico Myst, ma ammodernato tecnicamente e soprattutto fatto con una mano dannatamente sicura, quella di chi questo genere lo conosce evidentemente come le sue tasche e non ha alcuna necessità di inventare niente, avendo già inventato il genere stesso a suo tempo... insomma mi ha dato l'impressione di una buona pizza margherita: non c'è niente di rivoluzionario, anzi, ma se è fatta come dio comanda è sempre buona. Può stufare, certo, ma rispetto a giochi che sono praticamente dei "binari" in cui il pezzo forte dovrebbe essere la storia e dove poi la storia fa abbastanza scagazzare (Edith Finch... *spoiler*
con tutta la sua prosopopea e tutta la sua atmosfera ricercata, poi mi propone all'improvviso uno squalo che rotola giù da un bosco (???) o un bambino che cade giù da una scogliera perchè fa un salto troppo lungo in altalena (??????)
), questo è quantomeno un gioco al 100%, col suo gameplay, i suoi enigmi, le sue cose da fare per andare avanti, i suoi puzzle contorti... insomma, non lo avrei mai detto ma credo che lo porterò a termine. Magari faccio una recensione!
PS: ho anche The Witness in canna, l'ho provato e mi era piaciuto di meno proprio perchè lì i puzzle sono "espliciti", tipo gioco del 15, ma non mi sembrava male... se mi dici che è così buono, potrei riprendere anche quello...
Ciao!

--------------------
Visita il mio blog personale sullo sviluppo di giochi e altra roba: www.pinellos.com - C'è anche in inglese così sembra una cosa seria!
 
~Ren~
messaggio20 Jun 2019, 22:43
Messaggio #27





Gruppo: Gamer
Messaggi: 10
Iscritto il: 30 April 17
Utente Nr.: 21.500
BGE Final Fantasy VII-VIII
Playing Planescape Torment, The walking dead, The blackwell legacy...
SO Altro




Non so quanto posso aggiungere di sensato a quello che già avete detto, anche a me pare che la tizia partendo dalla sua esperienza ingigantisca la questione... Scusate se sarò ripetitiva.

Gioco da quando sono piccola ma per vari motivi non quanto vorrei, eppure alcuni giochi sono stati per me così di impatto e importanti che hanno continuato ad influenzarmi dopo anni. E varie visual novel provate di recente mi hanno stupito per la cura del dettaglio e la profondità dei temi. Questo per dire che pur con poca esperienza di gioco ho trovato opere di qualità e sono anche sicura che molte altre che non conosco esistono.
Ma, sempre basandomi sull'articolo, penso che non puoi costringere nessuno ad avere una determinata passione, o se anche c'è poi sta alla persona dedicarcisi. Lei voleva "convertire" parenti ed amici e poi li ha usati un po' a mo' di cavie per capire come trovare il gioco perfetto per loro(poi ha concluso che non esiste...ok, e che quindi deve fare si che ne esistano in futuro, second-ok. Sono perplessa perchè invece se avesse una cultura di videogiochi saprebbe secondo me che qualcosa "nelle loro corde" già esiste). Infatti mi pare che probabilmente non gli ha presentato i giochi giusti oppure questi per qualsivoglia-motivo personale non avrebbero comunque finito il gioco...
Io stessa ho una lista di giochi ancora in corso da tempo, e non è perchè non mi piacciono (o non li trovo profondi), è perchè nella gestione del mio tempo fatico ad integrare tutto in modo costante, e per me i giochi hanno bisogno di una certa costanza. Quindi dipende...
Anche questa cosa che "A molte persone non piacciono i videogiochi" mi sembra un generalizzare, ho capito che l'autrice dell'articolo è appassionata da sempre ed ha faticato a trovare amici con cui condividere la sua passione. E ci sta anche il pensare che se tutti gli autori hanno influenze simili tendono a creare prodotti simili, ma anche qui dove stiamo andando a parare?

"So why don't my friends like video games and what would they like?
The most important thing is that they think video games lack depth. They say things like, "Unlike books/films/podcasts, with video games I don't learn anything or change as a person".


Certo che ci sono giochi poco profondi, come ci sono libri, fumetti e film superficiali e banali. Eh, quindi TUTTI nella categoria mancano di profondita? Oppure il tuo amico ha giocato UN gioco in croce e ha deciso che tutti i videogiochi mancano di profondità perchè APPUNTO ne ha provato uno? blink.gif (I film e i podcast sono cose che puoi "subire" molto più rispetto ai giochi in cui è richiesta una certa dose di impegno, quindi è facile che queste persone abbiano una "cultura di film" superiore a quella dei videogiochi, bello come questo punto nell'articolo non mi pare venga mai toccato.)

Secondly, on a surface level, they are also often just flat out repulsed by video games. Few women, for example, are going to play a video game with terrible portrayals of women. They say things like "they insult me/my demographic." And thirdly, they don't find their own cultural references or interests in video games. They say things like "they ignore me", and "I'm failing at things I didn't care about in the first place."

