Oldreview: Trespasser

Oramai ci siamo: la nostra recensione di Jurassic Park (oceanica, vi avvisiamo) sta per arrivare ma nell'attesa Deuterio ci regala un interessante viaggio nella memoria di una delle migliori trasposizioni videoludiche legate al franchise preistorico per eccellenza; stiamo parlando di Traspasser e proprio in questi giorni sono in diversi sul forum ad averlo reinstallato sul proprio pc stuzzicati dalle parole del nostro esploratore dell'oldgame.

Curiosi? Non vi resta che cliccare sul link qua sotto!

Link alla recensione
Link all'Ogi forum

Trespasser

Il gioco inizia quando Anne (la protagonista dell'avventura), si risveglia sulla spiaggia (di questa isola) in seguito ad un incidente aereo (in viaggio per i tropici); da qui, si procederà all'esplorazione dell'isola, e si verrà a scoprire che ci si trova nel "Sito B" (una delle isole della storia di Jurassic Park, in particolare quella del film The lost world, ma ciò che capita alla ragazza non centra nulla con la storia del parco). Quindi, la nostra Anne dovrà sopravvivere affrontando i dinosauri che vagano liberamente sull'isola avventurandosi anche tra le varie costruzioni e complessi abbandonati dalla inGen.

Ciò che rendeva questo videogioco diverso (e forse più complicato) dagli altri sparatutto, è il sistema di utilizzo degli oggetti: dallo spostare un'ostacolo (cassa, trave, porta chiusa ecc...), il premere i pulsanti su una tastiera o l'impugnare un'arma viene tutto eseguito con il braccio destro, il quale è comandato direttamente dal mouse. Ad esempio non si utilizza il solito mirino, al centro dello schermo, come nei normali sparatutto.... ma l'arma può essere puntata tranquillamente senza muovere tutta l'inquadratura (visuale del giocatore): semplicemente tenendo premuto il tasto sinistro del mouse e muovendo lo stesso si può controllare la linea d'azione del braccio e quindi la linea di fuoco.

Il numero di munizioni delle armi è comunicato, dalla protagonista, a voce (conta a voce i colpi che vengono sparati e quanti colpi sono rimasti nell'arma quando la si raccoglie).
Naturalmente non ci sono solo armi da fuoco, ma qualunque oggetto di dimensioni "consone" (dalla mazza da baseball, alla pietra raccolta per terra, all'arma scarica) può essere usato come oggetto contundente per la difesa.

C'è da sottolineare che gli oggetti in mano, possono essere ruotati in tutte le direzioni. Molto singolare è anche il sistema di controllo della salute: abbassando totalmente la visuale (guardandosi i piedi in sostanza), si inquadrerà il petto della protagonista: il tatuaggio a forma di cuore è il nostro indicatore della salute; vuoto, significa salute massima e si riempirà di rosso via via che si subiranno danni (la salute viene recuperata automaticamente lasciando passare un po' di tempo).

A parere mio il gioco è molto bello, è un po' diverso dai soliti sparatutto in prima persona e questo lo rende un po' più intrigante. Inoltre c'è da considare che: gli spazi possono essere esplorati totalmente, l'interazione fisica tra gli oggeti è ottima, i modelli dei dinosauri sono buoni e ben dettagliati.
Devo dare un giudizio non molto buono per quanto riguarda le risoluzioni disponibili: solo fino 800x600. Ma a questo link (consigliatomi da The Ruler che ringrazio moltissimo ), si può trovare la patch per avere risoluzioni maggiori, e molte altre. Inoltre, durante il gioco potete cambiare anche il driver video oltre che la risoluzione.

Il gioco consente di essere installato con tre modalità: minima 121.0 MB, normale 194.0 e Massima 374.0; il gioco fornisce anche la DirectX-06 nel caso vi servisse.