In molti giochi le donne sono rappresentate come bamboline vuote e messe lì per fare numero o per "bellezza", è vero, eppure in alcuni giochi che io ho provato i personaggi femminili avevano un loro perchè come tutti gli altri personaggi, e idem come sopra lo stesso discorso riguarda altri media. Mai visto un manga con la donna messa lì perchè è richiesto il pg femminile ma con zero carattere? Ma anche qui se allora parliamo degli stereotipi io ve ne trovo anche per i personaggi maschili. Non possiamo parlare si un problema "dei videogiochi", è vero che lei espande un po' la cosa all'arte, ma il focus dell'articolo sono i videogiochi.
Terzo punto, capisco il voler ritrovare un po' "se stessi" nei videogiochi, o nelle storie che seguiamo, ma visto che la scelta è ampia, non trovi una cosa che "ti rappresenta" ne cerchi un'altra.

poi "The experience must be based in things that they care about, in problems they have in life."
Anche questo dipende dalla persona. E' come se io condannassi l'intera categoria di videogiochi perchè non li fanno tutti esattamente seguendo il mio genere preferito, gusto, stile grafico etc. Cioè...

"I'm not remotely interested in shockingly good graphics, in murder simulators, in guns and knives and swords. I'm not that interested in adrenaline. My own life is thrilling enough"

Figlia mia queste sono cose che capisco perchè è questo che spesso mi porta a cercare un tipo di intrattenimento piuttosto che un'altro, ma da qui ad andare a demonizzare tutti i videogiochi perchè "A me non vanno gli splatter." ce ne passa. >_>

Ah ok, a fine articolo ho capito il punto dell'intero delirio, ovvero dirci che lei:

"I started my little studio because I care about games, I care about my friends and people like them, I want my friends to care about games, and I want to make games that care about my friends. At my studio we are making games with people who don't like video games because we want to break out of established paradigms."

Quindi aprirà le porte della comprensione e dei giochi che sanno comunicare e infondere il senso della vita come gli altri non fanno, ok... di norma anche nella vita per me vale la regola "Show don't tell" ma almeno l'articolo ora ha un senso, era una promozione travestita da sfogo. blink.gif

Messaggio modificato da ~Ren~ il 20 Jun 2019, 22:52


--------------------
“My imagination makes me human and makes me a fool; it gives me all the world and exiles me from it.”
― Ursula K. Le Guin

 
kaos
messaggio21 Jun 2019, 07:35
Messaggio #28





Gruppo: Gamer
Messaggi: 414
Iscritto il: 23 June 12
Utente Nr.: 19.433
BGE Another World, Monkey Island 2, Street Fighter II C.E.
SO Windows7




Stai facendo un po' l'avvocato del diavolo però eh.
Se prendi un gioco a caso tra tutti quelli che escono ogni giorno, la probabilità che abbia una storia infima o che offra personaggi femminili che vanno in guerra praticamente in mutande sfiora il 99% (e forse mi sono tenuto basso).
Non possono essere quei pochi titoli che rappresentano un'eccezione a redimere un intero settore...


--------------------
 
fbrzvnrnd
messaggio21 Jun 2019, 08:10
Messaggio #29





Gruppo: Gamer
Messaggi: 53
Iscritto il: 28 February 18
Utente Nr.: 21.811
BGE Guerra termonucleare globale
Playing Kentucky Route Zero
SO Mac OS




CITAZIONE (kaos @ 21 Jun 2019, 08:35) *
Stai facendo un po' l'avvocato del diavolo però eh.
Se prendi un gioco a caso tra tutti quelli che escono ogni giorno, la probabilità che abbia una storia infima o che offra personaggi femminili che vanno in guerra praticamente in mutande sfiora il 99% (e forse mi sono tenuto basso).
Non possono essere quei pochi titoli che rappresentano un'eccezione a redimere un intero settore...


Io invece credo che sia importante mettere in rilievo gli esempi di videogiochi maturi, per tematiche e per estetiche. Dei videogiochi io non gioco più a videogiochi di puro intrattenimento, ho già dato, mentre sono interessato ai videogame che fanno letteratura in digitale. Questi ultimi anni ho giocato a una serie di lavori davvero importanti e grossi: Gris, Life is Strange, Virginia, Gone Home, Sunset, Night in the Woods, Neverending Nightmares, The Eternal Castle, Kentucky Route Zero, Limbo, Today I Die...
E in buona parte di questi giochi il protagonista è una ragazza o una donna, e in ruoli tutt'altro che stereotipati.

Fabrizio
 
Gwenelan
messaggio21 Jun 2019, 09:43
Messaggio #30



Gruppo icone

Gruppo: Admin
Messaggi: 14.284
Iscritto il: 8 October 12
Utente Nr.: 19.580
BGE Planescape: Torment
SO Windows7




Mi piace quando un topic vecchio viene riesumato con commenti interessanti ^^!

Io concordo col commento di Red e con quello di Fabrizio, specialmente alla luce dell'articolo in sé. Trovare, al giorno d'oggi, giochi che possano piacere a un pubblico "non giocatore", al di là della qualità dei giochi proposti, parlo solo di tematiche ("vita vera" vs "spade e draghi"), è facile. Ci sono millemila giochi che offrono questo. Poi, è indubbio che la maggior parte non saranno "maturi", e anche che la maggior parte di quelli maturi non saranno bei giochi, ma questo succede anche negli altri media: la maggior parte sarà una porcheria, il restante andrà dalla mediocrità in su. Non mi pare che siamo messi molto peggio di tutti gli altri campi ^^.


--------------------
Conformati.

What can change the nature of a man?
*My Youtube Channel*

La vita è dura e grama - e poi si muore.

Chi è intelligente per definizione non può avere qualcosa di negativo da dire contro lo studio e contro il buon senso.
- Duca


Tutti hanno opinioni: io le ho, tu le hai. E fin da quando abbiamo aperto gli occhi ci hanno detto che abbiamo diritto di avere nostre opinioni. Be’, è una stronzata, naturalmente. Non abbiamo diritto di avere opinioni, abbiamo diritto di avere opinioni informate. Senza studio, senza basi, senza comprensione, un’opinione non vale niente.
È solo un farfugliamento. È come una scoreggia nella galleria del vento, gente.

 
Festuceto
messaggio21 Jun 2019, 14:01
Messaggio #31



Gruppo icone

Gruppo: Oldgame Editor
Messaggi: 2.126
Iscritto il: 4 February 14
Da: Napoli
Utente Nr.: 20.293
BGE The Secret of Monkey Island
Playing Doom & Destiny Advanced (Android)
Deponia (Windows)
Cronoboy (DOS)

SO Altro


Spolveratore (1)


CITAZIONE (~Ren~ @ 20 Jun 2019, 23:43) *
"I started my little studio because I care about games, I care about my friends and people like them, I want my friends to care about games, and I want to make games that care about my friends. At my studio we are making games with people who don't like video games because we want to break out of established paradigms."

Quindi aprirà le porte della comprensione e dei giochi che sanno comunicare e infondere il senso della vita come gli altri non fanno, ok... di norma anche nella vita per me vale la regola "Show don't tell" ma almeno l'articolo ora ha un senso, era una promozione travestita da sfogo. blink.gif



Io direi che questo basta a concludere la critica di un articoletto che non meritava nemmeno due righe di risposta. Lo "sfogo" ormai è diventato una modalità di comunicazione molto utilizzata ed efficace, un modo subdolo di veicolare un messaggio attraverso l'emotività.
Comunque concordo con Fabrizio e Gwen, i prodotti di qualità non sono e non saranno mai la parte prevalente di una produzione vastissima, come in tanti altri settori dell'intrattenimento, eppure proprio perché la produzione è immensa ce ne sono tanti per tutti i gusti e le esigenze, mai come in questo periodo storico. Gli stereotipi poi ci sono sempre stati e non sono solo relativi al ruolo della donna (come ben sottolineava Ren), citare la cosa come una prova della "scarsa maturità del medium" non solo è falso, ma è anche l'ennesima prova di come il discorso punti a suscitare una reazione emotiva nel lettore, toccando questioni che oggi sono molto sentite dal pubblico.


--------------------



Il mio Canale YouTube, Il Canale del Drugo, dove si gioca, si viaggia e si beve... rigorosamente WHITE RUSSIAN!


Mi trovi anche su STEAM dove sono CURATORE, clicca QUI per diventare FAN e conoscere I CONSIGLI DEL DRUGO



La vita è un balocco!
 
~Ren~
messaggio21 Jun 2019, 14:41
Messaggio #32





Gruppo: Gamer
Messaggi: 10
Iscritto il: 30 April 17
Utente Nr.: 21.500
BGE Final Fantasy VII-VIII
Playing Planescape Torment, The walking dead, The blackwell legacy...
SO Altro




CITAZIONE (kaos @ 21 Jun 2019, 08:35) *
Stai facendo un po' l'avvocato del diavolo però eh.
Se prendi un gioco a caso tra tutti quelli che escono ogni giorno, la probabilità che abbia una storia infima o che offra personaggi femminili che vanno in guerra praticamente in mutande sfiora il 99% (e forse mi sono tenuto basso).
Non possono essere quei pochi titoli che rappresentano un'eccezione a redimere un intero settore...


Si, mi sono spiegata male. Non intendevo dire che "Non esiste un problema in tal senso" ma come io non posso dire che il settore è immacolato basandomi sulla mia positiva esperienza di gioco (che come ho precisato non è così "ricca" di titoli, come magari per altri di voi nel forum) così mi sembra che l'articolo esageri dicendo l'opposto.
Poi la riflessione su come migliorare il settore ci sta e ben venga.


--------------------
“My imagination makes me human and makes me a fool; it gives me all the world and exiles me from it.”
― Ursula K. Le Guin

 

2 Pagine V  < 1 2
Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 23rd July 2019 - 01:30